di Valentina Salis , 02.03.2018

Il Beltane Fire Festival è la “Festa del fuoco” di Edimburgo, organizzata ogni anno a fine aprile e che coinvolge sempre migliaia di turisti, non solo dalla Scozia.

Si tratta di una manifestazione che ha origini molto antiche, risalenti al tempo dei Druidi ma che all’inizio degli anni ‘90 è stata riportata in auge.

Oggi è una manifestazione veramente unica nel suo genere, dove il fuoco accompagna ogni suo attimo, che anche se nata con lo scopo di preservare le antiche tradizioni, si è fusa sempre di più con usi e costumi moderni.

Ci sono persone che persone che partecipano al Beltane Fire Festival per ragioni storiche, altri solo per assistere agli spettacoli e ballare tutta la notte. Scegliete voi perché visitarla, ma se potete, non perdete questo evento.

Quando si celebra il Beltane Fire Festival

Il Beltane Fire Festival si festeggia ogni anno il 30 aprile, con un grande evento che va avanti fino a tarda notte. Anticamente si festeggiava il primo giorno di maggio, non per niente “Bealtaine” significa proprio “Maggio”.

Cosa si festeggia

Durante il Beltane Fire Festival si festeggia principalmente l’arrivo della primavera, che ovviamente, in un paese come la scozia, arriva dopo il 21 marzo.

La festa deriva da un antico rito gaelico, durante il quale i druidi accendevano questi fuochi come segno di buon auspicio. Anticamente il pensiero principale era avere un buon raccolto e che il bestiamo fosse in salute, oggi invece, si tratta prevalentemente di una festa “Artistica”, che continua comunque a preservare e celebrare le antiche tradizioni.

Le origini

Le prime tracce storiche del Beltane Fire Festival risalgono al X secolo, al tempo dei Druidi. Il festival infatti riprende un’antica tradizione gaelica che celebrava il fuoco come segno di buon auspicio.

Tale tradizione si svolgeva i primi di maggio, a cavallo dei 2 equinozi.

I druidi credevano, con questo rituale, di proteggere e purificare il bestiame.

Il 30 aprile

Il 30 aprile l’appuntamento è a Calton Hill, il “Belvedere” di Edimburgo. Le celebrazioni legate al festival vedono qui il loro epicentro. L’organizzazione della manifestazione è affidata alla Beltane Fire Society, che porta avanti l’iniziativa iniziata nel 1988 dal collettivo Test Dept.

La tradizione gaelica infatti si era persa nel tempo, ma alla fine degli anni ‘80 è tornata in voga, e quella che prima era una piccola manifestazione locale, oggi è diventata una delle più belle feste del mondo, in grado di attirare più di quasi 20.000 persone.

Il protagonista dell’evento è il fuoco, ingrediente imprescindibile delle danze, degli spettacoli teatrali e dei concerti. il moderno Beltane Fire Festival continua a rendere omaggio all’antica tradizione, ma ovviamente è impossibile non notare gli innesti di elementi molto più contemporanei.

Leggi anche:"Festival di Edimburgo: date e principali eventi"

National Monument

La zona di Calton Hill è disseminata di opere ed edifici ispirati alla tradizione greca. Uno degli edifici che vi consigliamo di visitare durante la manifestazione è sicuramente il National Monument, dove i giochi di fuoco acquistano un fascino veramente imperdibile.

Costruito nell’800, il National Monument è ispirato al Partenone di Atene, richiamandone forma e struttura, anche se fu progettato per onorare la memoria dei soldati scozzesi che hanno perso la vita durante le guerre napoleoniche.

Leggi anche “Edimburgo: 10 cose da vedere assolutamente imperdibili

Assicurazione Viaggio per il Beltane Fire Festival

Per viaggi in Europa e in Italia si tende a guardare unicamente alla copertura per annullamento, mentre un’altra copertura su cui vale la pena soffermarsi è quella sanitaria. In Europa, alcune prestazioni mediche possono rivelarsi a pagamento e in caso di necessità di rimpatrio una polizza assicurativa che preveda assistenza medica sarebbe in grado di coprirne i costi. 

Il nostro articolo 5 motivi per cui conviene fare un’assicurazione viaggio raccoglie le domande più comuni poste da chi normalmente ha intenzione di acquistare una polizza viaggio.


← Safari in Africa: le migliori destinazioni per la vostra avventura

Tutte le isole più belle del mondo →