di Davide Rossi , 09.04.2021

I paesi scandinavi e in particolare la Norvegia sono affascinanti in ogni stagione, ma è sicuramente nel periodo estivo che si può trarre il massimo da un viaggio in questo austero e singolare paese nordico.

Se molti scelgono di inseguire l’aurora boreale viaggiando all’inizio dell’inverno, sempre più turisti scelgono invece la Norvegia d’estate: il panorama è certamente diverso, ma il clima più mite rende il viaggio adatto a tutta la famiglia.

Leggi anche “Isole Lofoten: la guida di viaggio”.

A partire da fine maggio, le giornate in Norvegia si allungano sempre di più e le notti diventano sempre più brevi. Questo fenomeno si intensifica maggiormente man mano che si va verso nord e culmina nel “Sole di mezzanotte”, tipico del Circolo Polare Artico.

Le città norvegesi si ripopolano nel periodo estivo, proponendo eventi e festival, mentre sole e clima secco favoriscono escursioni e giornate all’aperto. L’estate è inoltre il periodo perfetto per vedere i Fiordi o per fare gite in barca, oltre che per esplorare alcune città tra le più importanti della Norvegia: la capitale Oslo, la bella Bergen, Tønsberg con la sua proposta culturale e di eventi e per finire Sandefjord, famosa per il suo ritmo rilassato tipico dei villaggi di pescatori.

Se si insegue il sole di mezzanotte, Tromsø è una delle città più indicate per assistere a questo spettacolo della natura.

Clima in Norvegia in Estate

L’estate in Norvegia è piacevolmente ventosa e calda. Il sole splende alto nel cielo portando e le temperature raggiungono i 18º nell’entroterra boscoso e i 25-30º sulle coste. L’aria è secca e le giornate sono lunghissime, con un picco di ore di luce assoluto tra il 20 e il 25 giugno.

Importantissimo, quando si viaggia d’estate in Norvegia, proteggersi dal sole utilizzando cappello, protezione solare alta e occhiali da sole.

Come vestirsi in Norvegia in Estate

Si può tranquillamente adottare un abbigliamento estivo in Norvegia d’estate, ma se si pianificano delle escursioni particolari (una visita ai Fiordi, per esempio) è essenziale prevedere uno strato caldo di lana o pile e abbigliamento anti-pioggia. L’ideale per vivere una vacanza serena è di mettere in valigia un range di capi che va dal costume da bagno alla mantellina impermeabile, passando per maglioncini e scarpe comode.

Se il viaggio prevede delle tappe verso il Circolo Polare Artico, è bene portarsi un abbigliamento consono alle stagioni autunnali tipiche del continente, soprattutto per via dell’escursione estrema tra le ore del giorno e le ore della notte.

Viaggio a Capo Nord

Capo Nord si trova nell’estremità nord dell’isola di Mageroya a circa 2000 km da Oslo, mentre la città più vicina è a circa 30 km e si chiama Honninsvag.

D’estate la temperatura oscilla tra i 10º di media di giugno e il 12-14º di media di agosto, bisogna dunque attrezzarsi diversamente rispetto ad altre zone della Norvegia.

Capo Nord si può raggiungere in camper, in crociera e persino in aereo, ed è il punto ideale per vedere il sole di mezzanotte, fenomeno tipico delle zone del grande nord, soprattutto della Norvegia.

Dalla falesia di Capo Nord sembra di vedere la fine del mondo, ma c’è anche chi vede solamente il punto di partenza per un nuovo viaggio avventura.

Per saperne di più su questa affascinante località, potete leggere le nostre guide di viaggio:

Quando vedere l’Aurora Boreale in Norvegia

La possibilità di vedere l’Aurora Boreale si intensifica a ridosso degli equinozi, quindi tra febbraio e marzo e tra settembre e ottobre. Avvicinandosi al Circolo Polare Artico è probabile vederla in pieno inverno per via dei fenomeni magnetici particolarissimi che si generano nelle ore in cui qualche raggio di luce riesce a filtrare dall’oscurità della notte perenne (di solito quindi tra le 18 e mezzanotte).

La zona settentrionale è la più adatta per andare a caccia di aurore boreali, ma l’ideale è affidarsi ad un tour specializzato per non rischiare di intraprendere un viaggio del genere senza riuscire a portare a casa neanche una fotografia di questo magnifico fenomeno.

Tromsø è una delle città più interessanti della Norvegia quando si parla di aurora boreale e offre la possibilità di godere di questo fenomeno senza avventurarsi in percorsi più complicati e non adatti a chi viaggia con figli piccoli.

Per saperne di più sull’aurora boreale, potete leggere le nostre guide di viaggio: 

Tags

Norvegia


← Come si viaggia nell’era post-covid: l’esempio dell’Islanda

Il sito archeologico di Chichén Itzá (UNESCO): Guida di Viaggio →