di Davide Rossi , 17.08.2020

Quando si parla della Grecia non possiamo far altro che pensare a due cose: storia e filosofia. Del resto la Grecia è conosciuta come “la culla della civiltà occidentale”, ma sicuramente non è per questo che migliaia di turisti visitano ogni anno le sue spiagge.

Le isole, il mare e le varie coste della Grecia sono conosciute in tutto il mondo, grazie a panorami da cartolina e spiagge meravigliose che non hanno nulla da invidiare a quelle dei Caraibi. Non a caso, il tramonto sull’isola di Santorini è considerato uno dei più belli del mondo.

Leggi anche “Dove vedere i tramonti più belli del mondo”.

Ci sono centinaia di isole in tutta la Grecia, tra lo Ionio e il mar Egeo, ognuna con paesaggi e peculiarità spesso diverse tra loro, per questo stilare una lista dei punti d’interesse più belli è un compito arduo ma, parlando di spiagge, possiamo sicuramente citarne almeno un paio tra le più belle e particolari.

Elafonissi Pink Beach, Creta

La spiaggia rosa di Elafonissi è sicuramente la più conosciuta e apprezzata dai turisti che si recano a Creta: non ha bisogno di alcuna pubblicità per attirare attenzione, basterà guardare una sua foto e saremo attratti magneticamente da questo splendido tratto di costa.

La sabbia rosa di Elafonissi Beach è tra le più belle al mondo e non ha nulla da invidiare a quella di Harbour Island alle Bahamas o Ses Illetes a Formentera. I colori, il suo mare cristallino di un color turchese acceso, i fondali bassi e sabbiosi, la rendono assolutamente uno dei luoghi da visitare almeno una volta nella vita per tutti gli amanti del mare e della vita da spiaggia.

Leggi anche “10 posti assolutamente da visitare almeno una volta nella vita”.

Il litorale è attrezzato con piccoli chioschi che offrono cibo e bevande, e una volta giunti lì, avrete la possibilità di noleggiare ombrelloni e lettini. In alta stagione, la percentuale di visitatori che si riversano qui è molto alta, e per godere appieno della tranquillità della spiaggia si può scegliere di pernottare direttamente in loco, approfittando delle prime ore della giornata per fare un tuffo solitario, quando vi sono ancora pochi visitatori della spiaggia.

Pernottare in zona è il modo migliore per godere della tranquillità della spiaggia nelle prime ore del mattino, ma per vivere questa esperienza bisogna prenotare molto in anticipo. Questo perché le uniche strutture presenti, anche se prendono il nome “resort”, non sono altro che dei piccoli e caratteristici affittacamere/ taverna con vista sulla baia.

Se non si riesce a pernottare direttamente in loco, una valida alternativa è quella di sistemarsi nelle vicine Kissamos o Chania, che distano rispettivamente quaranta e settanta km. Noleggiando l’auto e percorrendo una strada che, soprattutto nell’ultimo tratto, diventa un po’ tortuosa ma offre dei panorami bellissimi e suggestivi, potrete così giungere alla spiaggia rosa in poco più di un’ora e mezza, lasciando l’auto nel grande parcheggio gratuito adiacente.

In alternativa all’auto potrete però sempre prendere un traghetto che parte da Paleochora raggiungendo Elafonissi in un’ora di traversata. Infine, un altro modo per muoversi infine sarà quello di utilizzare un pullman che qualsiasi tour operator o albergo mette solitamente a disposizione per visitare la spiaggia.

L’isola di Elafonisi

Proprio di fronte alla spiaggia rosa di Elafonissi, lungo la costa sud-occidentale di Creta, si trova “L’isola di Elafonisi”, che, ovviamente, può creare non poca confusione a causa dell’omonimia.

Se si vuole cercare un po’ di tranquillità, anche in estate, si può organizzare un’escursione sulla piccola isola che, durante la bassa marea, è raggiungibile facendo una passeggiata su di una piccola lingua di sabbia che rimane allo scoperto e collega l’isola a Elafonisi Beach (Creta).

Per quanto riguarda l’alta marea, invece, non c’è da preoccuparsi, l’acqua anche a queste condizioni non va mai oltre il ginocchio.

Qui lo scenario apparirà molto più selvaggio con pochissime strutture e piccole baie isolate, nella parte più estrema dell’isola si trovano un faro e la piccola cappella di Agia Irini.

L’isola di Elafonisi è un’area protetta dove si trovano più di cento tipi di piante rare che crescono rigogliose solo in queste aree particolari: tra queste segnaliamo i meravigliosi narcisi bianchi che, per la gioia dei turisti, fioriscono proprio durante l’estate.

Elafonisi è un luogo spettacolare dal punto di vista paesaggistico, ma è comunque un luogo piuttosto scarno a livello di strutture. Qui, però, avrete la possibilità di avventurarvi in un percorso trekking per ben undici chilometri, costeggiando il mare fino a Paleochora.

La spiaggia di Balos bay, Creta

Per alcuni seconda in bellezza solamente alla splendida Elafonissi Beach, Balos Bay non ha nulla da invidiare a nessun’altra spiaggia dell’isola, infatti l’immagine iconica che migliaia di turisti hanno di Creta è proprio il panorama da cartolina che offre questa baia selvaggia con la sua romantica spiaggia rosa.

Anche qui, grazie ai piccolissimi pezzi di conchiglie e coralli che nel tempo si sono frantumati con l’azione del mare e dei pesci, e unitisi poi alla sabbia bianca, si può godere di una spettacolare spiaggia dalla colorazione rosa.

Le sue acque sono limpide e costituite da bassi fondali vicino alla costa, diventando così un luogo ideale anche per poter far giocare i bambini in tutta sicurezza, spostandosi invece più al largo si potranno sfruttare fondali un po’ più profondi per fare snorkeling.

La baia di Balos, come Elafonisi, è una zona protetta dove si possono ammirare diverse specie di animali e di piante, tra cui i cormorani che fanno il loro nido nelle grotte vicino alla spiaggia, e il falco di Eleonora.

Purtroppo sono diventati rari gli avvistamenti delle tartarughe marine caretta, che qui vengono a deporre le uova, come anche quelli della foca monaca mediterranea.

Come raggiungere Balos Bay

La spiaggia si trova a nord della penisola di Gramvoussa nella parte occidentale dell’isola e per raggiungerla vi sono due possibilità:

  • Via nave, salpando dal porto di Kissamos a tarda mattinata e trascorrendo un’ora abbondante sul traghetto, potendo sostare nella baia per circa tre ore per poi apprestarsi a rientrare.
  • In automobile, da Chania che dista 50 km, percorrendo un pezzo di superstrada fino a Kissamos e un pezzo di strada sterrata dal piccolo paesino di Kaliviani fino a Balos bay. All’ingresso della strada sterrata è previsto un piccolissimo pedaggio che permetterà di arrivare al parcheggio vicino alla baia, da qui si prosegue a piedi per circa una ventina di minuti per raggiungere la spiaggia.

Durante l’alta stagione la spiaggia rosa di Balos è molto frequentata, soprattutto nelle ore centrali della giornata dopo l’arrivo delle navi cariche di turisti. Se si vuole godere della bellezza di questa baia in quasi totale solitudine e tranquillità, è meglio scegliere l’opzione dell’auto e raggiungere la baia al mattino presto oppure nel tardo pomeriggio, godendo così di uno splendido tramonto sulla soffice sabbia rosa della baia.

Esattamente come per Elafonissi, i luoghi migliori dove pernottare per raggiungere l’incantevole Balos Bay, sono i vicini paesi di Kissamos e Chania ma, in alternativa, è possibile cercare un soggiorno nel piccolo paesino di Kaliviani, circondato da uliveti e campi.

Sicuramente un soggiorno all’insegna del totale relax e un ottimo punto di partenza per le varie escursioni della zona.

Non perdere la guida di viaggio per l’Isola di Creta

L’Isola di Creta è l’Isola greca che ha più da offrire ai suoi turisti: natura, spiagge da sogno e siti archeologici riescono a conquistare sia giovani che famiglie con bambini.

Leggi anche “Mete estive in Europa per giovani: le destinazioni top”.


Per saperne di più su questa questa meta perfetta non solo per i mesi estivi, ma anche in primavera, potete leggere le nostre guide di viaggio:

Tags

Grecia


← Il Cammino di Santiago: itinerari, consigli, tappe e costi

In vacanza a Mykonos a settembre? Ecco cosa troverai →