di Giovanna Lucchi , 31.07.2020

Chi è alla ricerca di un luogo tranquillo in cui fare bellissime passeggiate, ammirare paesaggi mozzafiato e praticare attività all'aperto, troverà tutto quello che desidera alle isole Lofoten.

Una meta in cui, alle poche città moderne si alternano moltissimi villaggi di pescatori e in cui, grazie ai musei sparsi sul territorio, è possibile scoprire le tradizioni delle antiche civiltà vichinghe.

Tanti i motivi per visitare queste isole meravigliose, per una vacanza dominata dalla magnificenza della natura.

Come raggiungere le isole Lofoten?

La distanza delle isole Lofoten sicuramente non scoraggerà il viaggiatore più avventuroso, abituato a conquistare la meta con un percorso a tappe. Il viaggio infatti prevede il cambio anche di diversi mezzi di trasporto e quindi di qualche attesa. C'è da dire però che una volta arrivati, la bellezza mozzafiato di questi posti vi farà dimenticare i piccoli disagi incontrati durante il percorso.

Ora però arriviamo al punto e vediamo come si possono raggiungere queste bellissime isole della Norvegia.

Via terra è possibile raggiungere le isole in treno con fermata a Stoccolma, dove si può noleggiare un’auto o prendere un autobus oppure fermarsi a Oslo e poi cambiare convoglio per arrivare a Bodo. Chi invece vuole fare un viaggio nel viaggio può andare in auto percorrendo la strada panoramica Lofast E10. Gli autobus sono perfetti per muoversi sul posto, una volta arrivati: le stazioni principali si trovano a Bodo e Harstad e Narvik.

Chi preferisce l'aereo e non vuole fare scali può prendere la Norvegian, in caso contrario può atterrare a Oslo, dopo uno scalo, e optare per uno dei tanti voli diretti a Bodo, da cui ne partono diversi per le Lofoten.

Il viaggio in nave è sicuramente il più suggestivo, perché permette di godere pienamente tutta la bellezza delle isole. Chi vuole vivere questa esperienza può prendere uno dei tanti traghetti in partenza da Bodo.

Quando vedere l’Aurora Boreale alle Isole Lofoten?

La stagione ideale per godersi l'Aurora Boreale dalle isole Lofoten è la primavera. Da marzo le temperature iniziano a salire e le piogge si fanno meno frequenti, a differenza di quanto accade da settembre a dicembre, periodo in cui piove di più e più spesso. Condizioni non proprio ideali per godersi questo fenomeno naturale.

Leggi anche “Vedere l’aurora boreale alle Isole Lofoten: la guida di viaggio”.

Qual è il periodo migliore per visitare le Isole Lofoten?

Le isole Lofoten si trovano sulla costa nordoccidentale della Norvegia, la più esposta all'influenza del mare, che porta un clima fresco e umido, a causa delle continue perturbazioni che caratterizzano la zona e che portano per la maggior parte dell'anno piogge, vento e nuvolosità.

Le temperature però, proprio grazie alla corrente del Golfo, sono relativamente miti in inverno e fresche in estate. I mesi più freddi sono quelli di gennaio e febbraio, in cui le temperature, anche se di poco, scendono sotto lo zero. Luglio e agosto, al contrario, presentano temperature medie che si aggirano attorno ai 12 gradi. Per quanto riguarda le piogge il mese più piovoso è ottobre, mentre i mesi più secchi sono maggio e giugno.

Il periodo migliore per visitare le Lofoten è quindi quello estivo da giugno ad agosto, anche se condizioni più che godibili si possono trovare ad aprile, grazie alla graduale diminuzione delle piogge.

Cosa vedere alle Isole Lofoten?

Le isole Lofoten sono la meta ideale per chi ama gli spazi aperti, la natura incontaminata e i paesaggi da cartolina. La natura infatti è la padrona assoluta di queste isole, dove però sono ancora presenti tracce della storia vichinga, come testimoniato dai diversi musei dedicati alla loro storia.

Da scoprire infine le città, i villaggi dei pescatori e gli antichi borghi, per l'architettura dei loro edifici e per l'offerta gastronomica di pub e ristoranti in cui potete gustare i piatti della tradizione norvegese a base di pesce, cereali, frutti di bosco, agnello e salumi.

Ecco quindi qualche idea sulle cose da vedere e da fare alle isole Lofoten:

- Isola Vaeroy
- Faro Skomvær a Røst per ammirare l'Oceano Atlantico
- Trollfjord per avvistare le aquile di mare
- Svolvær la capitale delle isole, per dormire in una Rorbu, casa tipica dei pescatori
- Il villaggio di Reine (Isola di Moskenesøya)
- Moskenes, molto attivo dal punto di vista artistico e culturale
- Lofotr Viking Museum (Isola Vestvågøya)
- Viking Museum Sagastad (Nordfjordeid)
- il Museo dello Stoccafisso di Moskenesoy
- Vågan Kirke, la Cattedrale delle Lofoten nel villaggio Kabelvåg
- Edvard Grieg House nella città di Bergen
- Oslo famosa per le sue aree verdi e i suoi Musei

Tags

Norvegia


← Le 5 spiagge più belle di Procida

Playa de Ses Illetes: perché è la spiaggia più bella di Formentera →