di Elettra Selvatico , 16.10.2018

Halloween è una delle più classiche feste americane, sicuramente una delle più esportate e apprezzate anche all’estero. Sono molti anni oramai che anche nelle nostre città i bambini si mascherano il 31 ottobre e i locali organizzano centinaia di feste a tema, ma non è qui il vero Halloween.

Se veramente volete respirare l’atmosfera di Halloween, dovete andare negli Stati Uniti per la vigilia di Ognissanti, è lì infatti che potrete assistere a parate ed eventi veramente in grande stile, paragonabili al nostro Carnevale.

In questa guida di viaggio abbiamo deciso di inserire alcune tra le più interessanti località americane dove trascorrere Halloween, anche con tutta la famiglia.

L’origine di Halloween

La festa di Halloween non è nata negli Stati Uniti, ma in Europa, più precisamente in Irlanda, ad opera dei Celti. Anticamente la festa si chiamava “Samhain”, una parola d’origine irlandese che significa “La fine dell’estate”, “Summer Ends” appunto. Le celebrazioni avvenivano il 31 ottobre, coincidendo con la fine del raccolto e l’inizio del “Nuovo anno”, Samhain infatti era considerato una sorta di Capodanno.

Con il Cristianesimo la festa fu conservata ma ebbe connotazioni diverse, più in linea con le attuali ricorrenze previste per il 1° e il 2° giorno di Novembre.

Per assistere alla nascita di Halloween però, si dovette attendere il 1800, quando a seguito di una grave carestia, molti irlandesi si trasferirono negli Stati Uniti, esportando anche la trazione del Samhain.

Arrivati negli Stati Uniti, la tradizione irlandese si arricchì di nuovi elementi, e assunse il nome di Halloween, nome che deriva da “Hallow”, che significa “Santo”, e da “Eve” (een) che significa “Vigilia”: la vigilia di Ognissanti.

L’origine della “Zucca di Halloween”

La zucca è il simbolo di Halloween, così come il colore arancione, ma la sua scelta avvenne quasi per caso. Nell’originale leggenda di Halloween, quella che vede protagonista Jack o’ Lantern, era infatti la rapa ad accompagnarlo nel suo viaggio, ma una volta giunti in America, gli irlandesi optarono per la zucca.

Per saperne di più sulla festa di Halloween, l’origine della zucca e la storia di Jack o’ Lantern, vi rimandiamo al nostro articolo “Halloween: cosa si festeggia la vigilia di Ognissanti”.

Halloween a New York: la Village Parade

A detta di molte guide di viaggio, per assistere ai migliori festeggiamenti per Halloween, il 31 ottobre dovete essere a New York e, più precisamente, al Greenwich Village.

In questo quartiere infatti si celebra la “Village Parade”, un’incredibile parata che coinvolge migliaia di persone in maschera.
La festa è veramente incredibile e multiculturale, ogni comunità infatti prepara un vero e proprio show accompagnato sempre dalla musica.

Per saperne di più su questo imperdibile evento, vi rimandiamo al nostro articolo “Halloween a New York: la Village Parade”.

Salem’s Grand Parade

“Salem”, solo a nominare la piccola cittadina del Massachusetts si prova subito un brivido lungo la schiena. Qui, dove sono nate alcune tra le leggende più spaventose, Halloween è una vera e propria istituzione, anche se tutt’altro che spaventosa.

La tradizionale “Grand Parade” è un evento soprattutto per famiglie, ma che coinvolge oltre 200.000 persone. Qui troverete veramente di tutto, dai calavera ad Harry Poter, dagli Avengers a It, in un’atmosfera molto simile ad un carnevale o a una fiera del fumetto.

Halloween Carnaval di West Hollywood

West Hollywood è uno dei più famosi quartieri di Los Angels, particolarmente apprezzato da attori e persone che lavorano nel mondo dello spettacolo. Per la vigilia di Ognissanti potrete assistere alla “Halloween Carnaval”, una sorta di Halloween in stile hollywoodiano, dove si balla in maschera e ci si diverte. Si tratta sicuramente di una festa adatta ai giovani, abbastanza caotica ma allo stesso tempo, piacevolmente goliardica.

New Orleans Halloween

Halloween a New Orleans è una festa seconda solo al Mardi Gras. La città infatti vanta miti e leggende in grado di tener testa ai più famosi film dell’orrore. New Orleans, anche ad Halloween non si lascia sfuggire l’occasione di sfoggiare tutta la sua teatralità, in particolare nell’area di Bourbon street, che per l’occasione viene interamente addobbata a tema, con mostri, ragnatele e maschere su finestre e balconi. Anche in questa occasione ovviamente non poteva mancare la classica parata al ritmo di “when the saint go marching in”.

Día de Muertos (in Messico e non solo)

Vi diciamo subito che il Día de Muertos non è Halloween e che si festeggia dal 31 ottobre al 2 novembre, prevalentemente in Messico. Si tratta comunque di una festa per celebrare i defunti, anche se ha tradizioni profondamente diverse da Halloween e anche un proprio simbolismo.

Ve la segnaliamo perché se in questi giorni vi trovate in America, soprattutto in California, potreste incontrare i membri della comunità messicana intenti a festeggiarla. Se invece volete vedere le celebrazioni originali, potete recarvi direttamente a Città del Messico, sempre però dopo aver consultato il sito della Farnesina “Viaggiare Sicuri”.

Per saperne di più sull’evento, vi invitiamo a leggere il nostro articolo “Cos’è il Día de Muertos, la festa messicana per i defunti”.

Assicurazione Viaggio e Sanitaria per gli Stati Uniti

Un’assicurazione sanitaria per i viaggi negli USA può essere molto utile, visto che i costi della sanità americana possono essere molto gli elevati. Il tipo di Stato Americano e la data del viaggio influenzano i prezzi della polizza, quindi ti consigliamo di verificare i livelli di copertura offerti dalle diverse tipologie di polizze viaggio.

Tags

Halloween


← Capodanno 2019 in Europa: 10 mete top

Upper Manhattan (Uptown): guida di viaggio →