di Giorgia Alto , 25.10.2021

Le “Reunion”, un’isola francese che si trova nel mezzo dell’Oceano indiano, poco lontana delle più rinomate Isole Mauritius.

Conosciuta in italiano con il nome “La Riunione”, la piccola isola nasconde un vero e proprio tesoro composto da spiagge dalla sabbia bianchissima, mare cristallino e una natura incredibilmente suggestiva grazie anche alla presenza del vulcano Piton de la Fournaise.

La meta, particolarmente apprezzata anche dagli amanti del trekking, non è certamente a due passi dall’Italia, ma è più vicina di quanto si pensi, soprattutto grazie alla presenza delle autorità francesi.

Nell’isola, infatti, sono vigenti le leggi francesi ed europee, per questo nel Paese è valido il Green Pass Europeo (EU Digital Covid Certificate).

Come sempre, prima di partire per un lungo viaggio, è bene consultare il sito della Farnesina “Viaggiare Sicuri”, mentre se siete interessati all’acquisto di una polizza viaggio, vi ricordiamo che le assicurazioni viaggio Columbus prevedono sempre un massimale illimitato per le spese mediche all’estero.

Quando andare a La Reunion?

L’Isola di La Reunion è il luogo adatto per una vacanza tra l’estate e l’autunno. La stagione secca, che va da maggio a novembre, è il periodo migliore per godere dei paesaggi unici di questa incredibile isola.

La temperatura varia dai 19 ai 34 gradi, con qualche piccola variazione soprattutto di sera.

Qui l’estate non finisce mai, perché il caldo interessa l’isola tutto l’anno. Gli abitanti sono abituati alle alte temperature, e trovano sollievo grazie ai venti regolari e l’ombra offerta dalle palme.

La stagione secca resta la più adatta per la visita perché si evitano precipitazioni, così il viaggio diventa più rilassante e la permanenza è ancora più piacevole.

L’Oceano Indiano, che ospita “La Riunione”, è caratterizzato da acque calde e calme. Difficilmente il mare è troppo agitato nella bella stagione, e la presenza delle lagune rende nuotare un’esperienza unica, soprattutto quando in Europa fa freddo.

Acque cristalline e di un azzurro luminoso blandiscono le spiagge dalla sabbia bianca e fine, gli amanti del mare, infatti, trovano in questo panorama una fonte di attrazione continua.

Come raggiungere l’isola di Reunion?

Réunion, o in italiano “Riunione”, è un’isola dell’Oceano Indiano Occidentale appartenente al gruppo delle Isole Mascarene. Si trova tra le due bellissime isole di Mauritius e Madagascar, nonostante faccia parte dei territori francesi.

L’isola è infatti un dipartimento e regione d’oltremare della Francia, che ne regola tutta l’amministrazione.

Il modo più semplice per raggiungerla è arrivare all’aeroporto di Parigi. La capitale francese offre una lunga serie di voli diretti che arrivano sia sulle principali isole Caraibiche, sia su quelle Mascarene.

Leggi anche “Antille Francesi: le isole caraibiche perfette per una vacanza”.

Da Parigi è possibile prendere un unico volo per raggiungere l’aeroporto di Roland Garros, che si trova a 11 km da Saint Denis, la capitale dell’Isola di La Riunione.

Reunion island: cosa vedere

L’Isola di La Riunione è sede di uno dei vulcani più attivi del mondo, il Piton de la Fournaise, un vulcano che erutta circa due volte l’anno, ricoprendo la zona immediatamente vicina con lapilli e fumo.

Quando il vulcano è tranquillo, e le registrazioni degli esperti sono favorevoli, è possibile raggiungere il punto di osservazione e guardare direttamente nella bocca del vulcano. Un’esperienza davvero impressionante, che vale la pena fare.

Non troppo distante dal vulcano si trova “Trou de Fer”, una voragine di ben 300 metri di profondità dove si osserva una cascata enorme, alta più di 700 metri.

La cascata può essere vista dall’alto, durante un volo in elicottero prenotato nella capitale. La vista di questo incredibile fenomeno naturale sarebbe in grado di colpire chiunque.

Gli amanti del trekking possono sperimentare tantissimi percorsi guidati, che li portano ad esplorare le zone più nascoste e “selvagge” dell’isola.

La riserva marina naturale, che ospita più di 2000 specie protette, è il luogo ideale in cui concedersi una pausa e perdersi ad ammirare la bellezza della natura e tutto quello che ha da offrire.

La Réunion: mare e spiagge più belle

L’isola francese Réunion, così come tutte le Isole Mascarene, da accesso ad una lunga lista di spiagge uniche: il panorama offerto dall’Oceano Indiano è a dir poco unico.

Le spiagge più belle dell’Isola di Riunione sono sparse lungo tutta la costa, sia a Sud che a Nord. Ognuna ha la capacità di sorprendere e stupire i visitatori, lasciandoli letteralmente a bocca aperta.

Spiaggia di Grande Anse

A Sud dell’isola, ai piedi del Piton de Grande Anse, si trova una delle spiagge più apprezzate di Riunione “Grande Anse”. La sua caratteristica principale è la sabbia bianchissima, che sembra diventare ancora più chiara con l’arrivo del sole.

L’ombra delle palme di cocco e dei vacoas fa da sfondo alla spiaggia, aumentandone la bellezza naturale.

Spiaggia di Boucan Canot

Una delle spiagge più popolari tra gli abitanti dell’Isola di La Riunione è “Boucan Canot”. Si trova nella parte occidentale, fiancheggiata dagli alberi e dai diversi ristoranti locali.

Questa spiaggia è perfetta per sperimentare realmente le tradizioni e la cultura del luogo, immergendosi in una “giornata tipo” dei Riuniti.

Hermitage Beach

La spiaggia di Hermitage, meglio conosciuta come Hermitage Beach, è la più grande di tutta l’isola. Si trova a Ovest, tra le città di La Saline e Saint Gilles les Bains. Famiglie e gruppi di amici la raggiungono per godersi la tranquillità del luogo e le acque calme della laguna.

Spiaggia di Etang Salé

La spiaggia di Etang Salé deve la sua formazione al vulcano Neiges, che ha ricoperto di resti la sua superficie.

Oggi la spiaggia è caratterizzata dalla nera sabbia vulcanica, che entra in contrasto con le acque cristalline e le immerge in un’atmosfera di forte calma.

Ciascuna delle spiagge dell’Isola di Riunione permette ai visitatori di sentirsi pienamente accolti. L’ospitalità degli abitanti del luogo è conosciuta in tutto il mondo, tanto da spingere i turisti a tornare più e più volte.

Tags

Mauritius


← Corridoi Turistici Covid Free: mete extra UE dove viaggiare nel 2021

Guadalupa, Antille Francesi: la guida di viaggio →