di Davide Rossi , 28.10.2021

I Caraibi sono una meta stupenda in ogni momento dell’anno, soprattutto in inverno, quando in Italia fa freddo e si sogna di fare il bagno in un mare caldo, come in estate.

Grazie ai corridoi turistici covid-free, durante l’inverno 2021 sarà possibile andare in vacanza ai Caraibi, tenendo poi presente che esistono anche isole appartenenti al territorio francese e Porto Rico, che fa parte dei territori americani.

Nelle isole che presentiamo di seguito, infatti, ci si può recare senza dover stare in quarantena all’arrivo o al rientro, ma sempre prestando attenzione alla delicata situazione sanitaria e rispettando le norme dedicate.

Leggi anche:

Anche se grazie alla diffusione dei vaccini si può tornare a viaggiare fuori dall’Europa, la pandemia di Covid-19 non è terminata, pertanto bisogna sempre consultare il sito della Farnesina “Viaggiare Sicuri” per essere certi di poter viaggiare senza restrizioni.

Aruba

L’isola caraibica di Aruba è la destinazione perfetta per gli amanti del caldo e del relax. Le sue spiagge bianche dalla sabbia sottile sono baciate dal sole tutto l’anno.

La temperatura media si aggira intorno ai 28°, senza eccezioni nemmeno nel periodo invernale. Aruba rientra nel territorio dei Paesi Bassi, completamente circondata dal Mare dei Caraibi, a breve distanza dal Venezuela.

Per raggiungerla dall’Italia, è necessario fare prima scalo ad Amsterdam e poi affrontare un viaggio in aereo di circa 11 ore. Un percorso piuttosto lungo e poco comodo, ma lo sforzo è pienamente ripagato dalla destinazione.

Già dall’alto, l’isola appare bellissima e ricca di attrazioni. Una volta arrivati a destinazione, spicca subito la bellezza delle spiagge, segnate dal contrasto tra il bianco della sabbia e l’azzurro delle acque.

La “Eagle Beach”, la “Malmok Beach” - la famosa spiaggia del relitto - e la spiaggia “Mangel Halto” avvolta da un intricato bosco di mangrovie, sono le tre destinazioni più consigliate in assoluto.

Tuttavia, è possibile visitare il caratteristico centro e scoprire tutto quello che ha da offrire. La capitale Oranjestad è conosciuta per i suoi monumenti in perfetto stile olandese. Il California Lighthouse, il faro di Aruba, segna invece il confine tra il deserto e il Caribe. In questo punto, si trova la “città fantasma”, i resti della città di Bushiribana che ospitava gli accampamenti dei cercatori d’oro.

Leggi anche “Tutto quello che devi sapere su Aruba”.

Antille Francesi

Rientrano nel gruppo delle Antille Francesi le isole di Martinica, Saint-Barthélemy, Saint-Martin e Guadalupa.

Le Antille sono bagnate da due mari diversi, il Mar dei Caraibi a Ovest e l’Oceano Atlantico a Est. Come è facile intuire, sono tutte territorio francese e sono controllate dal governo francese.

Tra tutte le spettacolari isole caraibiche, le Piccole Antille sono conosciute per le loro spiagge incontaminate e per l’aspetto “selvaggio”.

Il periodo migliore per visitarle va da gennaio ad aprile, quando le piogge sono significativamente diminuite, lasciando libero spazio al sole.

La temperatura si aggira sempre intorno ai 28° C, a prescindere dal periodo dell’anno.

Leggi anche “Antille Francesi: le isole caraibiche perfette per una vacanza”.

Martinica

L’isola di Martinica è conosciuta per la sua stretta connessione con la natura, che è lasciata libera di crescere e svilupparsi.

Tra le attrazioni più interessanti da ammirare a Martinica, bisogna citare il vulcano “Pelée”, alto quasi 1400 metri d’altezza. Il vulcano è la destinazione perfetta per gli amanti del verde e delle escursioni, mentre la costa offre paesaggi sui toni del bianco e dell’azzurro.

Anse Noire è una naturale insenatura dell’isola, posizionato lungo la costa ovest. L’insenatura è puntellata da spiagge incontaminate, segnate dalla presenza di alte palme e acque estremamente cristalline.

Leggi anche “Martinica, Antille Francesi: il mare e le spiagge più belle”.

Guadalupa, Antille Francesi

Guadalupa è l’isola più grande delle Antille Francesi, conosciuta per essere la più apprezzata dai turisti. Il paesaggio è decisamente più “urbano” rispetto a Martinica, che invece lascia più spazio alla vegetazione.

Particolarmente famoso è il Parco Nazionale della Guadalupe, che comprende il complesso vulcanico “Le Grande Soufiére” e le altissime cascate dal nome “Les cute du Carbet”.

Gli amanti delle avventure all’aria aperta trovano l’esperienza all’interno del Parco unica e rigenerante, alla scoperta di una vegetazione completamente diversa rispetto a quella italiana.

Un bellissimo punto panoramico dove poter osservare tutta l’isola, il Mare dei Caraibi e l’Oceano, è il “Pointe de la Grande Vigie”, un punto strategico destinato proprio all’osservazione del territorio.

Bisogna poi citare anche la “Plage Du Gosier”, la spiaggia caraibica più conosciuta dell’isola, situata nella zona a sud-est della costa.

Leggi anche “Guadalupa, Antille Francesi: la guida di viaggio”.

Porto Rico

L’isola di Porto Rico è conosciuta per essere una delle più caratteristiche dei Caraibi. La temperatura tropicale la rende perfetta per gli amanti del mare e del sole, soprattutto se si desidera trascorrere una vera vacanza estiva in pieno inverno.

La sua capitale, San Juan, ospita diverse attrazioni interessanti e spiagge altrettanto spettacolari. Inoltre, è possibile fermarsi ad osservare la foresta nazionale di Porto Rico, che prende il nome di “El Yunque” ed ospita centinaia di specie animali e vegetali.

Politicamente, Porto Rico risponde direttamente al presidente degli Stati Uniti, che ha ultimamente dichiarato regole specifiche in riferimento alle norme d’accesso in America.

Leggi anche “Le regole per tornare a viaggiare negli USA”.

Per i vaccinati che chiedono di entrare sull’isola, non è previsto alcun isolamento, è tuttavia necessario effettuare un test Covid almeno 3 giorni prima della partenza, e ripeterlo una seconda volta 3 giorni dopo il proprio arrivo.

In assenza del test, i viaggiatori saranno costretti ad osservare una quarantena della durata di 14 giorni.

Leggi anche “Tutto quello che devi sapere su Porto Rico

Repubblica Dominicana

Le Grandi Antille ospitano l’isola caraibica di Hispaniola, che a sua volta contiene la Repubblica Dominicana. Il territorio confina ad ovest con Haiti, ed è separato ad est da Porto Rico attraverso il Canale della Mona.

Così come tutte le isole caraibiche, anche la Repubblica Domenicana è caratterizzata da una temperatura calda ed afosa tutto l’anno. Il periodo migliore per raggiungere le sue spiagge va da dicembre ad aprile, quando il caldo non è accentuato dall’umidità delle piogge.

Arrivati nella Repubblica Dominicana, è impossibile non visitare Santo Domingo, Punta Cana e Samanà.

Santo Domingo è la capitale della repubblica, ricca di arte e storia. Conosciuta per i bellissimi edifici storici, la capitale ospita la spiaggia di Boca Chica, altrettanto spettacolare.

A Punta Cara si incontrano le spiagge di “Playa Bavaro”, “Playa Los Corales” e “Playa El Cortecito”, mentre nella Penisola di Samanà è possibile visitare la spiaggia paradisiaca di Playa Rincon.

Leggi anche “Repubblica Dominicana: le spiagge più belle”.

Tags

Caraibi


← Guadalupa, Antille Francesi: la guida di viaggio

Asia e Africa: dove andare al mare in inverno nel 2021? →