di Davide Rossi , 16.04.2020

Con questa guida vogliamo rassicurare tutti coloro che, per la posizione di Capo Nord, pensano che sia una meta improponibile per chi non ha una particolare resistenza al freddo. Capo Nord infatti, contrariamente a quello che si può pensare, è molto freddo solo in inverno.

Già in primavera, a partire dal mese di maggio le temperature superano lo zero per diventare sempre più dolci, soprattutto nei mesi di luglio e agosto: mesi perfetti per scoprire Capo Nord, con i suoi paesaggi e la sua natura incontaminata.

Leggi anche “Dove si trova Capo Nord: la guida di viaggio”.

Il periodo migliore per visitare Capo Nord

Capo Nord è una delle mete preferite dagli amanti dell’avventura, perché è un posto che regala emozioni diverse il tutte le stagioni. In inverno infatti, la neve rende tutto magico. Le cime delle montagne, gli alberi e i tetti delle case ricoperti di soffice neve bianca, danno vita a paesaggi talmente candidi da sembrare irreali.

A tutta questa poesia però si affiancano anche inevitabili disagi. A Capo Nord infatti, tra dicembre e marzo le temperature scendono fino a 6 gradi sotto lo zero, rendendo difficoltosa qualsiasi attività. Per questo è il periodo meno indicato per fare un viaggio da queste parti.

Molto meglio progettare un viaggio in questi luoghi nel periodo estivo, in particolare nei mesi di luglio e agosto. In questo periodo le temperature massime salgono fino a 13 gradi, mentre le minime si assestano attorno ai 5.

In estate poi i colori sono molto suggestivi grazie al sole di mezzanotte, che tinge tutto di un caldo giallo-rosso.

Con l’aumento delle temperature, inoltre, diminuiscono le precipitazioni, anche se non si azzerano completamente, anche in estate infatti bisogna mettere in conto un po’ di cielo nuvoloso e qualche giornata in cui il freddo potrebbe tornare a farsi sentire.

Leggi anche “Clima e Temperature a Capo nord: l’estate è il periodo migliore”.

Quando andare per vedere l’aurora boreale a Capo Nord

Insomma, è chiaro che Capo Nord è spettacolare sia in inverno che in estate. Molti però scelgono questa destinazione perché è una delle postazioni ideali per ammirare l’aurora boreale. In questo caso non vi resta che organizzare la partenza nel periodo compreso da settembre a marzo. In questi mesi infatti, l’aurora boreale, con i suoi giochi di colori, regala uno spettacolo davvero molto suggestivo.

I più temerari non si faranno certo fermare dalle temperature rigide di questo periodo!

Le stagioni a Capo Nord

Ma vediamo meglio quali sono le stagioni di Capo Nord e quali caratteristiche presentano singolarmente.

Inverno

Iniziando dall’inverno, che è il mese che apre l’anno, sicuramente è la stagione più fredda, ma è anche quella che offre la possibilità di fare diverse attività all’aperto, come sciare, avvistare le balene (Whale watching), vivere in tranquillità i fiordi e soprattutto assistere all’aurora boreale, che in inverno raggiunge il suo picco massimo di visibilità.

Primavera

In primavera invece le giornate iniziano ad allungarsi, la neve si scioglie e le temperature iniziano a salire dolcemente. In questo periodo i colori dell’erba, dei fiori e dell’acqua del mare creano contrasti bellissimi creando paesaggi da cartolina.

Estate

In estate, come già anticipato, si raggiungono le temperature più elevate dell’anno, soprattutto sulle coste e nelle zone interne. Le giornate sono molto lunghe e le notti molto brevi per il fenomeno naturale del sole di mezzanotte.

I colori del tramonto si mescolano con quelli dell’alba colorando Capo Nord di tinte di una luce giallo rossa molto suggestiva e romantica.

Leggi anche “Viaggio a Capo Nord in estate: come arrivare e cosa vedere”.

Autunno

In autunno le temperature iniziano nuovamente a scendere, l’aria è più frizzante e i colori sono quelli tipici della stagione. Condizioni perfette per un’escursione in montagna o per una giornata da trascorrere in un centro benessere e farsi coccolare.

Cosa portare in valigia

Il contenuto della valigia per un viaggio a Capo Nord è influenzato naturalmente dal periodo prescelto e dalla capacità di ognuno di resistere al freddo e al caldo. Considerate però che, di fatto, a Capo Nord, non c’è un’estate vera e propria, nel senso che intendiamo noi e a cui siamo abituati.

Le temperature estive da queste parti infatti corrispondono a quelle dei nostri inverni e inizi di primavera. Il consiglio quindi è di portare maglie a maniche lunghe, pile, una giacca a vento leggera, ma anche qualche pile pesante, cappello, guanti, sciarpa, occhiali da sole e un giaccone da neve. Il classico abbigliamento a cipolla, fatto di capi caldi in grado di proteggervi dal freddo, è il segreto per affrontare il viaggio in tutta tranquillità.

Scarpe o scarponi da trekking, calze termiche, una crema solare ad alta protezione completano la valigia perfetta per Capo Nord, in cui non deva mancare una macchina fotografica per immortalare gli splendidi paesaggi che lo caratterizzano.

Tags

capo nord


← Igiene alimentare in viaggio: come proteggersi e cosa evitare

Le città americane più belle che sicuramente non conosci →