di Giovanna Lucchi , 07.07.2021

Incastonate nell’omonimo Mare, fra la costa catalana e quella nordafricana, le Isole Baleari sono regine indiscusse delle vacanze di chi ama il mare e il divertimento. Eppure, questo arcipelago offre tutte le condizioni ideali anche per viaggi in famiglia o romantiche fughe di coppia.

Le quattro isole più grandi, Maiorca, Minorca, Ibiza e Formentera, assorbono gran parte del turismo, mentre gli isolotti, fra i quali Cabrera, Conejera, Espalmador e Tagomago, sono punti di approdo temporanei da esplorare nel corso di gite in barca.

Le isole Baleari sono località rinomate, con un clima invidiabile e perfette per una vacanza indimenticabile, ma quale scegliere? In questa guida di viaggio, cercheremo di aiutarvi nella scelta presentando alcune delle tante località e destinazioni offerte dalle Baleari.

Le isole e le località meno turistiche

Nonostante la popolarità di questo arcipelago, anche chi è alla ricerca di località meno turistiche, magari un paradiso marino lontano da affollamenti e movida, troverà interessanti proposte anche alle Baleari.

I paesaggi e le cittadine dell’entroterra di Maiorca, ad esempio, sono un tesoro tutto da scoprire, fra escursioni nella natura selvaggia e immersioni in borghi senza tempo e ancora ricchi di cultura e tradizioni.

Leggi anche “Cosa vedere a Maiorca”.

Con un po’ di organizzazione, specialmente nei mesi di bassa stagione (maggio-inizio giugno e settembre-inizio ottobre) è possibile anche trovare spiagge meno frequentate, complice il bel clima. La costa settentrionale di Minorca, ad esempio, è molto meno affollata rispetto alle spiagge meridionali più turistiche, anche a causa di collegamenti meno diretti, con strade serrate e a senso unico. In questo caso, il noleggio di una macchina è praticamente d’obbligo per esplorare calette come la spiaggia di Cavalleria e Cala Pregonda.

Leggi anche “Cosa vedere a Minorca”.

In vacanza in famiglia alle Baleari: Maiorca

Una vacanza in famiglia richiede soprattutto due presupposti: buoni servizi di trasporto, alloggio, ristoro e attività che includano grandi e piccini. Per questo motivo, l’isola di Maiorca è probabilmente un ottimo compromesso per tutti.

L’isola è innanzitutto ben attrezzata con servizi e un’efficiente rete di trasporti pubblici. Il centro storico del capoluogo, Palma di Maiorca, è ovviamente una tappa obbligata. Le costruzioni di epoca romana sono tutt’oggi testimoni del passaggio delle varie influenze culturali e architettoniche delle Baleari: gotica, araba, catalana.

Nell’isola non mancano nemmeno parchi tematici da sogno, da quelli acquatici agli zoo, per non parlare del Planetario Maiorca e del Palma Aquarium, uno degli acquari più grandi al mondo.

Un’altra meta nella natura per conquistare il cuore di tutta la famiglia è il Parco nazionale dell'arcipelago di Cabrera, un’area naturale protetta nell’omonimo arcipelago di isolotti a sud di Maiorca. Per arrivarci è sufficiente prenotare una delle imbarcazioni turistiche che collegano il Parco all’isola più grande.

Una volta approdati, è possibile partecipare a uno degli itinerari guidati alla scoperta di spiagge vergini, calette rocciose, grotte marine, acque cristalline e una varietà faunistica che conta centinaia di specie.

Le isole migliori per i giovani: Ibiza e Formentera

Non c’è dubbio che le isole delle Baleari preferite dai giovani siano Ibiza e Formentera che, per la loro vicinanza, possono tranquillamente essere tappe della stessa vacanza. Per le loro peculiarità, entrambe meritano infatti almeno una visita.

Discoteche, locali notturni, ristoranti e spiagge affollate hanno reso Ibiza la meta ideale per il divertimento.

Pensare a quest’isola come il tempio della movida europea è legittimo, ma anche riduttivo. Ibiza è infatti anche Patrimonio dell’UNESCO per la splendida natura che ne incornicia il divertimento, con le sue oltre 80 spiagge paradisiache, dai lidi più turistici alle calette più nascoste da esplorare in macchina o con escursioni giornaliere in barca.

Formentera si presenta invece con una doppia faccia: da un lato spiagge incontaminate bianchissime dalle acque davvero cristalline che, probabilmente, è la costa più bella di tutto l’arcipelago proprio perché meno attrezzata e urbanizzata.

Leggi anche “Cosa vedere a Formentera”.

Dall’altro, i locali e la vita notturna che, pur essendo molto attivi, si distinguono dalle serate di festa di Ibiza, prediligendo un turismo di lusso più sofisticato ed esclusivo.

Dove sono le spiagge più belle delle Baleari

Impossibile esaurire con un solo viaggio tutte le spiagge più belle di questo incantevole arcipelago.

Per iniziare, fra Ibiza e Formentera, merita un’escursione l’isolotto Espalmador. Appena 3 km quadrati in cui la natura è rimasta perfettamente intatta da qualsiasi cementificazione, struttura o servizio.

Fra le spiagge vergini più amate di Formentera ci sono Playa de Sa Torreta a nord e Playa de s’Alga a sud. Qui vicino la natura offre anche delle piccole lagune di argilla calda nelle quale immergersi per un trattamento rigenerante.

Leggi anche “Formentera: le spiagge più belle”.

Fra le spiagge più iconiche di Formentera possiamo citare anche Cala Saona, che ne rappresenta bene l’incantevole panorama incontaminato. Le distese sabbiose si alternano a scogliere di roccia rossa, protette da fresca vegetazione mediterranea e animata da chioschi e localini che ben si integrano con il clima di relax che pervade l’isola.

Spostandosi a Minorca, il panorama delle spiagge non offre che l’imbarazzo della scelta. Tra le più famose c’è Cala Blanca (vicina all’antica capitale Ciutadella), così chiamata per il colore della sabbia finissima e delle tipiche casette basse che circondano la zona.

L’altro colore che domina questa costa è l’azzurro in cui il cielo e il mare si fondono, una tavolozza che trova una degna rappresentazione nella Cala Turqueta.

Anche la costa di Ibiza è ricca di opzioni per tutti i gusti. Dalle spiagge più raccolte e isolate come Sa Caleta, fra rocce rosse e fondali trasparenti, ai litorali più affollati, come l’iconica spiaggia per nudisti di Es Cavallet.

A Maiorca, merita invece una visita Cala s'Almunia, una spiaggetta che ha conservato tutto il fascino dell’antico borgo di pescatori. La baia, bianca e rocciosa, è raggiungibile attraverso un suggestivo percorso a scalinata. Il fondale basso e trasparente è ideale per famiglie e per praticare immersioni.

Le isole migliori per le coppie

Una coppia in cerca di un paradiso romantico per fuggire dalla città non può perdersi le Saline di Formentera, una riserva naturale distribuita fra la sua costa meridionale di Ibiza e gli isolotti più a nord di Formentera.

Famoso per la sua prateria di Posidonia Oceanica, la miglior conservata in tutto il mondo, questo Parco Naturale dal prezioso ecosistema, si presenta agli spettatori come un’immensa distesa di spiagge basse nelle quali ammirare anche le migrazioni dei fenicotteri rosa. Un colore che, verso la fine dell’estate, caratterizza anche il fondale marino, che assume romantici toni pastello grazie alla cristallizzazione del sale.

Ideale per un viaggio di coppia anche la Cala Romantica di Maiorca, che deve il suo nome a una posizione privilegiata capace di regalare tramonti impagabili a fronte di un’atmosfera rilassata e lontana dal clamore cittadino.

Leggi anche “Dove vedere i tramonti più belli del mondo”.

Molto apprezzata, questa volta a Minorca, anche Cala Macarella. Una piscina turchese riparata da una fresca pineta, dalla quale si snodano percorsi escursionistici per fare tappa anche nelle calette limitrofe.


← Cipro: cosa vedere e cosa fare in vacanza

In vacanza sul Monte Civetta, sia in estate che in inverno →