di Valentina Salis , 23.12.2017

La California è famosa soprattutto per Hollywood, l’industria del cinema, per città come Los Angeles, San Diego e San Francisco, per Alcatraz, per alcuni musei ricchi di tesori ma in realtà c’è altro da vedere. Quando pensiamo a questa terra infatti, raramente ci soffermiamo su ciò che la rende veramente unica al mondo, ovvero i suoi parchi naturali.

Quando realizziamo le nostre guide di viaggio, precisiamo spesso che anche se nel mondo esistono mete fantastiche, l’Italia è veramente difficile da battere. Se parliamo di musei, nel mondo sono in pochi a poter competere con i Musei Vaticani (per esempio), se parliamo di mare e isole, abbiamo coste meravigliose sparse lungo tutto il Paese, e anche per quanto riguarda le mete sciistiche, in Italia ci sono alcune tra le più belle del mondo. Ma il mondo è grande, e bisogna ammettere quando si trovano delle attrazioni veramente uniche, come nel caso dei Parchi Nazionali della California.
Quello che vogliamo dirvi con questo articolo, è che per quanto possiate girare il mondo in lungo e in largo, non troverete mai dei parchi come quelli della California.

Leggi anche California Tour: 10 cose da vedere in viaggio

A chi desidera ammirare anche le città californiane raccomandiamo di leggere Tour della California: le più importanti città da visitare

Parco Nazionale Yosemite

Lo Yosemite National Park è probabilmente il più importante parco della California e uno dei più famosi degli Stati Uniti d’America. Situato a circa 200 miglia a est di Los Angeles, lo Yosemite è una meta sempre presente all’interno di un tour della California o della West Coast, grazie soprattutto alle innumerevoli attrazioni naturali che la glaciazione ha regalato a questa terra.

Non perdete quindi l’occasione di visitare “El Capitan”, il “Glacier Point”, la “Sentinel Rock” e molte altre meraviglie naturali. Il parco è è una meta visitabile durante tutto l’anno anche se in inverno alcuni percorsi sono chiusi.

Leggi anche “Gli 8 parchi nazionali americani più belli

Death Valley (Parco Nazionale)

La Death Valley, nominata parco nazionale nel 1994, è uno dei luoghi più suggestivi del Nord America. Lo scenario “arido e spettrale” che vi troverete davanti vi stupirà di certo, ma non abbiate paura, oggi è possibile visitare la valle affidandosi a guide esperte che renderanno il vostro viaggio sicuro.

Ricordatevi sempre però che qui il vero nemico è il caldo, che supera senza problemi i 40 gradi, non per niente si consiglia di bere moltissima acqua.

Cosa vedere nella Death Valley

Tra i luoghi più importanti da vedere nella Death Valley vi segnaliamo:

  • Zabriskie point
  • Badwater Basin
  • Dante’s view
  • Mesquite Flat Sand Dunes


Leggi anche “Che cos'è la Death Valley ovvero la Valle della Morte americana

Parco nazionale di Redwood

Il Parco nazionale di Redwood può essere considerato in un certo senso un museo, solo che al suo interno non sono custoditi quadri, opere d’arte o statue, ma altri tipi di tesori, che forse valgono ancora di più. Il parco, riconosciuto patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, custodisce al suo interno le grandi sequoie, gli alberi più grandi del mondo. Questi alberi a meta ‘800 coprivano un’area di oltre 800.000 ettari, oggi superano di poco i 30.000, per questo necessitano la protezione di tutti.

Questi alberi maestosi sono praticamente immortali, in grado di vivere anche 2000 anni, e uno dei più alti del mondo è custodito proprio qui a Redwood: Hyperion (circa 115 metri). Altri alberi che vivono in questo parco sono Helios, poco più di 144 metri e Icurs, circa 113.

Durante la visita del parco, oltre a scattarvi dei selfie in compagnia di questi maestosi alberi, potreste incontrare la fauna locale, composta di tanti animali che, in cerca di rifugio, sono arrivati in questo parco protetto, al sicuro da bracconieri e gente senza scrupoli.

Joshua Tree National Park

Parco Nazionale del Joshua Tree prende il nome dall’albero di Joshua, ed è una vera meraviglia della natura. Grazie al lavoro della natura, che per milioni di anni ha scolpito questi luoghi, i suoi paesaggi vengono definiti da molti “Lunari”, tanto sono particolari e suggestivi. Il parco è molto visitato dai turisti che si recano in California, soprattutto in primavera, con la fioritura dei “Desert flower”, e a settembre, quando ci sono le condizioni climatiche più favorevoli. Il parco è situato a circa 200 km da Los Angeles ed ha un’ampiezza di 800.000 acri.

Parco Nazionale delle Channel Islands

Il Parco Nazionale delle Channel Islands è uno dei più recenti parchi della California, che però ultimamente è sempre più presente nei tour organizzati dalle agenzie di viaggio.

Si tratta infatti di una meta molto particolare, difficile da raggiungere e priva di molti servizi, inclusi i mezzi di trasporto. Si arriva infatti sulle isole in barca o in aereo, partendo solo da poche località come Santa Barbara e Ventura, ma se ne aggiungono ogni anno di nuove. Questa terra è conosciuta come la le “Galapagos del Nord America”, grazie all’incredibile biodiversità che offre.

Raggiungere questa terra non sarà facile, come non lo sarà spostarvi, ma se siete pronti ad un po’ di avventura, sarete ripagati da un incredibile spettacolo naturale.

Parco Nazionale di Sequoia

Vicino il Parco Nazionale di Yellowstone si trova Il Parco Nazionale di Sequoia, dove troverete alcuni degli alberi più grandi del mondo. Qui l’attrazione principale è l’imponente General Sherman, l’albero più grande del mondo, ma le attrazioni non finiscono qui. Durante il vostro tour infatti potrete ammirare il Mount Whitney, una delle più grandi montagne americane, la Foresta Gigante e il Moro Rock.

Lassen Volcanic National Park

Il Lassen è un’altro dei grandi e suggestivi parchi americani che non può non essere una delle tappe del vostro tour della California. Qui potrete ammirare il “Vulcano Cupola” più grande del mondo, ma grande interesse suscitano nei turisti anche i geyser che popolano la zona.

Assicurazione viaggio per i Parchi della California

Un viaggio dall’altra parte del mondo richiede un lavoro di pianificazione non indifferente: dalla richiesta del visto turistico – il cosiddetto Esta – alla programmazione dell’itinerario. Nel budget va considerato anche il costo di un’assicurazione viaggio che permetta di viaggiare tranquilli in caso di emergenza sanitaria in un Paese come gli USA dove i costi per le spese mediche sono proibitive.

Per saperne di più, leggi anche Perché acquistare un’assicurazione sanitaria per gli USA.

Immagine di copertina: Manzanita Lake, Lassen Volcanic National Park


← La festa del Re ad Amsterdam (Koningsdag)

Palermo Capitale Italiana della cultura per il 2018: perché visitarla →