di Giovanna Lucchi , 12.06.2019

Il Grand Canyon, situato all’interno dell’omonimo parco, è una delle più famose attrazioni americane, uno spettacolo della natura che entra a pieno titolo nella lista dei “Luoghi da vedere almeno una volta nella vita”.

Situato in Arizona, il Grand Canyon, che copre una superficie di circa 5000 chilometri quadrati, è tecnicamente una Gola, profonda in alcuni punti più di 1800 metri.

Per visitarlo potete partecipare ad un tour organizzato o recarvi direttamente lì in auto, ma una volta arrivati vi troverete di fronte ad una scelta fondamentale: South Rim o North Rim?

Leggi anche “Gli 8 parchi nazionali americani più belli”.

South Rim: punti d’osservazione e percorsi


Come abbiamo anticipato, l’esplorazione del Grand Canyon inizia principalmente da due versanti: il South Rim e il North Rim. Il versante sud è sicuramente quello preferito dai turisti, il più visitato, il più “Comodo” ma sicuramente anche il più affollato.

La ragione principale è che sul versante sud sono presenti maggiori strutture, hotel, campeggi e ristoranti in primis, ma anche la visita del Canyon è sicuramente più semplice partendo da qui.

In generale, se è la prima volta che visitate il Grand Canyon, probabilmente la scelta migliore è partire dal South Rim.

Ad ogni modo, entrambi i versanti vantano punti di osservazione eccezionali, dove scattare foto memorabili, soprattutto al tramonto o all’alba.

Di seguito riportiamo i principali punti di osservazione del South Rim.

Leggi anche “10 posti assolutamente da visitare almeno una volta nella vita

Desert View Watchtower


Il Desert View Watchtower si trova vicino ad uno dei 2 ingressi del South Rim ed è uno dei modi migliori per iniziare la vostra visita.

Qui troverete l’omonima torre, il punto d’osservazione più alto di tutto il South Rim, da dove è possibile ammirare una vista a 360° su tutto il Canyon. La struttura è una riproduzione di un’antica torre indiana, realizzata nel 1932.

Senza ombra di dubbio, Desert View Watchtower è uno dei punti d’osservazione più belli di tutto il Grand Canyon.

Cedar Ridge


Cedar Ridge è un punto di osservazione di singolare bellezza, prevede un percorso che dura circa un’ora e mezza a piedi e si trova a sud del Kaibab Trail.

Skeleton Point


Per raggiungere Skeleton Point vi attende una lunga camminata ma il risultato finale sarà una spettacolare vista sulla vallata, che vi permetterà anche di avvistare in lontananza il fiume Colorado.

Il Rim Trail


Il Rim Trail è sicuramente uno dei percorsi più semplici da affrontare, nonostante sia lungo circa 20 chilometri. Ciò è dovuto alla presenza di mini-bus e di strade asfaltate che agevolano di molto la visita di questa zona del parco.

All’interno di questo percorso sono presenti diversi punti d’osservazione.

Bright Angel Trail


Il Bright Angel Trail è un percorso di circa 15 km che scende a valle fino ad incontrare il fiume Colorado. Si tratta di un percorso molto apprezzato dai turisti perché prevede diverse piazzole di sosta attrezzate lungo il percorso.

South Kaibab Trail


Il South Kaibab Trail è un altro dei più apprezzati percorsi da seguire all’interno del Grand Canyon. Il percorso è lungo più di 10 chilometri, è considerato abbastanza impegnativo e si conclude a Skeleton Point, dove è possibile ammirare una vista a 360° sul Canyon.

Grandview Trail


Un percorso interessante, famoso per le spettacolari rocce ma considerato anche molto ripido.

North Rim: punti d’osservazione e percorsi


La visita del Grand Canyon dal versante nord è consigliata ai più esperti e a chi è in forma. Questo perché l’attraversata dei suoi sentieri è più faticosa rispetto al versante sud.

Nel versante nord non è presente il servizio di navetta, molto utile nel South Rim, e i turisti affrontano i percorsi di questo versante del Canyon camminando zaino in spalla o in auto (dove le strade lo permettono).

A fronte di una maggiore difficoltà c’è però il vantaggio di incontrare meno persone durante la traversata. L’atmosfera più solitaria e selvaggia permette, inoltre, di scattare foto molto suggestive.

Tenete anche presente che le poche strutture turistiche nei pressi del North Rim non sono aperte dai primi di ottobre a metà maggio.

Bright Angel Point


Il percorso per raggiungere il Bright Angel Point, nel North Rim, è considerato uno dei più semplici, merito soprattutto della stradina asfaltata.
Se decidete di visitare il versante nord, raggiungere Bright Angel Point , dove vi attende uno splendido panorama, è sicuramente un ottimo inizio.

Widforss Trail


Il widforss trail deve il suo nome ad un importante artista, paesaggista, americano: Gunnar Widforss. Il percorso, situato nel North Rim è lungo circa 8 km e prevede l’attraversamento di una foresta.
Non è certamente uno dei percorsi più semplici da affrontare, il terreno infatti può essere molto impervio, ma la vista da Widforss Point merita certamente la fatica.

Cape Royal Road


La Cape Royal Road è una strada vera, asfaltata e percorribile con un’auto. Lunga circa 30 chilometri conduce fino all’Angel Window, ma anche lungo percorso non mancano interessanti punti di osservazione.

Vediamo in ordine:

  • Greenland Lake
  • Vista Encantada Picnic Area
  • Roosevelt Point
  • Cape Final Trailhead
  • Walhalla Point
  • Cliff Spring Trailhead

North Kaibab Trail


Il North Kaibab Trail è uno dei percorsi più emozionanti del North Rim, ma anche uno dei più impegnativi di tutto il Grand Canoyn. Lungo circa 23 chilometri, tra i luoghi più importanti da vedere ci sono sicuramente le Ribbon Falls.

Assicurazione Viaggio per il Grand Canyon

Prima di intraprendere un viaggio per il Grand Canyon è importante ricordarsi di stipulare un’assicurazione sanitaria per gli USA.
Il sistema sanitario statunitense, infatti, è differente da quello italiano in quanto è completamente privatizzato ed è uno dei più costosi al mondo.
Per affrontare imprevisti legati alla vostra salute, e non solo, Columbus fornisce un’assicurazione di viaggio all’estero con la copertura per spese mediche illimitate.


← Dove andare a settembre 2019? 5 mete top

Che cosa si celebra in Cina durante la Festa del doppio sette? →