di Giovanna Lucchi , 15.09.2021

Quando si pensa a ciò che rende Oslo una città così affascinante si fa immediatamente riferimento al suo sviluppo ecosostenibile e al riconoscimento di Capitale verde europea ottenuto nel 2019. In realtà, la capitale norvegese, pur non essendo una grandissima metropoli, è ricca di musei legati tanto alla storia quanto all’arte.

Da queste terre, il popolo Vichingo è salpato verso mete sempre più lontane, e nei secoli ha esplorato e conquistato non pochi territori, come testimoniato dai reperti ritrovati. Una sete di scoperta che non si è spenta con i Vichinghi, ma è continuata nel XIX secolo con l’esplorazione dei circoli polari.

Non meno importante del contributo storico è quello artistico, come ben ci ricordano i musei dedicati al pittore Edvard Munch o allo scultore Gustav Vigeland.

La lista dei musei degni di nota sarebbe veramente lunga, basti pensare all’Historisk Museum, con la sua collezione di reperti archeologici, la Galleria nazionale di Oslo o il Museo di storia naturale.

Noi qui abbiamo selezionato, per ragioni di spazio, solo alcuni tra i più interessanti musei di Oslo.

Museo delle Navi Vichinghe

Si tratta di uno dei musei più famosi di Oslo ed è parte, insieme all’Historisk museum, del Museo di storia culturale dell’Università di Oslo. Si trova ad Huk Aveny, 35, sulla penisola di Bygdøy non molto distante da altri musei come il Fram o il Kon-Tiki Museum.

La sua attrazione principale è rappresentata dalle tre navi vichinghe meglio conservate tra quelle giunte fino a noi: Gokstad, Tune and Oseberg. Queste navi, che un tempo solcavano i mari alla scoperta di nuove terre, furono poi portate sulla terraferma per essere usate nei riti funerari dei loro padroni e successivamente interrate. Il museo, che espone anche i tanti oggetti che sono stati rinvenuti insieme alle navi, è visitabile al prezzo di 120 corone, poco meno di 11 euro.

Museo Munch

Edvard Munch è l’artista norvegese più conosciuto, forse l’unico ad aver varcato con la propria fama i confini nazionali ed essere entrato nella cultura comune con le sue straordinarie opere espressioniste, fra cui ricordiamo soprattutto la serie di dipinti intitolata “L’urlo”.

Poco prima della sua morte, l’artista norvegese decise di donare tutta la sua produzione artistica alla città di Oslo, che raccolse nel Museo Munch oltre ventimila opere tra dipinti, disegni e litografie, senza contare scritti, fotografie e l’equipaggiamento dell’artista.

Questa imponente mole di oggetti viene esposta nel museo, a Tøyen, nei pressi del giardino botanico, anche se non tutta contemporaneamente ma attraverso periodiche mostre tematiche.

Prezzo d’ingresso 120 corone - € 10,85.

Kon-Tiki Museet

Questo museo, che si trova a Bygdøynesveien 36, non molto distante dal Museo delle navi vichinghe, è dedicato alle imprese e alle scoperte di Thor Heyerdahl, un antropologo e archeologo norvegese che nel tentativo di dimostrare le sue teorie in tema di migrazione e colonizzazione della Polinesia da parte delle popolazioni sudamericane attraversò l’Oceano Pacifico a bordo di una primitiva zattera in legno di balsa chiamata Kon-Tiki. Oggi il museo accoglie quella imbarcazione e molti altri oggetti che hanno preso parte alla spedizione di Thor Heyerdahl attraverso l’Oceano Pacifico. Della sua avventura ne trasse un documentario che vinse il premio Oscar nel 1952 e che viene proiettato tutti i giorni nel museo.

Oltre alla spedizione Kon-Tiki, sono ospitate anche esposizioni relative all’imbarcazione Ra II e interessanti mostre sul Tigris e sull’Isola di Pasqua.

Parco di Vigeland

Il Parco di Vigeland noto anche come Parco delle statue, similmente al museo Munch, rappresenta il lascito artistico e materiale di un grande artista norvegese, Gustav Vigeland. Lo scultore realizzò una serie di statue in mostra permanente all’interno del parco pubblico della capitale norvegese chiamato Frogner Park, situato nell’omonimo quartiere.

La realizzazione del parco, anche dal punto di vista architettonico, è stata curata dallo scultore Gustav Vigeland, ed oggi raccoglie gran parte della sua produzione artistica con oltre 200 statue in bronzo, ferro e granito.

The Viking Planet

L’idea che sta alla base di “The Viking Planet” è tanto singolare quanto affascinante. Non si tratta di un vero e proprio museo come siamo abituati ad immaginarlo, ma è un’esperienza in realtà virtuale che, dunque, attraverso l’utilizzo di visori VR, ologrammi, e altre soluzioni immaginifiche, cerca di portare il visitatore nell’epoca vichinga, creando un’atmosfera il più immersiva possibile.

Si tratta di un vero e proprio museo digitale che punta a replicare se stesso anche in altre città. Per ora è possibile visitarlo ad Oslo in Fridtjof Nansens Plass 4, proprio alle spalle del municipio, al prezzo di 229 corone norvegesi (€ 20,72).

Museo Fram

A brevissima distanza dal museo Kon-Tiki, si erge con la sua particolare forma di prisma triangolare, il Museo Fram, dedicato all’esplorazione dei due circoli polari: tanto l’artico quanto l’antartico. Il nome del museo si deve alla nave Fram che venne utilizzata da alcuni esploratori norvegesi nei loro viaggi verso il polo nord e il polo sud.

Pezzo forte del museo è proprio la nave restaurata ed esposta con tutti gli oggetti che l’hanno accompagnata nelle diverse spedizioni affrontate. Costruita nel 1892, l’imbarcazione, una delle più resistenti, è riuscita a portare a termine ben 3 grandi spedizioni polari: quella di Fridtjof Nansen (1893-1896), quella di Otto Sverdrup (1898-1902) e quella di Roald Amundsen (1910-1912). Prezzo d’ingresso 120 corone (€ 10,85).

Guide di viaggio per una vacanza in Norvegia

La Norvegia è una terra molto suggestiva e ricca di attrazioni: natura, buon cibo, storia e cultura. Oltre alla capitale Oslo, ci sono altri luoghi molto rinomati, come per esempio le Isole Lofoten, visitate soprattutto in estate.

Non dimentichiamoci poi di una delle più importanti attrazioni naturali del paese: l’Aurora Boreale. In poche parole, la Norvegia è una destinazione ideale per una “Vacanza alternativa” o per un viaggio avventura, ma può essere un’ottima scelta anche per chi vuole semplice trascorrere un week-end romantico.

Se state pensando di organizzare una vacanza in questa suggestiva terra, allora troverete molto utili le nostre guide di viaggio:

Tags

oslo


← Come visitare il Santa Claus Village (Lapponia) e cosa ti aspetta

Cosa vedere ad Amarillo (Texas), lungo la Route 66 →