di Maria Vittoria Ghini , 12.04.2018

Luglio è uno dei mesi preferiti dagli italiani per andare in vacanza, sia per clima che per i costi leggermente più contenuti rispetto ad agosto e, soprattutto, Ferragosto.

In questo periodo la scelta è veramente ampia, a partire dall’Italia dove il clima è bello praticamente ovunque. Per chi vuole spostarsi poco può restare in Europa, dirigendosi verso il mediterraneo se cerca il mare, o verso il centro nord se preferisce il turismo in città. Luglio è il mese ideale per località prevalentemente balneari come Grecia, Malta, Croazia, Canarie, ma anche per visitare città come Berlino, Amsterdam o le località Scandinave.

Per chi ha più giorni a disposizione, e non ha paura dell’aereo, può decidere di andare verso ovest, dove ad attenderlo c’è l’America alle prese con i festeggiamenti per il 4 luglio. Oppure potete dirigervi verso il sud est asiatico, dove anche se il tempo non è dei migliori, ci sono località che risentono di meno dei monsoni.

Le destinazioni dove recarsi in vacanza a luglio sono veramente tante, e noi proveremo ad indicarvi alcune tra le migliori per questo 2018.

Thailandia: il clima non è poi così male

La prima meta che vi consigliamo è la Thailandia, una delle destinazioni più belle e popolari del mondo. Luglio è uno dei periodi migliori per visitarla perché anche se siamo in “Alta stagione”, i prezzi sono più contenuti rispetto al nostro inverno, considerato invece “Altissima stagione”. Luglio è un mese caldo, umido e piovoso in Thailandia, ma nonostante le premesse può essere meglio di così. Per prima cosa bisogna sapere dove andare, per esempio Krabi a luglio la si può visitare in quanto è abbastanza protetta dai monsoni, mentre Koh Samui, Koh Phangan e Isole Phi Phi presentano condizioni climatiche che variano di anno in anno, ma in generale non piove tutti i giorni e, con un po’ di fortuna, si possono incontrare diverse giornate assolate.

Infine, non potete lasciare la Thailandia senza prima aver visitato Bangkok (Leggi anche “14 cose da sapere prima di visitare Bangkok”), con i suoi templi e i suoi mercatini. Nella capitale il caldo può essere ancora più insopportabile, quindi informatevi bene prima di partire.

USA: Independence Day Tour

Se volete andare in vacanza negli Stati Uniti a luglio, fatelo durante i primi giorni del mese, così da non perdervi i festeggiamenti per il 4 luglio. Le località da visitare in America sono veramente molte ma per questo “Independence Day Tour” vi suggeriamo 2 itinerari: Philadelphia, New York, Washington, Los Angeles e San Francisco.

Il primo tour è sicuramente più “Istituzionale”, a partire dalla “Liberty Bell” per poi raggiungere U.S. Capitol, passando ovviamente tra le scintillanti luci di Times Square. Il secondo tour invece è sicuramente più “Easy”, rivolto soprattutto a chi vuole rilassarsi e a chi non sà rinunciare al mare.

Europa: vicina e con il clima migliore

Trascorrere le vacanze di luglio in Europa è la scelta migliore per chi ha meno giorni per le vacanze o per chi vuole risparmiare. Al giorno d’oggi bisogna dire che probabilmente costa di meno un mese in Vietnam che un mese in Puglia o in Calabria, ma per i brevi periodi, ci sono bellissime località come Malta o l’Albania, che sono vicine ed hanno un mare stupendo.

L’Italia a luglio resta sempre una scelta perfetta, grazie alle nostre lunghissime coste e alle tante spiagge con bandiera blu, ma se amate visitare terre straniere, benedette da un mare stupendo, sappiate che in questo periodo Creta, Fuerteventura e la Corsica offrono spiagge veramente invidiabili.

Se il mare vi ha stancato, per il 2018 vi consigliamo una meta alternativa e sicuramente più fresca: la Norvegia.

Sud Est Asiatico: non solo Thailandia

Come abbiamo già accennato, a luglio gran parte del Sud-Est Asiatico è vittima dei monsoni, come sempre fa molto caldo ma pioggia e umidità sono più intense del solito.

Tutto questo però non ferma ogni anno migliaia di italiani che decidono di recarsi in vacanza nelle bellissime località che offre questa terra, come per esempio Bali, che ha un clima piacevole praticamente tutto l’anno, anche a luglio. Un’altra meta interessante per una vacanza a luglio è sicuramente Singapore, una grande città incastonata nelle antiche culture orientali.

Anche nel 2018, tra le mete migliori da visitare a luglio nel Sud-Est Asiatico non potevano mancare l’Indonesia e la Thailandia, ricche di isole e di spiagge meravigliose.

Il Sud-Est Asiatico è consigliato a chi può trascorrere in vacanza almeno 15 giorni, inoltre vi consigliamo di non fermarvi mai troppo tempo in una singola località, ma di esplorare almeno quelle limitrofe.

Africa: tra mare e safari

Luglio può essere un ottimo mese anche per visitare alcune località dell’Africa, ma anche in questo caso, vi consigliamo di dedicare ad una vacanza del genere almeno 15 giorni.

Se vi piace l’avventura, sicuramente il Safari è proprio quello che fa per voi, perché allora non trascorrere luglio 2018 in Tanzania o in Kenya? L’Africa però non offre solo safari, ma anche coste bellissime se sapete dove cercare.

Se quindi desiderate rilassarvi in spiaggia, prendere il sole e lasciarvi cullare dalle onde, allora dovete prendere seriamente in considerazione le Isole Mauritius, le Seychelles, e Capo Verde.

Ad ogni modo, se cercate avventura e relax, la Tanzania o il Kenya vi sapranno sorprendere con spiagge veramente degne di nota.

Mare a luglio: le destinazioni migliori

Se invece per voi luglio significa solo “Mare”, di seguito vi indicheremo le destinazioni ideali per rendere indimenticabile questa estate 2018.

Se non volete andare troppo lontano, due destinazioni fantastiche sono le Canarie e le Azzorre. Qui la natura rigogliosa sposa le necessità dei turisti, creando alcune tra le località più desiderate in questo periodo dell’anno.

Se avete modo di viaggiare, quest’anno potrete valutare di andare in luoghi come le Isole Fiji e la Polinesia Francese, dei piccoli paradisi dove trascorrere le vostre vacanze nel massimo relax. Un’altra località molto piacevole, ma meno comoda invece è il Madagascar, sicuramente adatto ai più avventurosi.


← 15 giorni in Cina: ecco un itinerario consigliato

“Festival Toshogu di Nikko”: la processione dei 1000 samurai →