di Valentina Salis , 28.03.2017

L’Isola di Miyajima è un vero tesoro nascosto del Giappone, considerato un luogo sacro, dove gli uomini convivono con le divinità.
L’isola, dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, si trova poco distante da Hiroshima, raggiungibile con un semplice traghetto ed è il luogo ideale sia per una breve gita che per una vacanza più lunga.

Miyajima è un luogo magico, o sarebbe meglio dire sacro, dove le persone si dedicano alla preghiera e ad una vita semplice.

L’isola giapponese sta diventando negli anni una tappa fissa dei turisti in visita in Giappone, e in questa guida di viaggio vi presenteremo i principali luoghi da visitare.

Se volete visitare il Giappone, vi consigliamo di leggere “Guida del Giappone: tutto quello che devi sapere

Leggi anche"Destinazioni e attrazioni da vedere durante un tour del Giappone"

Santuario Itsukushima

Appena arrivati non potrete non notare emergere dall’acqua il suggestivo Torii rosso, la costruzione che vi accoglie al famoso Santuario Itsukushima. Si tratta del santuario più famoso dell’isola, che comprende anche una sala preghiera e un teatro. La visita di questo luogo è sempre molto emozionante.

Itsukushima-Miyajima-Giappone

Temoikko Daisho-in

Non potete non recarvi in visita al Temoikko Daisho-in, dove si trova un importante tempio buddista Shingon. Nell’area sono presenti diversi edifici, statue sacre e anche una sala da thé, praticamente tutto quello che serve per una piacevole escursione.

Miyajima in estate

L’estate è probabilmente il momento migliore per visitare Miyajima. In questo periodo infatti la natura è rigogliosa, i cervi vagano liberi per i boschi e potrete anche assistere al Water Fireworks festival. In estate (non solo) è assolutamente imperdibile una gita sul Monte Misen, da dove ammirare tutta l’isola e scattare foto memorabili.

Monte Misen

Il monte Misen è la vetta più alta di Miyajima, molto apprezzato dai turisti per l’incredibile vista panoramica. Potete raggiungere la vetta a piedi o prendendo la funivia, inoltre viaggiando verso la cima incontrerete anche diversi templi Buddisti.
Le foto dalla vetta faranno morire d’invidia i vostri amici su Facebook e Instagram.

Tutto quello che potete vedere a Miyajima

Nei primi paragrafi abbiamo presentato le attrazioni principali di Miyajima, di seguito riportiamo un elenco completo con tutte le attrazioni della città.

  • Senjokaku
  • Santuario Itsukushima
  • Monte Misen
  • Tempio Daisho-in
  • Museo di storia e del folklore di Miyajima
  • Acquario pubblico di Miyajima (Miyajima Suizokukan)
  • Momijidani Park

Senjokaku-Miyajima-Giappone

Pagoda all'interno del Santuario Senjokaku

Momijidani Park-Miyajima-Giappone

Momijidani Park

Principali feste e ricorrenze a Miyajima

Miyajima è una piccola comunità immersa nella natura, ma non mancano gli eventi le ricorrenze, gli spettacoli teatrali e le feste.

Di seguito riportiamo gli eventi più importanti

  • Water Fireworks festival (metà agosto)
  • Festival di Kangen (metà giugno)
  • Festa delle bambole, hina matsuri (fine marzo)

Perché andare a Miyajima

Potete visitare Miyajima per un paio di giorni o per due settimane, in entrambi i casi avrete la fortuna di soggiornare in una delle isole più belle del mondo, circondati dalla natura, da persone semplici e da un’atmosfera sacra. Relax, escursioni, natura e spiritualità, ecco perché andare a Miyajima.

Assicurazione viaggio per Miyajima

Le strutture sanitarie in Giappone possono avere dei costi molto elevati: sembrerebbe che anche le prestazioni di pronto soccorso siano a pagamento. Pertanto viaggiare in un Paese così lontano senza un’assicurazione viaggio può essere molto pericoloso. I rischi sanitari in Giappone possono essere di vario genere e i centri medici non prevedono alcuna forma di tutela da parte del Servizio Sanitario Nazionale. Lo stesso Ministero della Salute italiano mette in guardia il viaggiatore sulla necessità di stipulare una polizza di assicurazione viaggio prima della partenza.


← Quando andare a Phuket per trovare il clima migliore

Vacanze di Pasqua 2017: dove andare? All’estero o in Italia? →