di Caterina Sartori , 08.10.2018


Il Sud Est Asiatico è una meta molto richiesta dai turisti italiani, sia in inverno che in estate. La meta infatti presenta destinazioni veramente affascinanti, in grado di attirare giovani backpacker, novelli sposi in viaggio di nozze e anche famiglie con bambini.

La scelta è veramente ampia e varia, dalle grandi città come Bangkok, Kuala Lumpur e Singapore, alle splendide isole come Bali, Koh Samui, Boracay e Lombok. Per non parlare poi di luoghi come la Baia di Ha Long, L’antica città di Luang Prabang o il Grande Palazzo Reale di Bangkok.

Di cose da vedere nel Sud Est Asiatico ce ne sono veramente molte, ma se volete come organizzare il vostro viaggio in questa suggestiva parte di mondo, vi consigliamo di leggere questa guida.

Leggere una guida di viaggio sul Sud Est Asiatico

La prima cosa da fare per organizzare una vacanza nel Sud Est Asiatico è leggere una buona guida di viaggio con le informazioni principali sul clima, sulle località più importanti, selle attrazioni da vedere e così via.

Oltre a questo articolo, vi consigliamo di leggere anche una guida che abbiamo realizzato precedentemente “Sud Est Asiatico: la guida con tutte le informazioni principali”.

Quando partire per il sud est asiatico

Il Sud Est Asiatico comprende un territorio molto ampio, con situazioni climatiche profondamente diverse anche nella stessa regione. Il modo migliore per conoscere la situazione climatica è studiarla paese per paese, anche se ci sono sicuramente dei punti fermi.

Il clima del Sud Est Asiatico

In linea di massima, nel Sud Est Asiatico troverete un clima tropicale o sub-tropicale, che prevede complessivamente due stagioni: la stagione delle piogge e la stagione secca. Questa condizione generale può variare grazie alla presenza di stagioni intermedie, spesso più brevi.

Dal punto di vista climatico, il pericolo maggiore è causato dalla presenza dei Monsoni, che a volte possono causare dei veri e propri nubifragi. Prima di partire, dovete assicurarvi che il vostro itinerario eviti le aeree che ne sono colpite.

Sempre in generale, nel Sud Est Asiatico piove parecchio, quasi sempre e quasi ovunque, solo che, nella stagione secca, piove di meno e le precipitazioni non sono intense.
 Ci sono delle aree del paese che vantano condizioni climatiche molto favorevoli, come nel caso di Bali, il cui clima la rende visitabile quasi tutto l’anno.

Leggi anche “Quando andare a Bali per trovare il clima migliore

Il periodo migliore per visitare il Sud Est Asiatico

In linea di massima, il periodo migliore per visitare il Sud Est Asiatico è durante il nostro inverno, tra dicembre e marzo. Nella maggior parte dei paesi della regione infatti il clima è più secco, piove di meno e le temperature sono miti pur restando alte.

Ovviamente l’inverno è anche considerato “Alta stagione” e i prezzi, per una vacanza, sono sensibilmente più alti.

Quali paesi visitare: i migliori itinerari

I paese compresi nell’area del Sud Est Asiatico sono la Thailandia, il Vietnam, Singapore, la Cambogia, il Laos, le Filippine, la Malesia, il Laos, l’Indonesia, il Brunei e il Myanmar.

Per visitarli tutti in un unico viaggio serve almeno un mese, ma non vi resterà altro che una visione superficiale dei luoghi più importanti. Il modo migliore per conoscere questa parte di mondo è dedicare almeno 15 giorni a paese, soprattutto se volete visitare Thailandia, Vietnam, Cambogia o le Filippine.

I tour migliori, soprattutto per chi visita il sud est asiatico per la prima volta, prevedono la Thailandia e Singapore. In alcuni casi vengono aggiunte destinazioni del Vietnam, della Cambogia o delle Filippine a seconda dei tempi e del budget.

Molto interessanti sono “I tour delle isole”, che prevedono paesi come Malesia, Indonesia e Filippine. Altri 2 paesi che vengono qui sempre visitati insieme sono il Myanmar e il Laos, quest’ultimo ben collegato sia con la Thailandia che con il Vietnam.

Leggi anche “Turismo in Myanmar (ex Birmania): 10 cose da sapere prima di partire”.

Bisogna anche segnalare che sono molti i turisti che una volta arrivati nel Sud Est Asiatico, decidono di recarsi anche nella vicina Australia.

Prenotare il volo

Prenotare il volo uno degli aspetti più importanti per organizzare un viaggio nel Sud Est Asiatico. Come sempre infatti, vi consigliamo di muovervi con largo anticipo, soprattutto se volete risparmiare e se volete partire durante l’alta stagione. Cercate di evitare scali negli aeroporti più piccoli e provate ad atterrare solo nelle grandi città. Questo perché le località più grandi sono anche quelle più moderne e meglio organizzate, ma ovviamente, per raggiungere le isole, dovrete ricorrere a voli interni o a imbarcazioni.

Leggi anche “Voli Low Cost e Last Minute: come risparmiare sul biglietto aereo”.

Quanto costa una vacanza nel Sud Est Asiatico

Quello che costa di più di un vacanza nel sud est asiatico è il volo, anche se i prezzi sono sicuramente accessibili. Prenotando circa 6 mesi prima infatti, si può raggiungere Bangkok, andata e ritorno, spendendo circa 1000 euro a coppia, anche a dicembre.

Se soggiornate 15 giorni, arrivare a spendere 100 euro al giorno non è sicuramente facile, visto che potete mangiare con pochi euro e dormire anche con una decina a coppia. Se decidete di dormire in hotel di lusso e di mangiare in ristoranti più sofisticati, sicuramente potreste arrivare a spendere dire di più, ma per raggiungere i 100 euro al giorno, ci vuole sicuramente anche una buona dose di shopping.

In generale, come avrete immaginato, se vi sapete accontentare, 15 giorni nel Sud Est Asiatico vi possono costare intorno ai 2000 euro, ma se volete togliervi qualche sfizio, dovete preventivare circa 3000 euro a coppia.

Dove dormire

La parola d’ordine nel Sud Est Asiatico deve essere “Sicurezza”, soprattutto se alloggiate in grandi città. Cercate sempre di preferire catene conosciute, hotel recensiti e in posizioni centrali. Se alloggerete invece sulle isole, sicuramente dormirete in piccoli bungalow sulla spiaggia.

Nel Sud Est Asiatico le strutture di lusso sono molto accessibili, così come ci sono molte strutture low cost. Il nostro consiglio, sia per dormire che per mangiare, è sempre di non compromettere la propria sicurezza mentre si rincorre il prezzo più basso.

Assicurazione Medica

Per una vacanza nel sud est asiatico l’assicurazione medica è fondamentale, sia per la scarsa presenza di strutture sanitarie nelle zone già isolate, che per i limiti che la lingua locale impone. In caso di incidente infatti, potrebbe essere molto difficile contattare le augraztorità locali e farsi comprendere, per questo sono molti i turisti che prima di partire decidono di stipulare una polizza con copertura sanitaria.

Cosa portare in valigia

La valigia è una componente fondamentale del vostro viaggio e va organizzata a dovere. Per prima cosa vi consigliamo di portare adattatori e batterie, oltre a tutto quello che pensate di non poter trovare in oriente. L’abbigliamento deve essere leggero, ma le donne non devono dimenticare foulard e parei per coprirsi nel caso in cui si vogliano visitare templi o santuari.

Quanti soldi portare e in che valuta

Per organizzare al meglio il vostro viaggio, dovete tener presente che non troverete ovunque un bancomat dove prelevare, pertanto dovete avere con voi anche del denaro cash. A seconda di quanto dura la vostra vacanza e di quante località dovete visitare, considerate di portare con voi tra i 500 e i 1000 dollari, cercate inoltre di avere anche del denaro nella valuta locale.

Come restare collegati ad internet

Se alloggerete in città e negli hotel, avrete sempre a disposizione la rete wi-fi, ma per utilizzare internet anche in viaggio, vi conviene acquistare una scheda telefonica (sim) locale per il vostro smartphone.

Assicurazione viaggio per il Sud Est Asiatico

L'Asia è una destinazione meravigliosa, soprattutto per coloro che sono alla ricerca dell'avventura e di essere a contatto con una cultura molto diversa da quella italiana. Dall'altro lato però, scegliere una meta così distante può comportare molti più rischi, ad esempio la perdita di un bagagio durante gli spostamenti o una malessere dovuto all'assaggio di un cibo esotico.

Uno dei rischi principali però, è sempre legato all'assistenza sanitaria, in termini che in alcuni paesi può risultare difficile a livello di comunicazione e strutture sanitarie. Ti consigliamo quindi di controllare come Columbus potrebbe aiutarti in queste situazioni, controllando le nostre polizze assicurative.


← Capodanno per bambini: idee di viaggio e non solo

Cosa vedere e cosa fare a Lower Manhattan →