di Giovanna Lucchi , 31.08.2022

L’Oman, ufficialmente Sultanato d’Oman, è una terra che unisce spiagge paradisiache, una natura selvaggia ed incontaminata, città bellissime, ricche di storia, arte e cultura, il tutto avvolto da un fascino magico e misterioso.

Inoltre, soprattutto dal punto di vista naturalistico, l’Oman offre tutto ciò che si desidera: mare, colline, vallate, montagne e, soprattutto, deserto. C’è tanto da scoprire in questa terra, ecco quindi una panoramica del Sultanato dell’Oman.

Leggi anche “Assicurazione Sanitaria di viaggio per l’Oman” 

Dove si trova l’Oman

Il Sultanato dell’Oman si trova nella parte sud-orientale della penisola araba, è bagnato dal Mar Arabico e si affaccia sul Golfo dell’Oman nella parte nord-orientale.

Confina con Yemen, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, mentre come estensione è di poco più piccolo della Polonia.

L’Oman ha un aeroporto internazionale, ma al momento non ci sono voli diretti dall’Italia: è necessario quindi fare uno scalo, che solitamente avviene in Qatar.

Ingresso in Oman: serve il visto?

I cittadini italiani possono entrare in Oman senza nessun visto per un soggiorno di massimo 14 giorni, non estendibili.

Invece, per soggiorni superiori ai 14 giorni, ma comunque di massimo 30 giorni, è necessario richiedere un visto sul sito della Royal Oman Police.

Questo visto può essere rinnovato una volta sola.

Qual è il periodo migliore per andare in Oman?

L’Oman è caratterizzato da varie zone climatiche, per cui, non si troverà ma lo stesso clima su tutto il territorio.

Qui coincidono infatti: 

  • un clima mediterraneo lungo la costa settentrionale
  • un clima sub-tropicale nella zona meridionale
  • un clima desertico nelle zone interne in corrispondenza del deserto.

Nonostante questa varietà climatica, il periodo migliore per visitare l’Oman rimane quello compreso nei mesi da ottobre ad aprile. Tra questi mesi, quelli assolutamente perfetti sono dicembre, gennaio e febbraio.

In questo periodo, infatti, il clima è perfetto su tutto il territorio, e si troverà una combinazione ideale tra temperature, umidità e precipitazioni.

Nella zona costiera meridionale si troverà un clima secco, con una quasi totale assenza di precipitazioni, mentre le giornate saranno calde e assolate, con una temperatura media di circa 24 gradi.

Anche la temperatura del mare permetterà delle lunghe nuotate, assestandosi intorno ai 24/25 gradi.

Spostandosi più a nord, si troveranno temperature leggermente più alte, ma mitigate dai venti freschi e da qualche precipitazione occasionale. Qui, infatti, c’è da aspettarsi qualche giorno di pioggia data la maggiore umidità della zona, ma si tratta più di pioggerelle passeggere che di temporali.

Sempre nell’area nord del paese, la temperatura media è di circa 26 gradi e la temperatura del mare di circa 25/26.

Anche per visitare l’entroterra dell’Oman, il periodo migliore resta nei mesi da ottobre ad aprile, in quanto non sono previste molte piogge (anzi, sono abbastanza rare), le temperature sono miti e le giornate sono soleggiate.

La temperatura qui è più varia nell’arco dei mesi e può passare dai 12 ai 24 gradi, mentre l’umidità è abbastanza stabile e si assesta intorno al 66%.

Cosa si mangia in Oman

La cucina omanita è particolarmente ricca di sapori, spezie e aromi. Ha alcuni tratti in comune con la cucina libanese e con quella giordana, ma anche dei piatti unici, caratteristici della propria cultura.

Principalmente, si mangia agnello e pollo, verdure e riso, il tutto condito da molte spezie.

Uno dei piatti tipici da provare assolutamente è il meshkak, ossia carne di manzo, montone oppure pollo, marinata in varie spezie, tra cui il curry, poi sistemata su dei bastoncini e grigliata.

Molto tipici e comuni sono anche i falafel, ossia delle polpette di ceci fritte.

Questi sono caratteristici di tutto il Medio Oriente, per cui non sarà difficile reperirli.

Altro piatto comune a tutto il Medio Oriente e molto consumato in Oman è il majboos, ossia riso molto speziato con pollo.

La ricetta prevede che il riso venga cotto direttamente nel brodo di pollo, così da prenderne tutto il gusto.

Come dolci, molto comune è il halawet ahmad, ossia un dolce tradizionale fatto di pasta lunga, burro, latte condensato, zucchero, cocco e mandorle.

Un altro dolce tipico è l’halwa, a base di semola, acqua di rose, miele zucchero e datteri, che sono tipici di questa regione.

L’halwa omanita è molto diverso da quello greco o turco, in quanto questi ultimi sono preparati con le noci.

Cosa vedere e cosa fare in Oman

Prima tappa del vostro viaggio in Oman dovrebbe essere la capitale Muscat: bellissima, traboccante di arte, di storia antica e di cultura.

Imperdibile la Grande Moschea del Sultano Qaboos e la Royal Opera House, centro pulsante della vita culturale del paese. Molto consigliata anche una passeggiata sul suggestivo lungomare ed una visita al porto di Mutrah.

Qui potrete trovare, oltre ala mercato del pesce, il Mutrah Souq, un mercato molto grande dedicato allo scambio di merci, dove è possibile trovare spezie, incenso, cibo e prodotti tipici.

Altra città da vedere è Nizwa, costruita nel cuore della zona montana e molto vicina al deserto.

La città Vanta il souq più grande bello e famoso del paese. Bellissimo il suo forte, sugli stessi toni delle sabbie del deserto.

Proprio il deserto, inoltre, è una tappa obbligatoria del vostro viaggio in Oman.

Il paesaggio del deserto del Wahiba Sands è commovente, con le sue dune che sfumano in vari colori, dal rosso al giallo e anche all’ocra, e con i beduini che allevano i dromedari. Qui si trova anche l’oasi Wadi Bani Khalid, caratterizzata da una vegetazione di un verde intenso e acque limpidissime.

Sempre all’insegna della natura, durante il vostro viaggio dovreste organizzare un giro in barca nella penisola del Musandam, una penisola caratterizzata da baie incontaminate, insenature rocciose e paesaggi selvaggi.

Se invece del mare e del deserto amate la montagna, l’Oman può offrirvi anche questo!

La catena dei Monti Hajar possiede delle cime alte ed aguzze, come il Jebel Shams, noto anche come la montagna del Sole. Ci sono anche dei canyon mozzafiato, come il Wadi Ghul, e dei villaggi incantevoli come quello di Misfat, costellato di palme da dattero.

Le spiagge più belle dell’Oman

L’Oman è una meta molto apprezzata dagli amanti del mare e della spiaggia. Non a caso, il Paese vanta coste e spiagge di tutto rispetto.

Di seguito presentiamo alcune delle spiagge e località balneari più famose dell’Oman.

la spiaggia di AlQurm

Se cercate una spiaggia ben attrezzata, con tanti locali, ristoranti, bar e hotel, allora la spiaggia di AlQurm è il posto ideale.

Situata nel cuore della città di Muscat, questa spiaggia si estende per molti chilometri ed è costellata di strutture alberghiere, dalle più modeste alle più sfarzose. La spiaggia è caratterizzata da una sabbia finissima e molto pulita, di un color ocra che crea un forte contrasto con l’acqua che invece è di un blu intenso.

Queste acque sono abitate dalle tartarughe marine che di notte depongono le uova sulla spiaggia. L’acqua è molto calma ed i fondali sono bassi, per cui questa spiaggia è perfetta per le famiglie con bambini.

Le spiagge della zona di Dhofar

Se siete alla ricerca di spiagge più selvagge, è assolutamente imperdibile la zona di Dhofar.

Ecco le spiagge più famose di questa zona: 

  • spiaggia di Al Mughsayl 
  • spiaggia di Raysut
  • spiaggia di Al Hafah.

Tutte queste spiagge sono caratterizzate da sassolini e sono incastonate tra le rocce. Sono inframmezzate da conche, grotte, cascate e lagune che contribuiscono a rendere il paesaggio particolarmente suggestivo.

Queste spiagge sono particolarmente frequentate dagli amanti delle immersioni e sono comunque più indicate a dei gruppi di giovani, piuttosto che a delle famiglie.

Le spiagge di questa zona sono spesso frequentate anche dai bellissimi fenicotteri.

Qurum Beach

Un’altra spiaggia dotata di tutti i confort possibili è Qurum Beach. Si tratta di una spiaggia di sabbia fine e bianchissima, molto lunga e anche particolarmente larga, che degrada lentamente verso il mare, creando quindi dei fondali bassi.

Al largo si intravedono degli isolotti rocciosi che danno un aspetto selvaggio a questa spiaggia.

Qui si possono trovare lidi, alberghi, chioschi, bar e anche numerosi negozietti, inoltre, è una spiaggia perfetta per gli amanti degli sport acquatici, soprattutto snorkeling e surf.

Tags

oman


← Quali sono gli aeroporti di New York

Varadero, Cuba: la guida di viaggio →