di Giorgia Alto , 19.07.2021

Uno stadio di calcio non è solo il luogo di si gioca una partita, è una vera e propria attrazione della città, un luogo da visitare anche se non si è dei veri e propri amanti del pallone.

Ovviamente non tutti gli stadi sono uguali. Per esempio, il Camp Nou di Barcellona ha al suo interno un vero e proprio museo, mentre lo stadio di Wembley di Londra, dove l’Italia ha vinto l’Europei 2020, è stato fatto costruire da re Giorgio V.

In Europa, come in America, gli stadi sportivi spesso sono dei veri e propri centri commerciali, con negozi, ristoranti, fast food ma anche musei e tour guidati.

Volete sapere quali sono e dove sono gli stadi più belli del mondo? Leggete la nostra guida di viaggio e ne conoscerete ben 10.

Se volete visitare gli stadi più belli del mondo, vi ricordiamo che le assicurazioni viaggio Columbus prevedono coperture anche per il Covid-19.

Camp Nou, Barcellona

Lo studio Camp Nou, di proprietà del Football Club di Barcellona, fu inaugurato nel 1957. La UEFA lo ha inserito nella lista dei quattro stadi a cinque stelle, conosciuti per la loro imponenza e funzionalità.

Per visitarlo basta raggiungere il quartiere di Les Corts a Barcellona, una zona completamente circondata da complessi dedicati allo sport.

Il Camp Nou è in grado di ospitare quasi cento mila persone, ed è uno degli stadi più grandi al mondo. Al suo interno, nascosto tra gli spalti e il campo, si trova il museo del FC Barcellona, il museo più visitato della Catalogna.

Leggi anche:

Wembley, Londra

Lo stadio di Wembley a Londra è conosciuto per essere uno dei più antichi, con quasi cento anni di storia sulle spalle. La sua costruzione si deve a re Giorgio V, che all’inizio decise di chiamarlo “Empire Stadium”.

Nel tempo, Wembley ha ospitato importanti eventi sportivi, tra cui i Mondiali del ‘66 e gli ultimi campionati Europei.

Uno dei suoi principali segni distintivi è il gigantesco arco d’acciaio che si trova sopra la tribuna principale (North Stand). L’arco è visibile da grande distanza, tant’è che lo stadio è diventato un interessante attrazione per chi visita Londra per la prima volta.

Leggi anche “100 cose da fare a Londra... assolutamente!

Maracanà, Rio de Janeiro

A Rio de Janeiro, nel quartiere Maracanà, è possibile visitare l’omonimo stadio. Una costruzione davvero impressionante, che all’inizio era pensata per ospitare 190 mila persone.

Ad oggi, lo stadio riesce a coprire un pubblico di quasi ottanta mila persone, distribuite lungo le comode tribune che coprono l’interno perimetro.

All’interno del Maracanà è stato installato il Museo Garrincha, che racconta la storia del football brasiliano. Qui sono state raccolte testimonianze e premi, tutte vittorie significative di partite importanti giocate nel campo dello stadio.

Leggi anche “Dove trovare il mare più bello a Rio de Janeiro”.

Santiago Bernabeu, Madrid

Lo stadio Santiago Bernabeu, situato nella capitale spagnola Madrid, è di proprietà della squadra calcistica Real Madrid.

La scelta del nome è legata ad uno dei precedenti giocatori della squadra – Santiago Bernabeu – che nel 1945 assunse la direzione del Real Madrid, mantenendo la posizione fino al 1978.

Il Bernabeu è famoso in tutta Europa per la sua altitudine, siccome si trova ad un’altezza di ben 700 metri. L’altezza lo posiziona ai primi posti nella classifica degli stadi con la maggiore altitudine, che attirano subito l’attenzione esterna grazie alla loro grandezza e bellezza estetica.

Leggi anche “5 musei di Madrid assolutamente da visitare”.

Allianz Arena, Monaco

L’Allianz Arena, lo stadio di Monaco dove i giocatori tedeschi si contendono premi e riconoscimenti, è famoso per la sua forma caratteristica.

Gli abitanti di Monaco lo chiamano “Schlauchboot”, che in italiano può essere tradotto come “Gommone”, proprio perché ha un profilo tondeggiante che potrebbe ricordarlo.

L’esterno è formato unicamente da pannelli di Efte, un materiale particolare che ha la forma del diamante. Ciascun pannello riflette la superficie del sole, facendo risplende lo stadio in tutta la sua incredibile altezza.

Estadio Azteca, Città del Messico

L’Estadio Azteca deve la sua costruzione all’architetto messicano Pedro Ramirez Vàzquez, oggi conosciuto per il suo uso particolare del cemento armato.

La struttura è un trionfo di forme moderne e “industriali”, figlia indiscussa della seconda metà del Novecento.

In questo stadio sono state contese alcune delle partite più importanti della storia. Nel 1970, Pelè portò il Brasile alla vittoria dei Mondiali proprio nello stadio Azteca.

Allo stesso modo, nel 1986 Maradona scelse l’Azteca come sede per il suo “manifesto sportivo”, segnando uno dei goal più significativi di sempre.

Estadio Alberto José Armando“La Bombonera”, Buenos Aires

La Bombonera, conosciuto anche come lo stadio “Màs caliente del mundo”, ha festeggiato nel 2020 i suoi primo ottant’anni.

Opera dell’architetto José Delpini, la stadio è famoso per essere uno dei più caldi al mondo, sia per la temperatura esterna dell’Argentina, sia per la disposizione delle tribune intorno al campo.

L’ Estadio Alberto José Armando fu costruito come simbolo di inclusività e unione, per dare visibilità e regalare una “Casa” alla neo squadra Boca Juniors, che all’epoca muoveva i primi passi nel mondo del calcio.

Lo stadio ha aiutato a tenere unita la comunità, creando un punto d’incontro dove poter condividere pacificamente la propria passione.

Juventus Stadium, Torino

Lo Juventus Stadium, lo stadio Torinese di proprietà del Juventus Football Club, è il primo stadio eco-compatibile del mondo.

Infatti, è nato dalla demolizione del precedente Stadio delle Alpi, i cui resti sono stati completamente riciclati nella nuova costruzione. Un’attenzione alla cura ambientale che non è passata inosservata, e che ha ispirato anche diverse altre società calcistiche.

Lo J-Stadium rientra nel gruppo degli stadi più innovativi e tecnologici del momento, dove nessun dettaglio viene lasciato al caso ed ogni passaggio interno è ben ragionato e valutato. La visita è considerata come un’esperienza completa, carica di interattività e intrattenimento, non solo per i tifosi della Juventus.

Old Trafford, Manchester

Situato a Manchester, nel quartiere principale della città (Trafford), si trova lo stadio calcistico Old Trafford. La sua storia è ricca di eventi significativi, che lo hanno visto protagonista dal 1910 fino ad oggi.

Nel 2006, l’intera struttura ha subito una profonda ristrutturazione, durante la quale si è deciso di aggiungere elementi moderni ed impianti decisamente più sviluppati.

Il suo soprannome ufficiale è “Theatre of dreams”, ovvero “Teatro dei sogni”. L’espressione arriva direttamente da una citazione di Bobby Charlton, famoso ex calciatore e dirigente sportivo inglese.

FNB Stadium o Soccer City, Soweto ( Johannesburg)

L’FNB Stadium, rinominato “Soccer City” in occasione dei Mondiali di Calcio del 2010, si trova a Johannesburg in Sudafrica.

Costruito inizialmente per ospitare 80 mila persone, è stato poi modificato per avvicinarsi il più possibile alle cento mila persone. Una struttura enorme, che ha la stessa forma di un’antica pentola sudafricana: il calabash.

Negli anni, il FNB Stadium ha ospitato una gran quantità di eventi sportivi, tra cui le cerimonie di apertura dei Mondiali di Calcio.

Leggi anche “Cosa vedere a Johannesburg”.

Tags

stadi


← 10 idee di viaggio per una vacanza Last Minute in Italia

10 Curiosità sugli Europei di Calcio →