di Valentina Salis , 07.12.2017

Il Carnevale di Rio è senza ombra di dubbio una delle più belle feste del mondo, piena di persone, colori e allegria. Ogni anno, milioni di persone provenienti dai 5 continenti si recano in Brasile per assistere dal vivo a questa festa, considerata da tutti come il più bel Carnevale del Mondo. Anche in Italia, dove la tradizione del Carnevale è sentita e celebrata, sono in molti che decidono di attraversare l’Atlantico in pieno inverno per godere delle spiagge brasiliane e per partecipare ai festeggiamenti per il Martedì Grasso. Il Carnevale di Venezia, o il Carnevale di Viareggio, solo per citarne un paio, sono due manifestazioni molto conosciute sia in Italia che all’estero, e anche loro attirano ogni anno moltissimi turisti. Nonostante però l’incomparabile fascino della laguna veneziana e l’eleganza delle antiche maschere, bisogna riconoscere che il Carnevale di Rio è unico nel suo genere, e ora capirete perché.

Il Carnevale in Brasile: la storia in breve

Il Carnevale brasiliano è una storia relativamente recente. Tra la fine del 1800 e gli inizi del ‘900, la borghesia europea, in particolare quella portoghese, decise di esportare oltreoceano l’usanza del Carnevale tanto cara in Europa. Quella che inizialmente era una “Festa per ricchi”, rapidamente si è trasformata in una festa del popolo, e a Rio de Janeiro ha raggiunto il suo massimo splendore. Ancora oggi però, ci sono hotel e locali di lusso che organizzano feste private dove VIP e personaggi facoltosi possono festeggiare il Carnevale di Rio in maniera riservata, sfoggiando i loro magnifici costumi lontani dal “Caos cittadino”.

Quando si festeggia il Carnevale

Ufficialmente il carnevale di Rio dura circa una settimana, dal Giovedì Grasso al Martedì Grasso, quando i festeggiamenti raggiungono il punto più alto. In realtà però le sfilate e le feste serali iniziano dai primi di gennaio, subito dopo Capodanno. Essendo un evento mondiale, i preparativi per il Carnevale brasiliano durano praticamente un anno, soprattutto a Rio de Janeiro.

I Blocos

I Blocos sono l’asse portante del Carnevale di Rio e sono una delle vere particolarità di questa grande festa. Blocos significa “Quartieri”, ma con questo termine si intendono grandi gruppi di persone che sfilano per le strade a ritmo di samba. Durante il carnevale è difficile conoscere il numero preciso dei Blocos, ma sono sicuramente più di 100.

Scuole di Samba e Sambodromo

Se i Blocos sono l’asse portante del Carnevale di Rio, le scuole di samba sono la sua anima. Durante questa festa infatti sono proprio le scuole ad animare i carri allegorici con i loro costumi e le loro danze, ma non finisce qui. Il “Big Show” infatti si svolge al Sambodromo, una specie di stadio di calcio dove però ci si affronta a colpi di samba. Ogni carnevale qui si affrontano le più importanti scuole della città per decretare quale sia la migliore.

Lo spettacolo del Sambodromo è un appuntamento imperdibile.

Voli e alloggi per il Carnevale di Rio de Janeiro

La spesa per assistere al Carnevale di Rio de Janeiro, soggiornando almeno una settimana in città, può arrivare a superare facilmente i 3000 euro. Il periodo migliore per recarsi in vacanza a Rio è sicuramente durante la settimana del Martedì Grasso, anche se i prezzi saranno più alti. Se si vuole risparmiare qualcosa bisogna per prima cosa prenotare con diversi mesi di anticipo, scegliendo tra una soluzione “Fai da te” o rivolgendosi ad un tour operator specializzato. La scelta dell’alloggio permette di risparmiare ma non rinunciate mai alla vostra sicurezza. Alloggiare troppo lontano dal centro o in una struttura fatiscente rovinerà sicuramente la vacanza.

Assicurazione Viaggio per il Carnevale di Rio

A distanza di due mesi dal Carnevale di Rio, è importante pianificare il viaggio verificando la validità del passaporto e pensare alla scelta di un’assicurazione viaggio che possa proteggere in caso di spese mediche, annullamento e smarrimento bagaglio.


← Le feste più belle del Mondo da vedere almeno una volta nella vita

Tante Idee per le vacanze 2018: scopri dove andare →