di Giorgia Alto , 01.05.2020

Costruito alla fine del XVI secolo per volere di Toyotomi Hideyoshi, il Castello di Osaka, fin dal momento della sua edificazione, è diventato uno dei simboli più celebri non solo della città, ma di tutto il Giappone.
Questo edificio così iconico però, non è solo uno sfondo perfetto per un selfie o per una cartolina, è anche il luogo perfetto perfetto per ammirare l’Hanami, grazie al suo storico parco che ospita centinaia di Ciliegi.
La storia del Castello di Osaka però manca di eventi disastrosi, che ne hanno causato più volte la ricostruzione. Del passato di questo imponente edificio, e di quello che offre oggi ai tanti turisti che ogni giorno lo visitano, ne parliamo in questa guida di viaggio

Dove si trova il Castello di Osaka

Il Castello di Osaka si trova nel distretto cittadino centrale di Chuo-ku, uno dei 24 quartieri di Osaka. L'edificio è ubicato nel Parco del Castello di Osaka, una delle aree verdi più estese della città e una location perfetta per una passeggiata con la famiglia o per rilassarsi un pomeriggio.
Potete raggiungere il castello anche a piedi, basta camminare per una decina di minuti partendo dalla stazione Osakajokoen, sulla JR Loop Line. Si tratta della scelta più consigliata, perché in alternativa è possibile giungere a destinazione anche utilizzando la stazione Tanimachi 4-chrome della metropolitana, che però è considerata leggermente più scomoda, specie per chi non è del posto e non conosce bene Osaka e i suoi mezzi di trasporto.

Le principali attrazioni all’interno del Castello

Venendo alle principali attrazioni che si possono trovare dentro al Castello, iniziamo con il parlare della torre principale, il vero emblema dell'edificio. Era già un motivo di vanto per il suo ideatore Hideyoshi Toyotomi, ma con il passare del tempo, è diventato un simbolo e un motivo di vanto per tutto il popolo giapponese, tanto che il Governo nel 1997 ha dichiarato il Castello di Osaka Patrimonio Culturale Tangibile Registrato della nazione.
Leggi anche “Cosa vedere in Giappone”.
Tornando alla Torre, al suo interno ha la sede il Museo del Castello di Osaka, che custodisce una corposa collezione di oggetti provenienti dal periodo storico del suo creatore. Tra questi, armature, armi, ritratti, mobili antichi e lettere. Una delle particolarità che colpisce sempre i visitatori è che è possibile indossare il kimono, l'elmo e il copricapo, per poi scattare una foto ricordo.
Notevole anche il panorama che si può ammirare salendo all'ultimo piano del Castello.

Il Parco del Castello di Osaka

Come dicevamo qualche riga più su, il Castello è situato all'interno di un parco davvero meraviglioso, uno dei più belli del Giappone: merito di 1250 splendidi alberi (di questi 600 sono ciliegi e 95 albicocchi), che nelle stagioni primaverili e autunnali realizzano un vero e proprio trionfo di colori: l’Hanami.
Una vera attrattiva per i tanti turisti che ogni giorno vi si recano, ma anche un prezioso luogo di svago e relax per le famiglie giapponesi. Da menzionare anche la presenza di imponenti mura, per cui sono state utilizzate circa un milione di pietre dalle dimensioni imponenti.

Hanami al castello di Osaka

Come dicevamo nel capitolo precedente, all'interno del Parco del Castello di Osaka ci sono circa 600 ciliegi, il ché rende il Castello di Osaka, e il suo parco, uno dei luoghi più visitati del Giappone durante l’Hanami.
Si tratta di uno degli spettacoli naturali più apprezzati dai turisti, che arrivano da ogni parte del mondo solo per ammirare questo evento. Il termine giapponese “Hanami” si riferisce alla tradizione per cui si ammira la fioritura primaverile dei ciliegi (chiamati sakura in lingua nipponica), per questo viene ormai tradotto letteralmente con “ammirare il fiore di ciliegio”.
L’Hanami è uno dei più importanti eventi della tradizione giapponese, tanto che questo periodo è considerato “Alta stagione”, anche perché in estate, il caldo e l’umidità rendono davvero scomodo visitare questo paese.

Leggi anche “Quando andare in Giappone: clima, temperature e stagioni”.

Per saperne di più sull’Hanami e sul Giappone, potete leggere le nostre guide di viaggio.

I biglietti

Per accedere alla torre principale, al museo e ai giardini è necessario dotarsi di biglietto, che non pagano i bambini fino a 15 anni e gli anziani di età superiore ai 65 anni. Il biglietto per la torre e per il museo costa 600 yen, ovvero circa 4,70 euro, mentre per i giardini il costo è di 200 yen, circa 1,50 euro.
Gli orari di apertura sono dalle 9 alle 17, tutti i giorni.

La storia del Castello in breve

Nell'introduzione di questa guida alla scoperta del Castello di Osaka abbiamo accennato alla storia travagliata di questa costruzione. Questo perché, dal 1598 – anno di conclusione dei lavori – ad oggi, il castello è stato coinvolto in più di un conflitto ed ha dovuto subire più di una ricostruzione.
Proprio nell’anno della fine dei lavori, Toyotomi Hideyoshi, colui che aveva voluto il castello, morì e fece appena in tempo a vedere la sua creazione completarsi. Da quel momento, il Castello fu oggetto di numerosi attacchi a causa vari conflitti in cui fu coinvolto il Giappone.
A causa delle guerre, nel 1868, il Castello venne distrutto durante le battaglie legate alla Restaurazione Meiji. Ovviamente venne successivamente ricostruito, ma la Seconda Guerra Mondiale danneggiò nuovamente la torre principale, ricostruita solo di recente.
La ristrutturazione completa può definirsi tale solo nel 1997: quella che vediamo oggi è una fedele ricostruzione in cemento dell'originale.

 

Tags

Osaka


← Alla scoperta dei più famosi Musei di Dublino

eTA, Canada: come richiedere il visto e i documenti necessari →