di Davide Rossi , 17.01.2022

Il Carnevale delle Canarie, conosciuto anche come “Carnival de Las Palmas”, viene considerato come uno degli eventi più affascinanti e caratteristici di tutta Europa.

Secondo solo al famosissimo Carnevale di Rio de Janeiro, la festività delle Canarie inizia esattamente sei settimane prima della domenica di Pasqua.

Nel 2022, i festeggiamenti inizieranno l’11 febbraio, e coinvolgeranno tutti gli abitanti ed i turisti delle isole Canarie. Ovviamente, bisogna sperare che non ci siano restrizioni dovuti al diffondersi del Covid-19, per questo è sempre utile consultare il sito della Farnesina “Viaggiare Sicuri”.

Il Carnevale dell’arcipelago delle Canarie è un evento colorato e diverte, all’insegna della spensieratezza e del divertimento, capace di unire un gran numero di persone. Gli isolani si divertono a partecipare grazie al clima allegro e all’abbondanza di spettacoli organizzati, momenti dedicati esclusivamente all’intrattenimento generale.

Leggi anche: Il Carnevale di Madrid: storia ed eventi

Quanto dura il Carnevale alle Canarie

A differenza del Carnevale Italiano, la festa di “Las Palmas” ha una durata molto più ampia.

Il numero di giorni dedicati agli spettacoli varia di anno in anno, a seconda delle possibilità dell’isola e dell’organizzazione generale.

Il Carnevale delle Canarie 2022 inizierà l’11 febbraio e terminerà il 6 Marzo, così da poter accogliere un gran numero di eventi ed ospiti speciali.

La festa coinvolge ciascun abitante, con lo scopo di creare una stretta connessione tra tutti i partecipanti.

Il clima mite delle Canarie rende i festeggiamenti ancora più piacevoli, nonostante vengano celebrati durante il mese di febbraio.

Solitamente, il Carnevale inizia a Tenerife - o sull’isola di Gran Canaria - e prosegue poi nelle principali isole del territorio delle Canarie. In questo modo, tutta la popolazione ha la possibilità di dedicare del tempo al Carnevale, concedendosi una pausa dagli impegni quotidiani.

Come e Dove si festeggia il Carnevale alle Canarie

Ciascun’isola dell’arcipelago delle Canarie ospita un differente rito propiziatorio. Il Carnevale, infatti, è considerato come un “Momento di celebrazione e ringraziamento”, durante il quale ci si ferma a ringraziare per i risultati ottenuti durante l’anno, augurando risultati ancora migliori per quello successivo.

Le due isole protagoniste sono Tenerife e Gran Canaria, che solitamente ospitano gli spettacoli più interessanti.

Le quattro città in cui il Carnevale concentra gran parte della sua energia sono Santa Cruz, Puerto de la Cruz, Las Palmas e Maspalomas.

Il Carnevale di Santa Cruz è sicuramente tra i più belli in assoluto, ricco di colori e di allegria. Una vera e propria esplosione di gioia e piume colpisce le strade, che vengono accerchiate dai carri per le parate.

Qui si tiene anche la famosa “Elección de la Reina”, l’elezione della Regina del Carnevale. Bellissime ragazze vestite con coloratissimi abiti fatti di strass e piume, sfilano per ricevere il titolo di Regina e guidare la parata finale.

Altri eventi particolarmente interessanti del Carnevale delle Canarie riguardano:

L’elezione della Drag Queen

Ogni anno, a Maspalomas (Gran Canaria) viene eletta la Drag Queen più bella del Carnevale, in segno di rispetto ed inclusione.

L’uccisione della vipera

L’uccisione della vipera è un piccolo spettacolo durante il quale alcuni isolani maschi si travestono da schiavi africani e uccidono un serpente con l’aiuto di una frusta.

L’animale rappresenta simbolicamente il peccato ed il male, che viene allontanato dall’isola.

La battaglia con il talco

La battaglia con il talco è uno spettacolo fatto di canti e balli tipici della tradizione delle Canarie, che si tiene tutti i venerdì nella località di La Palma. Il suo scopo è quello di celebrare simbolicamente il ritorno in patria dei Canari dopo l’emigrazione verso le Americhe.

Las Burras

Las Burras è un altro evento particolarmente suggestivo, che racconta la storia delle streghe. Un gruppo di ragazze si traveste per l’occasione e spaventa gli abitanti della città invocando il demonio.

In un secondo momento, le ragazze vengono legate ad un palo, in memoria delle streghe messe al rogo.

La storia del Carnevale di Las Palmas in breve

Secondo i racconti e i documenti ritrovati, la storia del Carnevale di Las Palmas è strettamente legate alle origini stesse della città.

Molto probabilmente, il primo Carnevale è stato festeggiato nel 1521, anno in cui un gruppo di genovesi è intervenuto nella costruzione generale della festa.

I primi festeggiamenti presentavano riferimenti spiccatamente italiani, tanto da confermare la teoria secondo cui tutto abbia avuto inizio dai Genovesi.

Intorno al XIX Secolo, iniziano a nascere le prime sfilate pubbliche in maschera. All’epoca, il Carnevale partiva da Piazza della Feria e percorreva tutta la strada fino al Paseo San José, passando attraverso il Gabinete Literario di Las Palmas e l'Alameda di Colón.

Negli anni successivi, la tradizione del Carnevale è stata portata avanti attraverso diverse modifiche stilistiche. Sono stati aggiunti nuovi carri, nuovi spettacoli, ed il percorso è stato significativamente allungato.

Agli inizi degli anni ’90, è nata l’Associazione "Fiestas del Carnaval de Las Palmas”, con lo scopo di organizzare al meglio i festeggiamenti ogni anno.

Turisti e curiosi hanno permesso alla festa di crescere di dimensioni, ampliando il budget utilizzato. Si è così arrivati all’attuale Carnevale di Las Palmas, il secondo Carnevale più bello di tutto il mondo.


← Le località sciistiche abruzzesi più famose

Saint Martin, Antille Francesi: la guida di viaggio →