di Giorgia Alto , 22.06.2020

Tra i maggiori successi Disney degli ultimi anni, un posto d’eccezione merita la saga di Frozen, liberamente ispirata alla fiaba di Hans Christian Andersen "La regina delle nevi". I due capitoli cinematografici risultano tra i film di maggiore incasso nella storia del cinema e hanno conquistato pubblico e critica al punto che, dopo il primo lungometraggio animato (in Italia distribuito col nome di Frozen - Il regno di ghiaccio), è arrivato anche il secondo capitolo, Frozen 2 (nel nostro paese noto come Frozen II - Il segreto di Arendelle).

Le avventure delle sorelle Anna ed Elsa, accompagnate dai co-protagonisti Sven, Olaf e Kristoff, prendono vita sullo schermo e catturano lo spettatore anche per merito di una computer grafica eccezionale, che ridisegna con grazia e verosimiglianza uno scenario particolarmente caratteristico e pieno di magia.

In realtà, i suggestivi luoghi del film non sono solo completamente immaginari, in particolare il Regno di Arendelle, che a quanto pare esiste per davvero e si trova in Europa, precisamente in Austria.

Leggi anche “Castelli e luoghi reali che hanno ispirato la Disney”.

Dove si trova Arendelle? Ad Hallstatt (Austria)

A ispirare il meraviglioso paese adagiato su un fiordo e nel quale sorge il Castello di Anna ed Elsa, è stata la cittadina di Hallstatt, in Austria. Si tratta di un borgo incastonato tra le montagne, con poco più di 700 abitanti, annoverato nella lista dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.

Il villaggio si trova sull'omonimo Lago di Hallstatt, ai piedi del massiccio del Dachstein, ed è ricompreso nella regione geografica e forestale del Salzkammergut.

Anche raggiungere Hallstatt è una piccola e magica avventura.

La città austriaca più vicina è la romantica Salisburgo che dista poco più di 70 km: da qui, Hallstatt è raggiungibile in auto in circa un'ora, passando attraverso paesaggi mozzafiato, ma anche in treno o autobus, magari partecipando a tour organizzati attraverso la celebre Salzkammergut.

Leggi anche “Cosa vedere a Salisburgo”.

In alternativa sarà possibile raggiungere questo villaggio meraviglioso anche spostandosi da Vienna, che dista però quasi 300 km. Un viaggio in treno dalla capitale austriaca, dunque, richiederà circa 3 ore di tempo.

Il problema dei “Troppi turisti”

Il successo di Frozen, alimentato anche dall’uscita del sequel, ha reso il traffico turistico particolarmente intenso nel villaggio alpino di Hallstatt.

Si parla di circa 10mila turisti di passaggio ogni giorno che vogliono accaparrarsi un’immagine o un ricordo di questa località suggestiva.

D’altronde, il borgo è piccolo e si visita in un paio d’ore, per questo la sosta è di solito breve, quanto basta per scattare qualche foto da postare sui social sfruttando il fascino di questo scenario incantato.

L’incontrollato flusso di turisti ha però allarmato la comunità locale, e ad aver lanciato l’allarme è stato proprio il sindaco, Alexander Scheutz, che sta cercando un modo per arginare i visitatori e proteggere la città, considerata “un pezzo importante della nostra storia e della nostra cultura”.

Allo studio anche idee per scongiurare il turismo “mordi e fuggi” e prediligere visite di qualità, che possano portare le persone a intrattenersi per più tempo nei ristoranti, hotel e negozi di Hallstatt.

Anche la Norvegia ha ispirato Frozen: la città di Bergen

Gli scenari ammirati in Frozen, però, non si esauriscono nella sola Arendelle, ma comprendono fiordi, distese innevate, montagne e una vegetazione tipicamente nordica.

Tutte immagini che lasciano intuire come la Disney si sia lasciata ispirare alla splendida Norvegia per replicare questi luoghi in maniera così particolareggiata.

In particolare, il lungometraggio Disney avrebbe preso spunto anche dalla città costiera di Bergen, nella regione di Vestlandet, circondata da fiordi e montagne. Questa città incantevole è la seconda più grande della Norvegia e si può raggiungere via mare (nel suo porto transitano oltre mezzo milione di passeggeri all'anno), ma anche in aereo o in treno. Anzi, sfruttando la linea ferroviaria che la collega direttamente con Oslo (un viaggio di circa 6-7 ore), sarà possibile ammirare paesaggi mozzafiato, tra i più belli della Norvegia.

Particolarmente affascinante è Bryggen, il quartiere “lungomare” di Bergen, con un porto dichiarato Patrimonio dell’Umanità UNESCO, circondato da pittoresche casette di legno in fila l’una accanto all’altra, e da vicoletti pieni di negozietti tipici e ristoranti dove assaporare la cucina locale.

I norvegesi, e non solo, ritengono che proprio il molo di Bryggen avrebbe ispirato i disegnatori della cittadina di Arendelle, così come la chiesa di San Olaf. il cui interno è replicato nella scena dell’incoronazione di Elsa.

Tags

austria


← Polizza Viaggio per Coronavirus: la proposta di Columbus Assicurazioni

9 consigli su Come rendere il volo più confortevole →