di Andrea Pepe , 16.04.2018

Uno dei più spettacolari festival del Giappone è sicuramente il Festival di Nikko. Conosciuto anche come “Festival Toshogu”, si tiene ogni anno a Nikko, una piccola località distante circa 120 km da Tokyo, il 17 e il 18 maggio.

Si tratta di una manifestazione imponente, diventata in breve tempo una delle più seguite dai turisti che si recano in visita in Giappone, anche per la sua distanza breve dalla capitale.

Ogni anno, per 2 giorni la città torna indietro negli anni, al tempo di Tokugawa Ieyasu, lo shogun che contribuì con la sua abilità militare ad unificare tutto il Giappone. Nonostante il suo governo era a tutti gli effetti una dittatura militare, i Giapponesi riconosco il valore storico della sua amministrazione e delle sue battaglie, tanto da celebrarlo ancora oggi.

Durante i 2 giorni di festeggiamenti si può assistere a manifestazioni grandi o piccole che in genere tendono a rievocare il Giappone degli shogun e dei samurai con danze, gare di tiro con l’arco o altre attività dell’epoca.

Il 18 maggio

Il 18 maggio avviene una processione che coinvolge 1000 persone vestite con le antiche armature dei samurai per rievocare l’antico esercito di Tokugawa Ieyasu. Davanti a voi avrete arcieri, cavalieri e fanti che accompagno le spoglie dello shogun fino al tempio edificato per la sua casata: il Santuario Toshogu.

Il tutto viene accompagnato da una coreografia perfetta, in grado di rendere l’evento suggestivo e memorabile per chiunque vi assista.

Tutta la manifestazione si ripete anche ad ottobre, ma in una versione per così dire ridotta, quindi fate attenzione a quale data scegliete per assistere al Festival di Nikko.

Nikko

Nikko è un piccola località poco distante da Tokyo, che oltre ad ospitare l’importante festival, custodisce un complesso di templi dichiarato patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, incastonato in una natura rigogliosa.

Se vi recate a Nikko infatti, non potete perdere l’occasione di visitare i suoi templi e santuari più importanti:


• Santuario Toshogu


• Tempio Rinno-ji


• Futurasan-jinja


• Takino-jinja


• Tempio Taiyun-byo

Intorno a Nikko è possibile effettuare diverse escursioni per ammirare anche la natura che circonda l’area, ma le attrazioni naturali più note sono sicuramente le cascate Kegon Waterfalls, alte ben 97 metri, e le Kirifuri Falls, che arrivano a quasi 80 metri di altezza.

Ultima attrazione della città che vi segnaliamo è lo Shinkyo, un caratteristico ponte di colore rosso protagonista di numerose leggende del luogo.

Santuario Toshogu

Il Santuario Toshogu, conosciuto anche come “Santuario di Nikko” è sicuramente l’edificio più importante di tutta la zona.

Partendo da Nikko, per raggiungere il santuario bisogna percorrere la “Nikko Suginamiki”, una strada lunga circa 17 chilometri e avvolta da più di 10.000 cipressi: un vero spettacolo.

Arrivati al santuario, non potrete che ammirare le pregevoli decorazioni che caratterizzano l’edificio, la maggior parte delle quali raffigurano animali. Tra le immagini più iconiche ci sono sicuramente lei “3 Scimmiette” ma anche un drago.

Si racconta che per costruire il santuario ci siano voluti più di 15.000 operai, e se adesso vi sembra un numero esagerato, aspettate di vederlo dal vivo.

Visitare Tokyo

Data la vicinanza con Tokyo, non potete perdere l’occasione di visitare la capitale del Giappone, collegata molto bene con Nikko. Prendendo un treno o un pullman ci vorranno solo 2 o 3 ore per coprire la distanza.

Vi segnaliamo inoltre che sono diversi i tour operator che organizzano viaggi per visitare Nikko e Tokyo. Trovate informazioni complete nell'articolo "Destinazioni e attrazioni da vedere durante un tour del Giappone".

Parliamo delle bellezze di Tokyo, dei suoi quartieri, e di alcune tra le più belle località del paese, nel nostro articolo: “Guida del Giappone: tutto quello che devi sapere”.


← Dove andare in vacanza a luglio 2018: le mete migliori

5 Idee di viaggio per una vacanza negli Stati Uniti a Luglio 2018 →