di Davide Rossi , 16.02.2022

Quando si parla di “Monumenti”, gli Stati Uniti non sono certo il primo paese che viene in mente. La Nazione a stelle, infatti, è conosciuta in tutto il mondo per luoghi come il Grand Canyon, per il Central Park, per i maestosi grattacieli delle grandi città e per tutto quello che concerne lo stile di vita americano.

In America però, dove “Tutto è più grande”, sono presenti anche grandi monumenti famosi in tutto il mondo, primo tra tutti la Statua della Libertà, un’icona conosciuta in tutto il mondo.

In questa guida di viaggio, abbiamo pensato di raccontare un aspetto storico-culturale dell’America spesso trascurato, ma di grandi importanza e fascino.

Non a caso, i monumenti presentati in questo post, sono sempre visitati dai tanti viaggiatori italiani che si recano in vacanza negli Stati Uniti.

Leggi anche “Assicurazione sanitaria di viaggio per gli Stati Uniti”.

Statua della Libertà

Probabilmente uno dei monumenti più famosi al mondo e sicuramente il più importate degli Stati Uniti d’America, la Statua della Libertà non ha bisogno di presentazioni.

La statua si erge, con i suoi 93 metri di altezza, sulla rocciosa Liberty Island, al centro della baia di Manhattan e, più precisamente, all’entrata del porto del fiume Hudson. Questo monumento fu donato dai francesi agli Stati Uniti nel 1886 e nel 1984 è stato riconosciuto Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

La statua, visibile fino a 40 chilometri di distanza, rappresenta la Dea Ragione, mentre i vari elementi che la compongono sono il simbolo della libertà e dell’indipendenza del popolo americano.

Leggi anche “Statua della Libertà, la guida di viaggio

Monte Rushmore

Il Monte Rushmore, un monumentale complesso scultoreo, si trova sul massiccio montuoso delle Black Hills, nel Dakota del Sud. Scolpito nella roccia e formato da enormi blocchi granitici, è stato categorizzato come monumento naturale dalla Classificazione Internazionale delle aree protette.

Il monumento rappresenta i primi 150 anni della storia americana, attraverso i volti scolpiti di:

  • George Washington, che rappresenta la nascita degli Stati Uniti
  • Thomas Jefferson, che rappresenta la crescita del Paese
  • Theodore Roosevelt, che ne rappresenta lo sviluppo 
  • Abraham Lincoln, che rappresenta la conservazione

La creazione del Monte Rushmore ha richiesto 14 anni di lavoro, più precisamente dal 1927 al 1941.

Leggi anche “Monte Rushmore: tutto quello che devi sapere”.

Crazy Horse Memorial

Nello stesso sito in cui si erge il Monte Rushmore, ossia sulle Black Hills nel Dakota del Sud, è possibile ammirare un altro complesso scultoreo: quello del Crazy Horse Memorial.

Questa scultura, in realtà, è ancora in costruzione, ma quando sarà completata, sarà la più grande scultura nella roccia del mondo.

Si tratta infatti di 195 metri di larghezza e di 172 metri di altezza. Per intendere meglio le dimensioni di questo monumento, si consideri che i volti del Monte Rushmore sono alti “solo” 18 metri.

Il monumento del Crazy Horse nasce nel 1939 in reazione al Monte Rushmore, considerato un affronto dal popolo dei Lakota, in quanto è un monumento che celebra l’uomo bianco ed è stato eretto in un territorio sacro per gli indiani.

Per questo motivo, la scultura del Crazy Horse rappresenta l’ultimo Sioux, un gruppo etnico nordamericano. Nonostante sia ancora in fase di lavori, il monumento può essere visitato anche adesso.

Washington Monument

Eretto nella capitale americana, al centro del National Mall, il Monumento a Washington è stato creato per commemorare il primo presidente degli Stati Uniti d’America, nonché suo fondatore.

Si tratta di un obelisco di marmo, granito e arenaria alto 169 metri, ed è il nono edificio più alto della città, nonché uno dei monumenti in marmo più alti al mondo.

La costruzione di questo obelisco cominciò nel 1848 e terminò nel 1888 a causa di una interruzione dei lavori durata 30 anni. Questa interruzione così lunga ha comportato una sensibile differenza del colore del marmo utilizzato per il rivestimento, visibile a circa 45 metri di altezza.

Memoriale per l’11 settembre

Questo monumento sorge nel punto esatto del World Trade Center in cui prima si trovavano le Torri gemelle. Inaugurato l’11 settembre 2011, esattamente 10 anni dopo il terribile attacco terroristico, il memoriale è composto da due vasche che occupano il posto lasciato dalle Torri.

Le vasche, con i loro 4000 metri quadrati, rappresentano la tragica perdita di così tante vite umane e sono circondate da circa 400 alberi.

Leggi anche “Il grattacielo più alto di New York”.

Sui bordi delle due vasche si leggono i nomi delle 2983 vittime scritti su 76 placche di bronzo. Sulla vasca situata in corrispondenza della Torre Nord ci sono i nomi delle vittime di questa torre e dei passeggeri del volo che ha colpito questa torre.

Sull’altra vasca, invece, ci sono i nomi delle vittime della Torre Sud e dei passeggeri del volo che ha colpito la Torre Sud.

Il luogo è profondamente contemplativo in quanto il suono dell’acqua attutisce i rumori della città.

Leggi anche “I monumenti di New York: la Top 10”.

Il Lincoln Memorial

Come lascia intendere il nome stesso, il Lincoln Memorial è un monumento costruito in onore del sedicesimo presidente degli Stati Uniti e si trova nel National Mall, ossia lo stesso viale monumentale dove si erge anche il Washington Monument.

Il monumento è composto da un edificio dalle sembianze di un tempio dorico e da una enorme statua, raffigurante il presidente seduto che guarda verso il Washington Monument, alta 5,8 metri.

Il Lincoln Memorial è chiaramente ispirato al Tempio di Zeus a Olimpia, ed è l’unico edificio in stile greco in una città costruita integralmente secondo lo stile romano.

Leggi anche “Il Lincoln Memorial”.

Gateway Arch

Questo monumento ha vari nomi: in italiano è conosciuto come Arco della Porta, ma prende anche il nome di Gateway to the West, ossia Porta verso l’ovest.

Si tratta di un arco monumentale situato nella città di St. Louis in Missouri. L’arco è alto 192 metri ed è largo (alla base) altri 192 metri. La costruzione iniziò nel 1963 per terminare poi nel 1965 ed essere aperto al pubblico nel 1967.

La struttura è probabilmente ispirata a quella dell’arco che doveva essere costruito a Roma nel 1942 in occasione dell’Esposizione Universale, che però non vi fu a causa dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale.

Leggi anche “Cosa vedere a Saint Louis, Missouri, lungo la Route 66”.

Christ of the Ozarks

Situata in Arkansas, sulla cima della Magnetic Mountain, questa statua alta 20 metri rappresenta Gesù, ed è stata eretta nel 1966.

Il monumento ha uno stile moderno e minimalista: il viso non ha molti dettagli e nel complesso le linee sono molto semplici.

Le braccia allargate rappresentano la crocifissione anche se non c’è nessuna croce.

Bunker Hill Monument

Questo monumento è stato eretto in onore della battaglia di Bunker Hill, ossia una delle battaglie più importanti della rivoluzione americana che ebbe luogo nel 1775. Si tratta di un obelisco di granito alto 67 metri e costruito tra il 1825 e il 1843.

Si trova a Boston e sulla sua cima, dopo una scalinata di 294 gradini, sarà possibile ammirare una vista mozzafiato su tutta la città.

Martin Luther King Jr. Memorial

Sempre a Washington ma stavolta accanto al National Mall, si trova il monumento dedicato a Martin Luther King Jr.

Questo memoriale è composto da una statua di granito bianco alta 9 metri e chiamata “Stone of Hope”, ossia “Pietra della speranza”, nome che prende inspirazione dal celebre discorso del leader dal titolo “I have a dream”.


← Santa Fe, New Mexico: cosa vedere in viaggio lungo la Route 66

Visto per Cuba, Turistico o di lavoro: come richiederlo →