di Davide Rossi , 27.09.2021

Gran Canaria fa parte dell’arcipelago delle Canarie, è un’isola di origine vulcanica e la capitale, La Palmas de Gran Canaria, è una delle città più abitate dell’intera Spagna.

Gran Canaria è un’isola dove il clima risulta tendenzialmente mite durante tutto l’anno. Non a caso è uno dei luoghi più soleggiati della terra, con più di 3000 ore di sole annuali.

Inoltre, secondo alcuni recenti studi, pare che la capitale Las Palmas sia la città con il clima migliore al mondo.

Le temperature più estreme che si possono raggiungere sono pari a 14°C, la minima, e 40°C la massima. Quelle che invece si trovano normalmente si stazionano tra i 20°C e i 30°C.

Anche l’acqua del mare risulta essere sempre piacevole, con una variazione fra i 18 e i 23°C verso l’inizio dell’autunno.

Il periodo che va da fine settembre a ottobre inoltrato è il migliore per godersi condizioni climatiche ideali, dove è possibile evitare l’instabilità di settembre e sfruttare le condizioni gradevoli dell’acqua.

In questo periodo, inoltre, non c’è nessun rischio di incorrere in tempeste di sabbia, che solitamente avvengono tra febbraio e marzo.

Circa la metà della superficie di Gran Canaria è stata dichiarata dall’UNESCO Riserva della Biosfera e viene definita “Il continente in miniatura”, grazie alla grande varietà di paesaggi che offre.

L’aeroporto internazionale collega l’isola al resto del continente, in particolare alla Spagna.

Risulta molto semplice muoversi al suo interno grazie ai prezzi calmierati del noleggio delle auto e del basso costo del carburante.

Molto efficiente anche la rete degli autobus, mentre risulta essere poco conveniente l’utilizzo dei taxi.

Leggi anche “Vacanze invernali al caldo: 8 mete tra sole, mare e spiagge

Quanto piove a ottobre a Gran Canaria?

A Gran Canaria le giornate più piovose si concentrano nel periodo invernale, in particolare a dicembre. I giorni medi di pioggia nel mese di ottobre sono solitamente due, con una quantità minima di precipitazioni. La parte a sud dell’isola risulta essere più calda e meno piovosa rispetto quella a nord, che in inverno viene colpita, anche se raramente, da nevicate.

Le condizioni climatiche fanno sì che in questo mese la temperatura dell’acqua si attesti sui 23°C, ideale per bagni e pause rinfrescanti. Un clima mitigato dai venti alisei e dalla corrente del Golfo, che insieme creano queste condizioni ideali.

Leggi anche “Ottobre: un buon momento per una vacanza a Tenerife (Canarie)

Las Palmas de Gran Canaria: cosa vedere

Las Palmas de Gran Canaria è la capitale dell’isola e risulta anche essere una delle maggiori zone metropolitane dell’intera Spagna. Le attrazioni e i divertimenti che offre sono adatti ad ogni tipo di esigenza.

Di seguito riportiamo alcune tra le attrazioni più interessanti di Gran Canaria

Parco Doramas

Per chi amasse trascorrere del tempo circondato dalla natura, il Parco Doramas è l’ideale. Al suo interno offre anche campi da gioco, fontane e spettacoli di artisti di strada: un luogo ideale per giovani, famiglie e sportivi.

Caldera de Bandama

A soli 20 minuti in macchina dalla città, si trova un’altra meraviglia naturale, la Caldera de Bandama, dove si può fare trekking per raggiungere la cima dei colli da cui avere una vista a 360° sull’isola.

Quartieri di Triana e Vegueta

Per fare un tuffo nella storia della città, l’ideale è una visita ai quartieri storici di Triana e Vegueta, dove poter ammirare gli edifici in stile liberty, ma anche il passato medievale. Anche Cristoforo Colombo visse a Las Palmas, ed è ancora possibile visitare la sua casa, oggi diventata un museo.

Porto di Mogàn

Il Porto di Mogàn è il luogo dove ritrovare la vita dei pescatori ancora come si svolgeva in passato. Tra vicoli e balconi dipinti, è il posto dove trovare il miglior pesce fresco della città, cucinato e servito appena pescato, magari fra le suggestive spiagge di acqua nera che caratterizzano la zona.

Cosa vedere a Gran Canaria

Di seguito riportiamo alcune tra le più belle attrazioni da vedere a Gran Canaria, particolarmente apprezzate dai turisti di tutto il mondo.

Leggi anche “Cosa vedere a Gran Canaria”.

Maspalomas (San Bartolomé de Tirajana)

La movida dell’isola è concentrata in particolar modo a Maspalomas (frazione di San Bartolomé de Tirajana, una delle località più turistiche dell’intero arcipelago.

Le spiagge chilometriche si trovano nei pressi di strutture alberghiere, locali e negozi, permettono di avere tutto a portata di mano.

Non troverete solo divertimenti e locali in questa zona, ma anche siti archeologici come il Mundo Aborigen e il Palmitos Park.

Riserva Mondiale della biosfera

Gran Canaria è stata nominata dall’UNESCO “Riserva Mondiale della Biosfera”, il ché rende questi luoghi riservano incredibili percorsi per il trekking, come ad esempio quello per raggiungere le cime di Roque Nublo, un paesaggio lunare che incanta i turisti provenienti da ogni parte del mondo.

Il Pico de las Nieves è invece la vetta più alta dell’isola, e i suoi 1949 metri sono raggiungibili con semplici percorsi panoramici.

Arucas

Non molto distante da Las Palmas si trova la capitale del Rum: Arucas. Sono infatti molte le distillerie presenti in questa città, fra cui la più grande dell’isola.

Una visita poi non si può negare alla chiesa in stile neogotico che spicca nel cuore del centro storico.

Fataga

Per estraniarsi dalla frenesia, Fataga è il luogo adatto. Un piccolo villaggio a 600 metri sul livello del mare, caratterizzato da case rurali e da una gustosa cucina tradizionale e tipica.

Nei pressi del centro è possibile fare delle escursioni in cammello nel Barranco de Fataga.

Bufadero de la Garita

Lo spot preferito da tutti coloro che sono alla ricerca di foto perfette. Un luogo antico, dove poter ammirare la geologia del basalto che forma dei fori che vengono riempiti dall’acqua dell’oceano.


← Organizzare un viaggio in Lapponia: cosa vedere e quando partire

Come funziona l'assicurazione annuale multiviaggio? →