di Giovanna Lucchi , 17.01.2020

Capo Nord, basta il nome a scoraggiare i freddolosi a partire per questa destinazione tanto amata dai viaggiatori più avventurosi. La realtà è che, nonostante la sua vicinanza al Polo, a Capo Nord fa meno freddo di quello che si può pensare, grazie alla Corrente calda del Golfo. L'inverno a Capo Nord è la stagione più fredda, anche se le temperature iniziano a scendere sotto lo zero già nel mese di novembre fino ad aprile, per diventare sempre più dolci e gradevoli in estate, soprattutto a luglio e ad agosto. Per questo l'estate è il periodo perfetto per visitare questa meta tanto lontana e aspra quanto affascinante.

Leggi anche “Viaggio a Capo Nord in estate: come arrivare e cosa vedere

Dove si Trova Capo Nord

Capo Nord è una costa rocciosa situata nella parte più settentrionale della Norvegia. Compreso nel comune di Nordkapp, nella contea di Finnmark, incluso a sua volta nella regione di Nord-Norge, Capo Nord si trova nella punta più settentrionale della Norvegia.

Destinazione prediletta per chi ama la natura, da Capo Nord, falesia a strapiombo sul mare che supera i 300 metri di altezza, è possibile osservare da metà maggio e fine luglio il sole di mezzanotte, mentre nei mesi invernali la suggestiva aurora boreale.

Bagnato dal mare di Barents, il comune vive oggi principalmente di pesca e di turismo, grazie anche agli ottimi collegamenti rappresentati dalle strade europee E06 e E69, che attraversa il Tunnel Sottomarino di Capo Nord e costituisce l'ultimo tratto di strada da percorrere prima della destinazione finale.

Leggi anche “Dove vedere l’aurora boreale?”

Clima e temperature in generale

Il clima di Capo Nord da novembre ad aprile presenta temperature sempre al di sotto dello zero. La sua posizione geografica inoltre la espone ai venti freddi del Nord che, soprattutto in inverno e in primavera, soffiano violenti su questa costa rocciosa.

Queste temperature rigide invernali tuttavia non fanno mai ghiacciare le acque del mare, che anche nei mesi più freddi, si mantengono mediamente intorno a 5 gradi.

Solo da maggio a ottobre le temperature salgono, per raggiungere quelle più elevate a luglio e ad agosto, mesi in cui si aggirano mediamente attorno ai 12, 13 gradi.

L’estate è il periodo migliore per visitare Capo Nord

Come avrete capito l'estate è il periodo migliore per un viaggio a Capo Nord.
Le temperature minime a luglio e ad agosto difficilmente scendono sotto gli otto gradi, mentre quelle massime, decisamente più gradevoli, si aggirano attorno ai 12, 13 gradi di media.

Più freschi i mesi di giugno e settembre, mesi in cui le temperature medie minime si assestano attorno ai 5 gradi, mentre quelle massime intorno ai 9 gradi. Le temperature però non sono l'unico fattore di cui tenere conto per scegliere il periodo in cui partire. L'estate è infatti da preferire anche per le piogge, molto più scarse rispetto al periodo invernale, che si manifestano mediamente per 9/10 giorni al mese. L'estate inoltre regala ai turisti in visita l'esperienza del sole di mezzanotte, visto che il sole da metà maggio alla fine di luglio non tramonta mai.

Leggi anche “Viaggio a Capo Nord in estate: come arrivare e cosa vedere”.

Il clima a Capo Nord durante le altre stagioni

L'inverno è la stagione più fredda di Capo Nord. A dicembre e a marzo le temperature medie minime scendono fino a 4 gradi sotto lo zero, mentre le massime di un solo grado sotto lo zero. Gennaio e febbraio invece sono i mesi più freddi, visto che le temperature medie minime arrivano fino a 6 gradi sotto lo zero, mentre le massime si assestano solo sui 2 gradi sotto.

In primavera le temperature, seppur di poco, iniziano a salire, soprattutto a maggio dove, anche se solo di due gradi, le minime superano lo zero, mentre le massime i 5 gradi sopra lo zero. L'autunno a capo Nord presenta temperature sopra lo zero. Settembre è addirittura il mese più caldo, con temperature massime di 9 gradi sopra lo zero, mentre a ottobre e novembre i gradi iniziano a scendere, tanto che a novembre le medie massime superano in genere solo di un grado lo zero.

Assicurazione viaggio per la Norvegia

Pur non essendo parte dell’Unione Europea, in Norvegia i cittadini europei hanno la possibilità di utilizzare la propria tessera europea di assicurazione malattia (TEAM) che offre il diritto di essere curati gratuitamente per la maggior parte delle prestazioni mediche.  

Tuttavia, l’arcipelago delle Svalbard (Longyearbyen), che non fa parte dello Spazio Economico Europeo e la tessera sanitaria non è valida per questa zona.

Per tale motivo, la Farnesina raccomanda di stipulare, prima della partenza, un’assicurazione sanitaria che includa la copertura anche per un’eventuale rimpatrio al domicilio (mai prestato gratuitamente con la TEAM)  o il trasferimento in un altro paese.

La Columbus offre la sua assicurazione sanitaria per la Norvegia, che prevede un massimale illimitato per le spese mediche e, se necessario, il rientro sanitario in Italia o il trasferimento in un altro paese.

Contatta il nostro Servizio Clienti al numero 800 986 782 per avere maggiori informazioni o visita la pagina dedicata!

Tags

Norvegia


← Pasqua 2020: destinazioni Top in Italia e in Europa

Pasqua negli Stati Uniti: come si festeggia e dove →