di Giovanna Lucchi , 24.01.2020

Per chi ama il mare e tutte le sue creature, l'Australia con la sua Grande Barriera Corallina è una meta a dir poco perfetta. La Great Reef infatti è la formazione naturale più grande del mondo. Le sue acque ospitano inoltre una grande varietà di creature sottomarine, dal piccolissimo cavalluccio marino alla specie di tartarughe più grandi del mondo.

Se nei vostri progetti c'è quello di visitare la Grande barriera corallina, questa guida vi permetterà di avere qualche informazione in più prima di partire per questo “Viaggio Avventura”.

Di seguito troverete qualche informazione sulla formazione della Grande barriera corallina e potrete scoprire quali specie di animali la abitano e che cosa potete fare una volta arrivati sul posto.

Leggi anche “Che cos’è una barriera corallina: la guida di viaggio

Dove si trova

La Grande barriera corallina australiana si trova al largo delle coste del Queensland, a nord-est del paese. Immersa nel Mare dei Coralli, che fa parte dell'Oceano Pacifico, è delimitata a nord dalla Papua Nuova Guinea e dalle Isole Salomone e a Sud dal mare di Tasman.

Quanto è lunga la Barriera corallina

La Grande barriera corallina australiana si estende per ben 2300 km e ha una superficie che sfiora i 345 mila km quadrati. Composta da 900 isole e 2900 barriere coralline, è la formazione naturale più grande al mondo, tanto che la si vede perfino dallo spazio.

Come si è formata la Grande barriera corallina

La Grande barriera corallina è formata da strutture rocciose sottomarine che, nel tempo, sono cresciute grazie al deposito degli scheletri calcarei dei coralli. Gli organismi base che danno origine a tutte le barriere coralline però sono i polipi Antozoi, la cui struttura scheletrica calcarea è una sorta di protezione che impedisce loro di non farsi trascinare dalle correnti e restare ben saldi alle rocce.

Durante il suo ciclo vitale il polipo, per natura asessuato, si riproduce generando altri polpi. Quando questi muoiono, altri polipi si stabiliscono sullo scheletro di quello precedente e così via, formando strati e strati di formazioni calcaree, ovvero i coralli e poi le barriere coralline.

Il cambiamento climatico

Le notizie sul cambiamento climatico che hanno prodotto lo sbiancamento della barriera corallina sono il frutto di uno studio pubblicato sulla rivista “Nature” nel 2017. Gli studiosi hanno rilevato che la perdita del colore dei coralli è stato causato dall'innalzamento della temperatura dell'acqua del mare di ben 4 gradi, fenomeno che ha provocato la morte di 1/5 dei coralli della barriera corallina, con un picco di 2/3 nella parte nord.

Le previsioni degli studiosi, se non si riuscirà ad arrestare il fenomeno del surriscaldamento terrestre, non sono assolutamente positive. Nel giro di pochi anni infatti, la barriera corallina australiana potrebbe scomparire.

Quali animali che vivono nell’area della Grande Barriera corallina

L'area della Grande barriera corallina ospita una grande varietà di animali: dai coloratissimi e simpatici pesci pagliaccio, pappagallo e chirurgo, al minaccioso pesce scorpione, o al delizioso cavalluccio marino. Che dire poi delle le mante giganti, che sembrano letteralmente danzare in acqua o delle murene, gelosissime delle loro tane.

Nelle acque della barriera corallina vivono anche una grande varietà di squali: i pinna nera e i pinna bianca del reef, i pinna nera e i pinna bianca oceanici, gli squali martello e i nutrice. Tra le rocce si muovono rapidi poi i gamberi pulitori rosso fuoco e quelli giallo-rossi.

Uno degli incontri più emozionanti che si possono fare nelle acque della barriera è quello con le tartarughe marine: qui si trova la più grande la varietà al mondo.

Cosa fare: attività ed escursioni

La Grande barriera corallina australiana e le zone limitrofe offrono ai turisti moltissime attività ed escursioni, tutte emozionante e uniche.
A bordo di un catamarano, in partenza da Cairns, uno dei migliori punti di accesso alla barriera, è possibile fare immersioni e snorkeling per ammirare in tutto il suo splendore la Great reef.

L'isola Michaelmans Cay vi offre anche l'opportunità di fare Birdwatching e ammirare qualcuna delle 23 specie di uccelli che vivono in questo pezzo di paradiso.

Un'esperienza perfetta per le coppie, invece, è il sorvolo in idrovolante dell'Heart reef, una formazione corallina protetta a forma di cuore, in cui non è possibile immergersi.

Chi ama invece tuffarsi e scoprire i fondali può dirigersi ad Agincourt Reef dove sono presenti ben 16 siti per le immersioni.

Lasciando da parte per un attimo acqua, pesci e coralli, che ne dite di trascorrere una giornata in mezzo ai koala? Se l'idea vi stuzzica allora dirigetevi a Magnetic Island, vicino alla costa di Townsville, vivrete un'esperienza indimenticabile.

Assicurazione Sanitaria per l’Australia

Tra l’Italia e l’Australia esiste un accordo in ambito sanitario che si chiama “Medicare”, che offre ai turisti italiani l’assistenza medica, come un cittadino australiano per un periodo massimo di 180 giorni. Seppur le prestazioni mediche d’urgenza, attraverso l’uso di Medicare, vengono prestate gratuitamente o a prezzi contenuti, non è prevista alcuna garanzia per possibili disagi dovuti ad emergenze mediche come ad esempio il rimpatrio a seguito di un infortunio.

Per tale motivo, stipulare un’assicurazione sanitaria per l’Australia, prima della partenza, ti aiuta affrontare eventuali incovenienti.

Se desideri avere maggiori informazioni sulle nostre polizze viaggio Columbus, visita la pagina dedicata o contatta il nostro Servizio Clienti al numero 800 986 782.

 

Tags

Australia


← 5 mete al caldo dove andare in vacanza al mare a marzo

Mete estive economiche ideali per i più giovani →