di Giovanna Lucchi , 12.01.2021

Nell’immaginario collettivo, le Isole Bermuda rientrano certamente tra le località più belle del mondo, soprattutto per chi ama il mare e l’abbronzatura fuori stagione. Se avrete la fortuna di visitare questa località, capirete subito che qui basta poco per stare bene: un paio di infradito, un costume, qualche vestito e, ovviamente, un paio di Bermuda.

Le isole Bermuda sono un arcipelago situato nell’Oceano Atlantico, composto da moltissimi isolotti di cui solo una ventina abitati, anche perché alcuni sono della dimensione di uno scoglio. Si tratta inoltre del territorio d’oltremare britannico più antico.

Quando andare alle Bermuda: il periodo migliore

Le Bermuda fanno parte dei Caraibi e conservano un clima mite durante tutto l’anno, anche se le precipitazioni sono abbondanti ma ben distribuite. La stagione migliore in cui è consigliato prenotare per le Isole Bermuda è l’estate, da aprile a settembre. Sono isole dell’Oceano Atlantico quindi la temperatura dell’acqua in inverno si abbassa e anche se sulle isole la temperatura rimane mite anche in inverno, farsi il bagno diventa quasi impossibile.

La stagione degli uragani è a giugno ma le Isole Bermuda, rispetto ad altre caraibiche, ne sono molto meno colpite.

Cosa vedere e cosa fare alle Bermuda

Oltre alle spiagge non mancano i luoghi da visitare. Una delle attrazioni più affascinanti da visitare alle Bahamas sono le Crystal Caves ovvero le grotte di cristallo. Sottoterra queste grotte ospitano acqua limpida, piscine sotterranee e formazioni di stalattiti che risalgono a milioni di anni fa.

Nel pittoresco Flatts Village, ad Hamilton, troviamo il Bermuda Aquarium, Museum & Zoo, fondato nel 1926. Nel museo è interessante la realizzazione di due sezioni, una riguardante la storia naturale delle isole delle Bermuda, l’altra l’impatto che l’uomo ha avuto sulle specie animali e l’ecosistema marino.

Nell’acquario potrete invece ammirare la riproduzione della barriera corallina con una collezione di coralli vivi e di 200 specie diverse di pesci e invertebrati marini delle Bahamas.

Infine non possiamo non citare il Dolphin Quest, nelle vicinanze del Museo Nazionale offre ai turisti e ai visitatori l’opportunità di nuotare con i delfini.

Il mare e le spiagge delle isole Bermuda

Sull’isola principale Great Bermuda, Church Bay è una piccola ma bellissima insenatura, perfetta per fare snorkeling, data la presenza della barriera corallina, fragile ecosistema che dona una flora e fauna colorata e variegata. Horseshoe Bay Beach con il suo particolare colore rosa e la forma a ferro di cavallo, è la spiaggia più popolare delle Isole Bermuda e, proprio per questo, è molto frequentata.

Se volete una spiaggia dove poter stare più isolati, un’ottima scelta è vi Long Bay a Cooper Island. Questa spiaggia si trova all’interno di una riserva naturale, l’acqua è sempre calma e cristallina e, per il momento, è al riparo dal turismo di massa.

Il triangolo delle Bermude (tra storia e leggenda)

Il triangolo delle Bermuda è una zona dell’Oceano Atlantico che si trova tra Miami, Porto Rico e le isole Bermuda. Viene chiamata anche Triangolo del Diavolo, perché il numero di navi, aerei e persino sommergibili affondati e mai ritrovati è incredibilmente alto.

In realtà non sappiamo ancora se innanzitutto le sparizioni siano realmente molto più alte rispetto ad altre zone intensamente trafficate come questa, e se il triangolo delle Bermuda non sia solo una leggenda. Fatto sta che è considerato uno dei luoghi più misteriosi della terra, dove probabilmente c’è ancora molto da scoprire.

Le guide di viaggio per il Mar dei Caraibi

Chi non vorrebbe andare in vacanza nel Mar dei Caraibi? In effetti, i Caraibi sono un po’ come la Sardegna, solamente che fa caldo tutto l’anno e che si può fare il bagno quando da noi è inverno.

Se state pensando di andare in vacanza ai Caraibi, dovete scegliere l’isola migliore per voi sia in base al periodo, sia in base alle vostre esigenze.

Per aiutarvi nella scelta, vi segnaliamo alcune nostre guide di viaggio.


← Safari in Tanzania: la guida di viaggio

Cosa vedere a Saint Louis, Missouri, lungo la Route 66 →