di Maria Vittoria Ghini , 06.03.2017

Il mercato galleggiante di Bangkok non è solo una delle mete preferite dai turisti, ma una vera e propria esperienza che non potete assolutamente perdervi quando visiterete la Thailandia.

Prima però di andare a presentare una delle principali attrazioni del Sud Est Asiatico, bisogna fare delle precisazioni molto importanti.

La prima riguarda il mercato galleggiante di Bangkok, molto cercato dai turisti soprattutto su Google, anche se ignorano completamente che i famosi “floating market” non si trovano a Bangkok, bensì fuori città. Molto spesso infatti capita di incappare in guide turistiche di Bangkok che promettono di portarvi a visitare il mercato galleggiante, ma in realtà vi porteranno solamente presso qualche imbarcazione che vende souvenir.

Tra i principali mercati galleggianti vi segnaliamo subito Damnoen Saduak, Amphawa, Kwan Riam e Bang Khu Wiang.

Altra permessa importante riguarda quello che troverete (che tratteremo meglio più avanti). Non pensate infatti di comprare negli stessi mercati thailandesi di cent’anni fa, perché oramai i floating market sono delle vere e proprie attrazioni turistiche, dove generalmente troverete sempre le stesse cose e più o meno allo stesso prezzo. Nonostante questa premessa possa risultare sicuramente spoetizzante, resta comunque indiscusso nel tempo il fascino dei mercati galleggianti, che possiamo confermare essere una delle più belle e caratteristiche escursioni a cui partecipare in Thailandia.

Leggi anche “Bangkok cosa vedere”: la guida con tutte le attrazioni della città

Damnoen Saduak - Il mercato galleggiante più famoso

Damnoen Saduak è il mercato galleggiante più famoso, quello che qualsiasi turista in visita a Bangkok decide di andare a visitare, anche se si trova a più di 100 chilometri dalla capitale della Thailandia.

Damnoen Saduak è il classico floating market da attraversare in barca, ricco di bancarelle galleggianti e di banchi ricchi di spezie, frutta, carne, pesce, artigianato locale e souvenir. Anche se a prima vista può sembrare di vivere una tipica esperienza thailandese, in realtà state attraversando un mercato rivolto prevalentemente ai turisti, dove i prezzi sono più o meno gli stessi su ogni “barcarella”, dove i prodotti sono in genere sempre gli stessi e dove incontrerete tanti turisti come voi provenienti da ogni parte del mondo.

Se amate la calma e volete vedere Damnoen Saduak con gli occhi di un thailandese, dovete recarvi al mercato intorno alle 7.00 di mattina, ma tenete presente che ci vogliono circa 2 ore di viaggio da Bangkok e che probabilmente vi conviene alloggiare lì dalla sera prima (prenotate in anticipo).

Damnoen Saduak-Bangkok-Thailandia

Il mercato di Amphawa

Il mercato galleggiante di Amphawa si trova nella provincia di Samut Songkhram, a circa un’ora di macchina da Bangkok, ma vi diciamo subito che non si tratta di un vero mercato galleggiante. In questo mercato infatti sono pochi i banchi sulla barchette, perché i negozi sono tutti sulle rive del canale. Anche se si tratta di un mercato che potrete tranquillamente attraversare a piedi, è considerato da molti un posto “meno commerciale” rispetto a Damnoen Saduak, più frequentato dai thailandesi e con prezzi anche più bassi.

Il mercato di Amphawa è molto conosciuto anche per molti ristoranti presenti sulle rive del canale, molto buoni e vari.

Ricordatevi che il mercato di Amphawa lo potete visitare solo nel week-end e che inizia a prender vita intorno alle 13.00. Anche per visitare questo mercato consigliamo di alloggiare direttamente in zona.

mercato-di-Amphawa-Bangkok-Thailandia

Mercato galleggiante Kwan Riam

A circa 30km da Bangkok è possibile visitare il mercato galleggiante di Kwan Riam, più piccolo rispetto a Amphawa e Damnoen Saduak ma ne vale la pena. La disposizione dei negozi è simile a quella di Amphawa, infatti si attraversa a piedi anche se sono presenti sia barche che strutture galleggianti.

Anche questo mercato è frequentato da thailandesi e ha ottimi ristoranti.

Una volta che avrete visitato il mercato (o prima) consigliamo anche di visitare il Wat Bang Pen Tai, inoltre ricordiamo che i mercanti sono a Kwan Riam solo nel fine settimana ma tutto il giorno.

mercato Kwan Riam-Bangkok-Thailandia

Mercato galleggiante di Taling Chan

Il mercato galleggiante di Taling Chan si trova vicino a Bangkok, una posizione strategica che lo rende molto appetibile per i turisti. Si tratta di un mercato più 

piccolo che in genere rientra nel programma di una piacevole escursione lungo il fiume Chao Phraya e attraverso i villaggi che circondano le sue sponde.

Anche in questa zona è possibile alloggiare.

mercato galleggiante Taling Chan-Bangkok-Thailandia

Mercato galleggiante di Bang Khu Wiang

Il mercato galleggiante di Bang Khu Wiang si trova a circa 45 minuti dal porto di Tah Chang, a Bangkok e viene consigliato ai turisti che vogliono visitare un mercato meno caotico, in quanto non è sicuramente il più famoso.

Nonostante la sua atmosfera e i mercanti, la vera attrazione di questo mercato, è il passaggio dei monaci buddisti la mattina presto intorno alle 7 per ricevere le offerte degli abitanti. Questa sì che è una vera immersione nella cultura thailandese.

Assicurazione viaggio e sanitaria per Bangkok

Nonostante negli ultimi dieci anni la Thailandia sia diventata una meta occidentalizzata in quanto destinazione molto ambita dai turisti europei, l’esigenza di viaggiare protetti non è cambiata. Visitare un Paese lontano, diverso per cultura e tradizioni dalle nostre e dove vi è ancora un alto livello di povertà, nasconde i suoi rischi.

Una polizza di assicurazione viaggio oltre a garantire copertura sanitaria, offre anche copertura per bagaglio, tutela legale e annullamento.

Prima di affrontare un viaggio in una delle regioni del Sud Est Asiatico, è opportuno verificare cosa offre e quali possano essere le possibili esclusioni di una polizza viaggio.

In particolare, per ulteriori informazioni sui rischi sanitari in Thailandia, leggi anche Serve un'assicurazione sanitaria per viaggiare in Thailandia?


← Myanmar: quando andare nell'ex Birmania

Vacanze per giovani? Ecco le 4 migliori idee per l’estate 2017 →