authori

Quando andare in Tanzania: clima, temperature e stagioni

Le divisioni stagionali della Tanzania possono essere definite anche in base alle grandi migrazioni: abbiamo quindi una migrazione invernale (da gennaio a marzo), che precede di poco l’arrivo delle piogge e una migrazione estiva (da luglio ad ottobre). Queste due grandi migrazioni scandiscono sia il turismo che lo scorrere del tempo, in una abbiamo un clima prevalentemente piovoso, mentre dall’altra il clima è più secco. Durante la stagione delle piogge si potrà ammirare la natura rigogliosa e florida, mentre durante la siccità, il panorama si colorerà di quell giallo-arancio tipico della savana. L’assetto stagionale cambia in maniera abbastanza drastica a seconda della località scelta per la villeggiatura: per esempio a nord-ovest le due stagioni delle piogge sono fuse in una sola (la stessa situazione si presenta con media frequenza anche a nord-est, nella zona del Kilimangiaro). Il clima dell’arcipelago di Zanzibar viene trattato in una guida dedicata, essendo questo leggermente diverso da quello della Tanzania continentale. Se avete deciso di partire per la Tanzania, non dimenticate la nostra guida di viaggio, scaricatela sul vostro smartphone e portatela sempre con voi

Quando trovare il clima migliore

Il momento migliore per visitare la Tanzania, dal punto di vista turistico, è in corrispondenza delle grandi migrazioni degli animali, nei periodi da gennaio a marzo e da luglio a ottobre. Nonostante una delle migrazioni avvenga durante il periodo delle piogge, il turismo non accenna a calare, complice lo spettacolo naturale. Il periodo migliore dal punto di vista meteorologico è, invece, compreso tra i mesi di luglio e agosto, che vedono una temperatura più bassa, un’umidità meno elevata e una piovosità spiccatamente monore.

Quando costa di meno

Il periodo meno costoso va da novembre a marzo, quando piove di più e le temperature sono un po’ più alte, questo rende il clima molto appiccicoso, fastidioso e faticoso da sopportare. Questa è la stagione meno costosa, ma, per vostra fortuna, tra gennaio e marzo potrete godere della fantastica migrazione invernale, spettacolo tanto imponente quanto affascinante. Ovviamente su Zanzibar la situazione è un po’ diversa, perché nel mese di dicembre si festeggiano Natale e Capodanno, causando uni’inevitabile un’impennata dei prezzi

Quando NON andare

Non c'è un in verità periodo in cui si debba o non si possa andare in vacanza in Tanzania. Il clima non prevede fenomeni atmosferici pericolosi come i cicloni, anche se le piogge possono diventare fastidiose, soprattutto per la balneazione.

Temperature medie

  • Gennaio:
    24°C / 32°C°
  • Febbraio:
    23°C / 32°C
  • Marzo:
    23°C / 32°C
  • Aprile:
    22°C / 31°C
  • Maggio:
    21°C / 20°C
  • Giugno:
    21°C / 20°C
  • Luglio:
    18°C / 29°C
  • Agosto:
    18°C / 29°C
  • Settembre:
    18°C / 30°C
  • Ottobre:
    21°C / 31°C
  • Novembre:
    20°C / 31°C
  • Dicembre:
    23°C / 32°C

Le Stagioni

Le stagioni possono essere definite anche in base alle migrazioni, sono infatti gli spostamenti degli animali che segnano il cambio climatico. La migrazione estiva, tra luglio e ottobre, apre la stagione delle brevi piogge, mentre quella invernale, tra gennaio e marzo annuncia la lunga stagione secca; le stagioni secche sono due l’anno, così come le piovose, e sono distinte in una lunga e una breve. Indipendentemente dalla stagione, le piogge in genere si presentano sempre nel pomeriggio.

Migrazione invernale

Avviene tra gennaio e marzo, nell’ultimo periodo della lunga stagione delle piogge. Questa migrazione annuncia la fine delle piogge e l’arrivo della stagione secca, per questo gli animali tornano in Tanzania, dove la vegetazione è folta e rigogliosa per l’acqua ricevuta durante la loro assenza. Le temperature sono sempre abbastanza alte nella maggior parte dei luoghi turistici, ma la notte può fare fresco, quindi è consigliabile portare dei cambi pesanti. Sul Kilimangiaro, in questo periodo, fa abbastanza fresco, quindi procuratevi dei vestiti più caldi.

Migrazione estiva

La migrazione che avviene tra luglio e ottobre annuncia il ritorno delle piogge, questa volta quelle brevi. Enormi mandrie di animali si spostano verso il Kenya, visto che ormai la vegetazione tanzaniana è provata dal caldo e dal pascolo praticato.

Stagione secca

I mesi di aprile, settembre e ottobre sono considerati una stagione di passaggio. In aprile la pioggia è già molto diminuita, fino a 96mm/mese, ma la temperatura è ancora stabile sui 16°C di media. In settembre e ottobre le temperature sono abbastanza alte ma piove di meno.

Stagione Piovosa

Il periodo delle piogge si sviluppa tra novembre e aprile, questa è l’estate tanzaniana. Le temperature sono alte e l’umidità si fa sentire, anche se si possono trovare offerte vantaggiose per una vacanza.

Quanto costa assicurare questo viaggio? Fai preventivo
torna in cima