di Davide Rossi , 27.05.2022

Montenegro, la piccola perla dei Balcani, ospita alcune delle località balneari più belle d’Europa.

Le spiagge di queste località si differenziano per il loro aspetto selvaggio e incontaminato, per la sabbia chiara e la presenza delle scogliere. Il poeta Byron aveva definito la costa di Montenegro come “il luogo più bello in cui terra e mare si incontrano”, affascinato dall’alternarsi di acqua e zone rocciose.

Oggi, località tipiche come Kotor (o Catarro), l’Isola-Chiesa e Budva, rientrano tra le mete più affascinanti e visitate.

Kotor è conosciuta per le “Bocche di Catarro”, le bellissime insenature naturali della sua costa, mentre Budva è famosa per le sue spiagge affollate e l’acqua turchese.

Le piccole località balneari ospitano anche particolari attrazioni immerse nella natura. Un esempio è la baia di Valdanos, così come la spiaggia di Plavi Horizonti, luoghi magici in cui la vegetazione è libera di crescere indisturbata.

Dal mese di maggio fino a settembre inoltrato, Montenegro si trasforma nella perfetta meta per un viaggio all’insegna del mare. Arrivarci è più semplice del previsto, ed i luoghi che si incontrano meritano la visita.

Leggi anche “Assicurazione viaggio per il Montenegro”.

Come si arriva in Montenegro

Per arrivare a Montenegro dall’Italia, i viaggiatori hanno a disposizione tre alternative diverse:

Aereo

Partendo da uno qualsiasi dei principali aeroporti italiani, il Montenegro è raggiungibile in poco più di un’ora di volo, senza cambi.

Nave

Il Montenegro è raggiungibile anche via mare, ma ci vorranno circa 9 ore di navigazione.

Autobus

Partendo da Trieste e passando per la Croazia, il Montenegro è raggiungibile anche in autobus.

Quanto costa una vacanza in Montenegro

Il prezzo del viaggio varia in relazione alla meta scelta e al tipo di vacanza a cui si aspira.

Solitamente, un viaggio della durata di 7 giorni a Montenegro costa intorno ai 650,00 euro complessivi.

In generale, il costo medio di un alloggio in Montenegro varia dai 16,00 euro a notte in ostello, ai 50,00 euro a notte in hotel a 3 stelle. Le strutture più lussuose, ovviamente, costano di più.

Il costo della vita è del tutto simile a quello italiano, sia per ciò che riguarda il cibo che l’intrattenimento.

Le principali località balneari del Montenegro

La località balneare di Kotor, conosciuta in Italia con il nome di Catarro, rientra tra le mete più visitate dell’intero Montenegro.

L’alternarsi di mare e montagna crea un bellissimo contrasto, facendo in modo che le spiagge risultino completamente immerse nella natura. La loro bellezza è indiscutibile, tanto che le Bocche di Catarro - le insenature naturali che interessano parte della costa di Kotor - fanno parte dei luoghi patrimonio UNESCO.

Nella stessa zona si trova anche Teodo, conosciuta per essere la “Cittadina più assolata delle Bocche di Cattaro”. Il suo litorale offre ben 17 spiagge diverse, in cui perdersi tra le acque cristalline e la bellezza del panorama.

Ugualmente caratteristica è poi la città di Budua (o Budva), uno dei siti storici più importanti della costa adriatica. Le spiagge di Budua sono spesso molto affollate, soprattutto in estate, perché la località è conosciuta per la sua divertente vita notturna.

Leggi anche “Budva: mare cristallino e spiagge tra le più belle d’Europa”.

Al contrario di Budua, Antivari è una località decisamente più tranquilla. Si trova nella zona sud di Montenegro, e porta con sé una storia molto affascinante.

Le giornate in spiaggia possono alternarsi ai pomeriggi ad Antivari Vecchia, la parte storica della città che racconta il passato da porto marittimo.

Tra la Penisola di Lustica e le Alpi Dinariche, proprio ai piedi del Monte Orjen, si trova un’altra spettacolare località: Castelnuovo in Dalmazia.

Conosciuta per il suo aspetto moderno e per la possibilità di praticare sport acquatici - tra cui l’acquascooter - Castelnuovo è una località giovane e divertente, una destinazione piacevole anche per chi viaggia fuori stagione.

Gli amanti delle vacanze di lusso, che cercano un’esperienza fuori dal comune, sono destinati a raggiungere la località di Santo Stefano (Sveti Stefan).

Questo piccolo villaggio di pescatori è stato trasformato in una località esclusiva da Aman Resorts, che l’ha resa la propria punta di diamante.

Le spiagge più belle del Montenegro

I fondali di Montenegro sono conosciuti per essere particolarmente rocciosi, con l’acqua trasparente che facilita l’esplorazione.

La spiaggia di Sveti Stefan è sicuramente la più conosciuta, oltre che una delle più frequentate. La sua sabbia dorata e l’acqua dai riflessi verde smeraldo catturano l’attenzione generale, e invitano i turisti a fermarsi.

Sveti Stefan è una spiaggia lunga circa 800 metri, il doppio rispetto alla vicina Milocer, altrettanto famosa.

Entrambe le spiagge sembrano diventare minuscole se paragonate a Velika Plaža, la spiaggia più grande di Montenegro. Il suo litorale è lungo circa 12 km, e si trova al confine con l’Albania.

Leggi anche “Mare in Albania: le spiagge più belle dove prendere il sole

La Riviera di Budva è la zona perfetta per chi cerca una spiaggia movimentata, dove potersi divertire anche di sera. Qui si incontrano territori unici come la spiaggia di Buljarice e la siaggia di Drobni Pijesak, accessibile solo via mare.

Sempre a Budva, è consigliata una visita nella spiaggia principale, Slovenska, ricca di attrazioni e locali aperti fino a tardi.

A poca distanza da Budva, in direzione ovest, si incontra la lunga spiaggia di Jaz, caratterizzata dalla presenza di ciottoli levigati.

Jaz rientra tra le spiagge più lunghe di Montenegro, contornata da un campeggio che si estende lungo la maggior parte della sua superficie.

Gli amanti delle spiagge tranquille, che cercano di evitare i luoghi troppo affollati, potrebbero apprezzare la baia di Boka-Kotor e la spiaggia di Plavi Horizonti, entrambe immerse nella vegetazione.

La natura circonda e colora anche le Bocche di Cattaro, 28 km di insenature naturali circondate da spiagge e litorali particolarmente affascinanti.

Tags

Montenegro


← Viaggio nella Polinesia Francese: cosa vedere e quando andare

California in estate: clima, temperature e precipitazioni →