di Davide Rossi , 19.08.2022

Con il termine “Sultanato”, generalmente, si indica il territorio soggetto all’autorità del sultano. Da dizionario però, con il termine “Sultanato” si intende anche “La dignità di un sultano” e “La carica di sultano”.

L’autorità di un sultano è paragonabile a quella di un monarca. Tutto il potere di governare, infatti, risiede nelle mani di una persona sola.

Ad oggi esistono soltanto 4 sultanati in tutto il mondo, ma storicamente il sultanato era un tipo di governo molto più diffuso.

Chi è il sultano

La parola deriva dall’arabo sultan, termine a sua volta di origine siriaca, che aveva originariamente il significato di “potere, forza” utilizzato poi nel senso di “sovrano, principe”.

Il sultano è infatti un titolo utilizzato da diversi stati (prevalentemente islamici) per i loro sovrani.

Era il titolo del sovrano dell’Impero ottomano fino al suo crollo ed ancora oggi è il titolo dei sovrani di alcuni stati del Vicino e Medio Oriente.

Molti sovrani che probabilmente in passato avrebbero assunto il titolo di sultano, ad oggi preferiscono chiamarsi re.

Sultanato del Brunei

Il sultanato del Brunei si trova sull’isola del Borneo che sorge nel sud-est asiatico, circondato da un altro sultanato, quello della Malaysia, e dal Mar Cinese meridionale.

Questo sultanato sorge nel 1300 e raggiunge il massimo sviluppo negli anni a cavallo tra il 1400 e il 1500.

Dal punto di vista del potere esercitato dal sultano, è possibile affermare che il sultanato del Brunei è partito più come una monarchia costituzionale che come una monarchia assoluta (utilizzando termini più familiari alla cultura occidentale), per poi svilupparsi man mano in maniera sempre più assolutistica fino ai giorni nostri.

Sultanato dell’Oman

Il sultanato dell’Oman, di cui fanno parte anche Madha e Musandam, si trova nella parte più sud-orientale della penisola arabica, al confine con Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita e Yemen.

Leggi anche “Assicurazione Sanitaria di Viaggio per l’Oman

Nel 1600 diventa un vero e proprio impero coloniale e raggiunge il suo massimo splendore nel 1800. Ad oggi, il Sultanato dell’Oman è uno dei paesi più politicamente stabili e più sviluppati del mondo arabo e si stima che abbia un continuo sviluppo socioeconomico.

Nonostante sia un sultanato vero e proprio, e quindi il sultano abbia poteri assoluti, il sultanato dell’Oman ha comunque un parlamento con pochi poteri legislativi e di controllo, ma non ne esercita nessuno.

Leggi anche “Oman Cosa vedere

Sultanato della Malaysia

Conosciuto in italiano come Malesia o anche Grande Malesia, il sultanato della Malaysia è uno stato federale situato nell’Asia sud-orientale. La Malesia è formata da 13 stati federati, di cui 9 sono regni e 4 sono repubbliche. Di 9 regni, 7 in realtà sono dei sultanati e sono:

  • Johor
  • Kedah
  • Kelantan
  • Pahang 
  • Perak
  • Selangor
  • Terengganu

Leggi anche “Assicurazione di viaggio per la Malesia” 

La federazione della Malesia è una monarchia costituzionale elettiva, in cui viene eletto il capo supremo di stato tra i nove sovrani degli stati ogni 5 anni.

Il capo supremo scegli poi il primo ministro e detiene il potere esecutivo ed il potere legislativo.

Leggi anche “Malesia: cosa vedere

Il sultanato di Yogyakarta (Indonesia)

L’Indonesia è uno Stato-arcipelago situato nel sud-est asiatico e suddiviso in province, 5 delle quali a statuto speciale con una maggiore autonomia rispetto alle altre.

Leggi anche “Assicurazione sanitaria di viaggio per l’Indonesia”.

Tra queste 5 province speciali c’è Yogyakarta che è governata da un sultano ed è quindi considerata un sultanato.

Il sultanato di Yogyakarta è quindi incluso nella Repubblica indonesiana, ma formalmente rappresenta uno stato a sé stante.

Inizialmente il Sultanato di Yogyakarta era uno stato indipendente ed è stato incluso nella Repubblica dell’Indonesia solo al termine della Seconda guerra mondiale e, precisamente, nel 1950.

Leggi anche “Indonesia: che cosa vedere”.

Tags

Sultanato


← Elenco dei siti UNESCO in Croazia

Milos, la splendida isola delle Cicladi (Grecia): la guida di viaggio →