di Davide Rossi , 21.01.2022

Gli iconici ponti che incorniciano New York City sono entrati nell’immaginario collettivo così profondamente che è ormai praticamente impossibile pensare a questa città senza visualizzare mentalmente i suoi bellissimi ponti.

Certo, tutti proprio no, dato che sono davvero tanti, ma i più famosi ci sono ormai molto familiari, grazie anche ai tanti film ambientati proprio in questa fantastica città.

Se si ha in programma un viaggetto a New York, una guida su quali ponti non si possono assolutamente perdere farebbe molto comodo.

Leggi anche “Assicurazione viaggio per gli Stati Uniti”.

Quanti sono i ponti di New York

Contare tutti i ponti di New York sarebbe un po’ come mettersi a contare i ponti di Venezia o le pizzerie di Roma. In molti casi, i cittadini di New York stessi non sono consapevoli del numero preciso di ponti che li circonda, e si limitano a dare una stima approssimativa, puntando su oltre 1000 ponti.

In realtà, una stima precisa è stata fatta dal governo newyorkese, a causa degli ingenti costi che richiede la gestione e la manutenzione di questi ponti, ed è stato stabilito che in questa città ci sono precisamente 789 ponti, molti dei quali collegano l’isola di Manhattan al resto della città.

Il Manhattan Bridge (il ponte di Manhattan)

Il ponte di Manhattan attraversa l’East River collegando Lower Manhattan (da Canal Street, nei pressi di Chinatown) a uno dei quartieri di Brooklyn (Flatbush Avenue).

Leggi anche “Cosa vedere e cosa fare a Lower Manhattan”.

Questo ponte sospeso è stato l’ultimo ad essere costruito sull’East River, subito dopo quello di Brooklyn e quello di Williamsburg, ed è quindi il più moderno dei tre. Il ponte di Manhattan è stato inaugurato ed aperto al pubblico nel 1909, ma è stato poi definitivamente completato solo nel 1912.

Il Manhattan Bridge è lungo circa due chilometri e si sviluppa su due piani. Sul piano superiore ci sono 4 corsie autostradali, due per ogni senso di marcia, mentre sul piano inferiore ci sono:

  • tre corsie autostradali (unidirezionali) 
  • 4 binari della metropolitana 
  • Una corsia pedonale
  • Una corsia ciclistica.

Questo ponte può quindi essere attraversato anche a piedi, permettendo di godere di una vista mozzafiato sia dello skyline di Manhattan, sia del famoso ponte di Brooklyn.

Inoltre, in lontanza, si intravede la Statua della Libertà.

Oltre alla sua maestosità, a colpire particolarmente del Manhattan Bridge è il suo meraviglioso ingresso di Chinatown, formato da un imponente arco trionfale con un lungo colonnato che abbraccia una piazza.

Nonostante il ponte di Brooklyn sia ben più noto di quello di Manhattan, è proprio quest’ultimo il famoso ponte che appare nel film “C’era una volta in America”.

Il ponte di Brooklyn

Il primo ponte sospeso ad essere costruito sull’East River è quindi, come è stato anticipato precedentemente, il ponte di Brooklyn. Quest’ultimo è senza ombra di dubbio il ponte più famoso di tutta New York e, probabilmente, anche l’attrazione più visitata.

Anche questo ponte, proprio come quello di Manhattan, collega Brooklyn al Distretto, ma da due punti diversi rispetto al Manhattan Bridge.

Il ponte di Brooklyn è lungo circa due chilometri, è costruito in acciaio e granito, e per molto tempo è stato il più grande ponte sospeso del mondo.

Dispone di sei corsie automobilistiche, tre per ogni senso di marcia, ma non dispone di binari per la metropolitana, a differenza del ponte di Manhattan.

Inoltre, c’è un percorso sopraelevato fatto in legno per i pedoni e per i ciclisti.

Questa struttura monumentale, caratterizzata dalle due torri imponenti, è stata inaugurata nel 1883, e ha richiesto la manodopera di 600 operai e ben 15 milioni di dollari, diventando la più importante costruzione del 19esimo secolo.

Attraversare questo ponte a piedi o in bici al tramonto è un’esperienza imperdibile, soprattutto partendo da Brooklyn e andando verso Manhattan: la vista dello skyline illuminato vi sorprenderà.

I 5 ponti più famosi di NY

Nella classifica dei ponti più famosi di New York, i primi due posti sono occupati sicuramente dal ponte di Brooklyn e dal ponte di Manhattan. Tuttavia, questi non sono gli unici ponti degni di nota.

Verrazzano-Narrows Bridge

Un altro ponte famosissimo è sicuramente il Verrazzano-Narrows Bridge che, a differenza dei primi due, non è collegato a Manhattan, ma collega Brooklyn e Staten Island. La sua campata centrale è lunga circa 1300 metri ed è la più lunga degli Stati Uniti.

Questo ponte, per ora, non dispone né di piste pedonali né di piste ciclabili, pertanto l’unico modo per attraversarlo è in macchina.

Il ponte di Queensboro

Degno di nota è anche il ponte di Queensboro. Anche questo ponte attraversa l’East River, anche se si trova più a nord rispetto agli altri, e collega Manhattan e Long Island. Questo è il ponte che appare nel film di Spider Man del 2002!

George Washington Bridge

Infine, impossibile non nominare il George Washington Bridge che collega Manhattan al quartiere di Fort Lee nel New Jersey. Questo ponte vanta ben 14 corsie automobilistiche più una pista pedonale e una ciclabile.

Dal percorso pedonale si gode di una vista mozzafiato sul fiume Hudson che scorre sotto il ponte, ma anche su Manhattan e persino sul New Jersey.

Tags

New York


← Saint Martin, Antille Francesi: la guida di viaggio

Come funziona il sistema sanitario brasiliano? →