di Giorgia Alto , 05.08.2021

La seconda delle Isole Baleari per ampiezza, Minorca, è una miniera d’oro di spiagge e angoli di costa incantevole dove, fra i siti più apprezzati c’è Cala Mitjana.

Una vacanza alle Baleari è una di quelle esperienze da fare più di una volta della vita: solo così potrete apprezzarle veramente. I più giovani, qui troveranno locali e feste in spiaggia dove trascorrere indimenticabili serate, gli sportivi potranno dedicarsi a tante attività sia in acqua che sulla terraferma, mentre le famiglie potranno rilassarsi e far giocare i bambini.

Ricordiamo inoltre che, sottoscrivendo una polizza viaggio Columbus, i figli fino a 18 anni riceveranno l’assicurazione gratuitamente.

In questa guida di viaggio parleremo della splendida Minorca e di una delle sue spiagge più rinomate, ovvero Cala Mitjana.

La spiaggia e il mare

La collocazione nella costa meridionale regala a Cala Mitjana un mare riparato dalle correnti oceaniche, dall’acqua turchese e perfettamente trasparente, mentre Il fondale, basso e sabbioso, è quindi la meta ideale per praticare lo snorkeling.

La costa, frastagliata da rocce bianche che cadono a picco sul mare, raccoglie una riparata conca di sabbia bianca, sottile e morbidissima. La spiaggia è lunga appena 25 metri ed è quindi davvero un piccolo angolo di paradiso da assaporare, portando un po’ di pazienza per l’afflusso di turisti nei mesi di alta stagione.

Dove si trova Cala Mitjana e come raggiungerla

Cala Mitjana si trova nella costa sud-occidentale di Minorca. Questa insenatura, pur mantenendo un aspetto pressoché incontaminato, è ben collegata e facilmente raggiungibile con diversi mezzi, via terra ma non solo. Sono molti i natanti che scelgono infatti di ammirare i colori della baia dal mare, noleggiando un’imbarcazione o partecipando a un’escursione in barca.

In auto

In macchina, che ci si trovi a Minorca o a Mahón, bisogna proseguire in direzione Ferreires. Da qui, si prende la M-22, imboccando lo svincolo segnalato per Cala Galdana, e si procede seguendo le indicazioni per Cala Mitjana. Fortunatamente, è possibile posteggiare la propria auto nell’ampio parcheggio gratuito e raggiungere la spiaggia seguendo un sentiero piacevole e affatto impegnativo, con un percorso di 20 minuti a piedi.

Il tragitto in macchina dura mezz’ora da Mahón e 20 minuti da Minorca.

In autobus

La spiaggia di Cala Mitjana è collegata al resto dell’isola anche attraverso due linee di autobus dai principali centri di Ciutadella (Minorca) e Mahón. La fermata si trova in corrispondenza del parcheggio per le auto, da lì si prosegue a piedi lungo il sentiero verso la Cala. Si consiglia, naturalmente, di consultare in anticipo orari e frequenza delle corse, fortemente dipendenti dal periodo dell’anno in cui ci si trova a Minorca.

A piedi

Minorca è un posto in cui natura e spiaggia si intrecciano senza soluzione di continuità. Questa sua conformazione la rende quindi meta ideale per chi ama il trekking e i sentieri escursionistici con vista mare.

Attraverso questi percorsi, da fare a piedi, in bicicletta o a cavallo, si raggiungono alcune delle baie più belle dell’isola.

Così, è possibile raggiungere Cala Mitjaneta anche a piedi, attraverso il Camì de Cavalls. Lo splendido sentiero dei cavalli che circonda l’isola, offrendo infinite occasioni di ristoro nelle spiaggette e nelle calette che si aprono sulla costa, che sono più di 50.

La spiaggia di Mitjaneta

Poco più a ovest di Cala Mitjana si trova Mitjaneta, sorella minore della spiaggia principale di eguale bellezza ma dagli spazi ridottissimi. Questo le conferisce un’atmosfera intima e incontaminata, a fronte di un’acqua cristallina ideale per praticare dello snorkeling vicino alla costa o per rilassarsi a riva.

Anche in questo caso, è possibile raggiungere la caletta in auto o in autobus, imboccando lo stesso sentiero a piedi dal parcheggio di Mitjaneta e proseguendo a piedi.

La ridotta distanza fra le due spiagge può essere percorsa anche a nuoto.

Cala Mitjana è una località anche per famiglie con bambini?

Il litorale protetto da vento e maree, la conformazione sabbiosa della riva e il fondale che scende dolcemente rendono questa spiaggia perfettamente compatibile con una vacanza in famiglia con bambini.

La rigogliosa natura che circonda la Cala e la presenza di moltissime specie animali restituisce, infine, un quadro suggestivo per incantare ma anche educare i propri figli. Il mare dal fondale basso e trasparente è infatti ideale per praticare snorkeling: sono sufficienti una mascherina e un boccale per lasciare i bambini a bocca aperta.

Nei dintorni di Cala Mitjana: attrazioni e servizi

A rendere l’area di Cala Mitjana così affascinante è anche e soprattutto il suo aspetto incontaminato: è bene quindi sapere che sulla spiaggia non sono presenti chioschi, bagni o stabilimenti balneari. Anche per quanto riguarda le strutture ricettive, bisognerà trovare alloggio presso i centri abitati nei dintorni. Cala Mitjana è a 7 km da Ferreires e a 9 km da Arta. All’interno di questo raggio si trovano i principali servizi turistici: case vacanza, ville, appartamenti, b&b e agriturismi, in genere ben collegati.

Spostarsi è anche un’ottima occasione per visitare tutti gli altri punti turistici che circondano l’area di Cala Mitjana. A proposito di spiagge, nella zona è un vero must Cala Galdana, rinomato litorale anch’esso racchiuso e protetto da una baia di sabbia finissima e chiara. In questo caso, però, la spiaggia è più estesa rispetto a Cala Mitjana, protraendosi per ben 500 metri.

Altra apprezzata meta nell’area è Cala Macarella, vicinissima alla sorella minore Cala Macarelleta. Per raggiungere queste calette da Cala Mitjana bisogna addentrarsi in un percorso di trekking di circa un’ora. La fresca vegetazione nel tragitto e un tuffo nelle acque turchesi all’arrivo ripagheranno ogni fatica.

Per gli amanti dei sentieri immersi nella vegetazione, da Cala Mitjana è possibile raggiungere un’altra caletta incontaminata. Si tratta di Cala Trebalúger, una spiaggia selvaggia e popolatissima di pesci sita lungo il Camí de Cavalls.

Leggi anche:

Tags

minorca


← Paleokastritsa (Isola di Corfù): la guida di viaggio

Arcipelago di Madeira, Portogallo: le spiagge più belle →