di Davide Rossi , 30.09.2020

Le isole Bermuda, nel mezzo dell’Oceano Atlantico, sono riuscite a divenire famose per vari motivi: come vertice del fantomatico triangolo di mare in cui sarebbero scomparsi diversi aerei e navi, come paradiso fiscale, ma per chi ama il mare e ama viaggiare, “Bermuda” vuol dire vuol dire anche “Spiagge rosa”.

Una delle più famose e importanti è Horseshoe Bay Beach, nella parte meridionale della c.d. Grande Bermuda, la maggiore isola dell’arcipelago. Qui il mare cristallino tipico di questi luoghi incontaminati si infrange sua una spiaggia sabbiosa che assume caratteristiche sfumature rosate. Non parliamo ovviamente di un colore molto acceso, ma una tonalità delicata che risalta maggiormente nelle belle giornate, quando la luce del sole si riflette sulla sabbia donandole un grande fascino.

La spiaggia rosa di Horseshoe Bay Beach deve la sua peculiarità non a strani giochi di luce, ma alla presenza nelle acque antistanti di una particolare specie di plancton unicellulare dal guscio rosso che vive sotto la barriera corallina. Questi protozoi si depositano sui fondali dove vanno a mescolarsi con altri elementi presenti, soprattutto residui di coralli, donando alla sabbia quel caratteristico colore rosa.

Dove si trova Horseshoe Bay Beach

La spiaggia rosa di Horseshoe Bay Beach si trova a Southampton Parish nella parte sud-occidentale dell’arcipelago delle Bermuda, ed affaccia verso l’aperto Oceano Atlantico.

Curiosamente in passato si è indicata con Horse-shoe Bay anche una diversa baia dell’arcipelago, situata a Tucker’s Island, parte di quello che oggi è chiamato Morgan's Point, una ex base militare statunitense.

Come raggiungere Horseshoe Bay Beach alle Bermuda?

Alle Bermuda arrivano molti turisti in crociera che approdano, dunque, nell’ampio porto di King's Wharf o Dockyard. Qui è presente anche un aeroporto nella parte settentrionale, il ché rende ancora più semplice raggiungere Horseshoe Bay Beach.

Arrivati sull’isola, è possibile scegliere fra diverse e valide soluzioni di trasporto: agli autobus pubblici si affiancano diversi minibus privati che offrono un servizio navetta dal porto principale o dall’aeroporto alla spiaggia.

In alternativa agli autobus, è possibile prendere un taxi, oppure noleggiare uno scooter o un’auto per fare un giro anche nei dintorni.

Quando trovare il clima migliore a Horseshoe Bay Beach

La posizione geografica dell’arcipelago delle Bermuda, pur non rientrando propriamente nella fascia tropicale, prevede un clima con estati calde e afose, inverni miti e il perenne scontro con piogge e uragani estivi.

Le temperature medie non eccessive e miti anche in inverno, permettono di visitare l’arcipelago in ogni momento dell’anno. Ovviamente, per gli amanti del mare e della spiaggia, i mesi estivi saranno i più indicati, tuttavia per ridurre i rischi di incappare in uragani o eccessivi giorni di pioggia senza rinunciare al caldo, il mese di giugno riesce forse ad offrire il compromesso migliore.

Cosa vedere e cosa fare a Horseshoe Bay Beach

Quella di Horseshoe Bay Beach è una spiaggia pubblica che però presente diversi servizi, primo fra tutti un bagnino durante il periodo estivo. Sulla spiaggia è presente anche un bar dove poter sorseggiare un drink di fronte allo spettacolo offerto dal mare cristallino e dal rosa della spiaggia: una situazione ideale per chi vuole rilassarsi.

In spiaggia è facile trovare persone dedite al beach volley, si organizzano anche tornei, ma l’occupazione principale, da queste parti, è prendere il sole e nuotare in libertà.

La vicina barriera corallina offre interessanti opportunità per le immersioni e lo snorkeling, con la possibilità di esplorare anche alcune grotte sottomarine.

Nei dintorni della spiaggia ci sono diverse insenature tra cui Port Royal Cove, anche nota come Baby Beach, in quanto è un’area più riparata con fondali abbastanza bassi, ideali per far nuotare in tranquillità i bambini e dedicarsi magari allo snorkeling.

Nonostante sia una spiaggia libera, vi sono nei dintorni molti servizi sia per affittare attrezzature come sedie o ombrelloni, ma anche il necessario per lo sci d’acqua. Sono presenti anche piccoli negozi ideali per fare un po’ di shopping o per comprare qualche souvenir.

La fama di Horseshoe Bay Beach ha favorito lo sviluppo nei dintorni di diversi hotel e resort che offrono vari tipi di attività ricreative, comprese piscine, campi da tennis e da golf.

La guida di viaggio per le tue vacanze ai Caraibi

L’Italia offre spiagge e località tra le più belle del mondo, che non hanno niente da invidiare a nessun altro paese, chissà perché però, nell’immaginario collettivi, i Caraibi rappresentano sempre un incontestabile ideale di bellezza.

Sarà la lontananza, sarà il fascino esotico, ma i Caraibi riescono ogni anno ad attirare moltissimi turisti italiani, soprattutto in inverno, quando in Europa è quasi impossibile prendere un po’ di sole al caldo.

Per aiutarvi ad organizzare al meglio una vacanza ai Caraibi, potete leggere le nostre guide di viaggio:

Tags

Bermuda


← Viaggiare all’estero a ottobre: quali paesi si possono visitare?

Ottobre: un buon momento per una vacanza a Tenerife (Canarie) →