di Giovanna Lucchi , 15.07.2020

Ogni luogo ha del magico celato, bisogna solo avere la voglia di scoprirlo: così potremmo riassumere una in Croazia, una località poco distante da noi, non solo parlando in termini meramente geografici. La Croazia è una di quelle mete che merita di essere raccontata con attenzione, perché una vacanza in questa terra è una vera e propria scoperta, soprattutto se si decide di visitare le località più nascoste, quelle che spesso i tour operator neanche propongo.

Ed ecco quindi per voi una guida di viaggio per portare alla vostra attenzione alcuni dei tanti luoghi che possono sfuggire ad uno sguardo distratto, quando ancora non si è deciso dove trascorrere le proprie vacanze.

Se per questa estate siete alla ricerca di luoghi più isolati e meno frequentati, questa è la guida di viaggio che fa per voi.

Isole Kornati

Le Isole Incoronate (dal croato Kornati) cosparse come ottantanove perle nel mar Adriatico al largo della costa della Croazia, invitano il visitatore a farsi scoprire e lasciarsi andare a vacanze indimenticabili.
Le isole dell’arcipelago, per la maggior parte disabitate, sono formate da calcare cretaceo dal colore biancastro, così che il mare, dove il fondale è più alto, vari dal color verde smeraldo al turchese.
Il suolo, poco battuto dai piedi dei turisti, propone tutta la bellezza di un entourage indimenticabile in cui il tempo sembra essersi fermato.

L’isola principale, l’Incoronata (Kornat), tra l’altro risulta l’unica ad avere l’acqua potabile, presentando alcune case dei pescatori che talvolta vengono affittate ai visitatori nel periodo estivo. Luoghi dove il tempo sembra essersi fermato.

D’altro canto però, vi è sempre, la possibilità di alloggiare nelle isole vicine e di prenotare una gita in barca per visitare dei luoghi remoti: la Chiesetta della Madonna di Tarac che nasce nel Medioevo dalle rovine di una basilica paleocristiana sull’isola principale, o ancora scegliere di optare per tranquille passeggiate tra la macchia mediterranea e le baie spettacolari del Parco Nazionale Kornati.

Le spiagge delle Isole Incoronate sono innumerevoli. Di quelle sabbiose ve ne sono pochissime, come la spiaggia Saharun dell’isola di Dugi Otok, mentre quelle di roccia o di ghiaia permettono di accedere a dei fondali che sono una vera avventura per i sub o per gli amanti dello snorkeling.
Inoltre, stesso a Dugi Otok è possibile scoprire un lago salato, le cui acque sono ritenute ottime per la pelle.

Baia di Lone

La Baia di Lone si presenta come una nicchia di tranquillità e armonia, incastonata nella vita pulsante del centro della città di Rovigno (la piazza Tito), la quale dista dalla prima solo un chilometro e mezzo.

L’omonima spiaggia è raggiungibile in bici o a piedi ma anche in auto, ideale se si viaggia con tutta la famiaglia. Inoltre, nella Baia di Lone troverete snack-bar, ristoranti, campi da tennis, pedalò e barche da noleggiare.

I più “Avventurosi”, invece, avranno la possibilità di praticare degli sport acquatici o fare accattivanti immersioni.

La regione della Lika

La regione della Lika per estensione territoriale è la più grande di tutta la Croazia, e comprende al proprio interno due dei parchi nazionali più importanti del Paese: il Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice e il Parco Nazionale del Velebit Settentrionale.

Il connubio paesaggistico tra monti e mare fa di questo luogo una terra ricchissima, sia dal punto di vista culinario che dell’offerta esperienziale per i visitatori.

Le strade sicure chiamate “storiche”, permettono di spostarsi nell’entroterra o in riva su due ruote o a piedi.
Qui troverete una natura rigogliosa, ricca di piccoli tesori, come gli scenari montuosi e le sorgenti naturali, oppure come il fiume Korana o quello dell’Una.

Sull’isola di Pago (Pag), molto nota tra i più giovani e l’unica ad appartenere alla regione di Lika, si organizzano dei festival dedicati alla musica come “Fresh Island Festivsal”, “Sonus Festival”, “Hideout Festival” e “Olive Classic Festival”. Qui però si riuniscono anche gli amanti del trekking: ogni anno viene infatti organizzato

Zlarin (Zlarino)

L’isola di Zlarino (Zlarin, dal croato “isola dorata”) è un piccolo scrigno del tesoro dove l’arte artigianale della lavorazione del corallo, la storia millenaria risalente a epoca neolitica e romana, la natura che si esprime con le rigogliose pinete, le insenature naturali e le spiagge eterogenee, si uniscono in un bagaglio di emozioni da portar via con sé in ricordi indimenticabili.

Del resto Zlarin è un’isola di soli otto chilometri quadrati, facente parte dell’arcipelago di Sebenico (Šibenik), su cui non circolano automobili. La località è facilmente raggiungibile dalle città di Sebenico o di Vodizze con un’imbarcazione di linea.

Oggi è una meta turistica che offre tantissimi spunti per il divertimento come sport acquatici in kayak, pallanuoto, campi da calcetto o da pallavolo, noleggio dei pedalò, stabilimenti balneari attrezzati e ampio servizio ristorazione.

Varazdin

La chiamano “Piccola Praga croata” per il suo stile barocco e per il passato nobiliare che conserva tutt’oggi. Questa città della Croazia di 40.000 abitanti, un centro inestimabile di arte e cultura, dista soltanto ottantuno km dalla capitale Zagabria (Zagreb). Un tour organizzato vi permetterà di conoscerne la storia celata e i misteri di ogni palazzo del posto.

A Varazdin è sempre possibile girare per il centro abitato autonomamente, visitando le mostre permanenti presso il Palazzo Sermage in stile rococò o presso il Palazzo Hercier in stile barocco, senza dimenticare di fare una sosta anche al rinomato Castello Vecchio (Stari Grad).

Sibenik

Il capoluogo collinare della regione di Sebenico e Tenin (Šibensko-kninska županija), bagnato dal mar Adriatico, con le vie caratteristiche e monumenti rinascimentali, è il luogo perfetto in cui abbinare una tranquilla vacanza sul mare alle curiosità storico-culturali.

Un tempo sotto la giurisdizione della Repubblica di Venezia, oggi di queste influenze Sibenik conserva ancora testimonianze uniche, come ad esempio la cattedrale di San Giacomo, oggi patrimonio dell’umanità dell’UNESCO insieme alla vicina Fortezza di San Nicolò. I due edifici, segnano il passaggio dal Gotico al Rinascimento nell’ambito dell’architettura religiosa.

Curiosità: il sito era stato scelto dalla HBO per girare alcune scene della “Città libera di Braavos” per la serie televisiva “Il Trono di Spade”. Una vera e propria chicca per i fan di GOT.

Pupnatska Beach

La spiaggia di Pupnatska Luca dell’isola di Curzola (Korčula), appare come un a piccola oasi tropicale nel Mar Adriatico. Raggiungibile facilmente via mare, offre ai suoi visitatori ghiaia e la sabbia bianca e mare cristallino immersi nel verde dei lecci e degli abeti rossi.

I fondali più a largo sono rocciosi e pieni di vita, divenendo quindi un’attrattiva sublime per gli amanti di snorkeling o di immersioni.
Questa zona è rinomata anche per l’ottima cucina, a base di pesce, offerta dai vari ristoranti.

Lastovo Island

La magia dell’isola di Lagosta (Lastovo), la principale dell’omonimo arcipelago in Dalmazia meridionale, è una tra le mete più interessanti della “Croazia Nascosta”. Qui troverete un parco naturale di circa 40 kmq, dove potrete immergervi in una natura composta da spiagge rocciose e boschi. Non dimenticate poi di provarele famose aragoste di Lastovo e il vino Plavac.

L’isola è raggiungibile via mare da terraferma con un traghetto in partenza da Spalato (Split), ed è possibile soggiornare in alberghi, case o in un campeggio.

Plitvice National Park

Il Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice, dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, è un vero spettacolo della natura che dura 365 giorni all’anno. In tarda primavera, quando i fiumi Bijela Rijeka e Crna Rijeka (Fiume Bianco e Fiume Nero) sono in piena, e la vegetazione è in rigore, la bellezza del luogo aumenta in misura esponenziale.

D’inverno invece, tra la neve e le cascate ghiacciate, si aprono degli indimenticabili paesaggi adornati di bianco.

La risorgiva del torrente Rumin

A circa trentacinque km da Spalato (Split), la seconda città della Croazia, si può ammirare lo spettacolo della nascita del fiume Rumin, una meta turistica particolarmente apprezzata dagli amanti del birdwatching.
Appostandovi con un binocolo alla sorgente del Piccolo Rumin, con un po’ di fortuna, potrete osservare i comportamenti e le abitudini di esemplari come il gufo reale o il corvo imperiale.

Altre guide di viaggio sulla Croazia

Tags

Croazia


← 5 Vulcani in Islanda che è possibile visitare

Vacanze a Capri: la guida di viaggio →