di Giovanni Melato , 04.12.2019

Le barriere coralline sono tra i doni della natura più belli e suggestivi. I colori vivaci e le forme così particolari attirano appassionati di immersioni e amanti del mare, disposti ad affrontare viaggi lunghi e impegnativi pur di ammirarle.

Purtroppo da qualche anno l'inquinamento, le tecniche di pesca intensiva e il surriscaldamento delle acque, stanno mettendo in serio pericolo questa straordinaria forma di vita. Sono sempre più, infatti, i movimenti che portano avanti la loro battaglia con l’obiettivo di far capire quanto sia indispensabile porre agire al più presto. Se non si inizia fin da subito a salvaguardare il patrimonio naturale delle barriere coralline, in un futuro non troppo lontano scompariranno dal nostro pianeta.

Come si forma una barriera corallina

Una barriera corallina si forma dal deposito degli scheletri dei coralli. Scheletri calcarei che si formano grazie alla luce catturata dai pigmenti fotosintetici delle alghe che vivono in simbiosi con i coralli. Si tratta di formazioni tipiche dei mari tropicali, che danno origine a isole e lagune e che letteralmente trasformano coste e fondali marini.

Cosa rende così bella una barriera corallina

Sono tanti i fattori che rendono le barriere coralline veri e propri spettacoli della natura. La forma, così come la varietà dei colori, sono senza dubbio le caratteristiche principali di queste formazioni, che per la perfezione delle loro fogge e la brillantezza delle loro tinte sembrano spesso vere e proprie sculture.

A rendere più affascinanti e attrattive le barriere coralline sono però anche la fauna e la flora che le abitano. Nelle zone più riparate, per esempio, non è possibile incontrare il Thalassodendron, un genere di alga particolarmente coreografica, diffusa soprattutto nelle acque dell'Oceano Indiano e dell'Oceano Pacifico Occidentale.

Pochi forse sanno poi che le barriere corallini presentano un habitat ideale per la vita dei pesci prima che diventino adulti. Per non parlare delle tartarughe verdi, degli squali e delle mante, che accrescono ancora di più il fascino delle barriere coralline.

Le barriere coralline sono in pericolo

Purtroppo da qualche anno le barriere coralline sono in grave pericolo.

L'aumento della temperatura delle acque in alcune parti del mondo, infatti, continua a provocare lo sbiancamento (bleaching) dei coralli. Quando un corallo perde il suo colore tipico significa che è malato a causa del venir meno della sua fonte principale di sostentamento, prodotti di scarto provenienti dalla fotosintesi delle micro-alghe, che compongono la sua struttura. Insomma i coralli possono ammalarsi e morire di fame nel giro di poche settimane se la temperatura delle acque in cui vivono non torna rapidamente a livelli normali.

Un problema che, come è facile immaginare, necessita di un approccio complesso, che passa attraverso la riduzione dell'inquinamento e un cambio di rotta anche per quanto riguarda la pesca a strascico.

Dove si trova la Grande Barriera Corallina

La “Grande Barriera Corallina” non è solo un modo di dire, esiste veramente e si trova al largo dello Stato del Queensland, a nord est dell'Australia .

Si tratta della barriera corallina più grande del mondo, grazie ai suoi 2300 chilometri di estensione su un'area di 344 400 km quadrati. Il periodo migliore per vedere questo spettacolo naturale va da luglio a ottobre. In questo periodo infatti, le temperature medie scendono assestandosi tra i 17 e i 22 gradi, mentre le piogge, presenti ma meno frequenti, non compromettono la visibilità dei fondali.

Dove si trovano le barriere coralline più belle del mondo

Le barriere coralline più belle, per appassionati di immersioni o semplici amanti della natura, sono sparse negli oceani di tutto il mondo. La più grande, come anticipato, si trova in Australia. Poco distante c'è la New Caledonia Barrier Reef, la seconda per lunghezza al mondo. Una delle più affascinanti però, è sicuramente quella di Apo Reef, nella parte centro meridionale delle Filippine.

Da segnalare per la presenza della varietà Brain Coral è la Florida Keys Coral Reef, negli Stati Uniti. La terza barriera corallina per grandezza è invece la Andros Barrier Reef, nelle Bahamas. Alle Isole Fiji si trova la coloratissima Rainbow Reef, in Indonesia invece la Raja Ampat Reef, caratterizzata da una vivace vita sottomarina. Nel Mar Rosso, infine, la Red Sea Coral Reef, probabilmente la barriera più antica del pianeta, anche se uno dei paesaggi sottomarini più belli, grazie alla presenza di 1192 isole coralline, è quello delle Maldive.

Leggi anche: “Dove si trovano le barriere coralline più belle del mondo

Assicurazione viaggio per l’Estero

Se sei un amante dello snorkeling, e nuotare fra le barriere coralline più belle del mondo è da sempre il tuo sogno, allora è proprio il momento di prendere pinne, maschera e boccaglio.

Adesso che hai letto la nostra guida di viaggio, infatti, hai tutte le informazioni necessarie per partire alla “Conquista” di una tra le tante stupente barriere coralline sparse nel mondo.
Prima di partire per località così esotiche, non dimenticare di informati anche sulle strutture sanitarie locali, sia pubbliche che private. Ti ricordiamo inoltre, che per far fronte al meglio a un’emergenza medica, puoi anche sottoscrivere una polizza viaggio.
Columbus Assicurazioni ti aiuta a personalizzare la tua polizza in base alla tua destinazione e alle tue necessità, differenziando la copertura in 4 differenti aree geografiche :
• Italia
• Europa
• Mondo escluso USA/CANADA/CARAIBI
• Mondo intero

Questo ti permette di proteggere il tuo viaggio unicamente per il paese della tua destinazione, senza costi aggiuntivi.
È importante ricordarsi però che, prima della partenza, è sempre bene consultare anche il sito ufficiale della Farnesina.


← Quali sono i mercatini di Natale più belli e famosi d’Europa?

5 mete dove andare in vacanza a maggio 2020 →