authori

Quando andare a Miami: clima, temperature e stagioni

Nel fiore all’occhiello della Florida, il clima è di tipo tropicale con inverni piacevoli e caldi, ed estati molto lunghe e afose. Il sole brilla su Miami molto spesso nel corso dell’intero anno, anche se le precipitazioni rimangono abbondanti: si tratta, comunque, di rovesci e temporali che scaricano molti millimetri di pioggia in poco tempo, facendo tornare subito il soleggiamento. Questo soprattutto durante la lunga estate, da maggio ad ottobre, che è il periodo più caldo ma anche il più piovoso dell’anno, in particolare nei mesi da luglio a settembre che registrano una media dai 13 ai 15 giorni di pioggia. La stagione invernale, compresa la breve “appendice” primaverile, di marzo e aprile, si presenta invece piacevolmente tiepida, con temperature medie intorno ai 18-20° C che permettono anche di godere del mare, le cui acque sono abbastanza calde tutto l’anno. Questo fa sì che sia proprio l’inverno la stagione migliore in cui visitare Miami, scappando dal freddo dei propri paesi e raggiungendo la meta più calda degli Stati Uniti. Per maggiori info sul periodo migliore per visitare Miami leggi la guida di viaggio e scaricala gratis sul tuo telefonino.

Quando trovare il clima migliore

Il clima non rappresenta certo un ostacolo per visitare Miami nel corso dell’intero anno. Tuttavia, se proprio bisogna scegliere il periodo migliore per recarsi nella “nuova capitale latina” bisogna optare senz’altro per quello che va da dicembre ad aprile, durante la stagione invernale. D’inverno infatti Miami rappresenta il luogo più caldo e riparato di tutti gli States, con molte giornate di sole, pochissima pioggia e temperature che possono toccare punte di 28° C. Il rischio di giornate ventose e di ondate di aria fresca c’è sempre, ma in genere si tratta della stagione più mite e piacevole dell’anno per girovagare tra le bellezze della città e nei dintorni. Certo, per chi vuole fare vita da spiaggia (possibile in ogni caso anche durante l’inverno), è l’estate il periodo migliore per andare a Miami. Bisogna fare i conti però con l’afa intensa e con il rischio uragani, che seppur statisticamente poco probabile, non è da sottovalutare.

Quando costa di meno

Complice l’estremo caldo e il rischio (comunque basso) di uragani, il periodo meno costoso in assoluto per recarsi a Miami è quello che va da giugno a settembre, nel corso della stagione estiva. Le temperature oltre i 30° C, accentuate dal tasso di umidità elevato, infatti, scoraggiano i visitatori, che preferiscono visitare la città quando fa meno caldo e le precipitazioni piovose sono più rare. Ciò fa sì che sia proprio la stagione estiva quella in cui è possibile trovare offerte maggiormente convenienti per organizzare un viaggio a Miami.

Quando NON andare

In realtà non c’è un vero periodo sconsigliato per andare a Miami. Ad ogni modo, per chi vuole evitare l’opprimente afa estiva e la stagione degli uragani, meglio non partire durante l’estate e soprattutto nei mesi da giugno a novembre. Tuttavia, è proprio in questo periodo che si trovano le offerte di viaggio più convenienti. Al contrario, nel corso della stagione ideale per organizzare una vacanza nella città della Florida, e in particolare, nei mesi da dicembre a febbraio, i prezzi lievitano notevolmente. È d’inverno, infatti, che Miami vive la sua cosiddetta “alta stagione” e questo, per chi è alla ricerca di pacchetti più accessibili potrebbe rappresentare un motivo per rinviare il viaggio.

Temperature medie

  • Gennaio:
    min. 14°/ max 24°
  • Febbraio:
    min. 15°/ max 25°
  • Marzo:
    min. 16°/ max 27°
  • Aprile:
    min. 19°/ max 28°
  • Maggio:
    min. 21°/ max 30°
  • Giugno:
    min. 23°/ max 31°
  • Luglio:
    min. 24°/ max 32°
  • Agosto:
    min. 24°/ max 32°
  • Settembre:
    min. 24°/ max 31°
  • Ottobre:
    min. 22°/ max 29°
  • Novembre:
    min. 18°/ max 27°
  • Dicembre:
    min. 15°/ max 25°

Le Stagioni

Miami, come tutte le zone caratterizzate da un clima tropicale, presenta l’alternarsi di due stagioni: una invernale, più mite e secca, e una estiva, calda e piovosa. In realtà, tra le due si registra anche una “breve” parentesi primaverile, a marzo e aprile, che però date le temperature, sembra più l’anticamera dell’estate.

La stagione invernale (novembre-aprile)

L’inverno a Miami è piacevolmente caldo, con rarissime piogge. Le ondate di freddo tipiche degli Stati Uniti che a volte si spingono fino al sud della Florida, qui, in una posizione quasi all’altezza del tropico, arrivano difficilmente. Talvolta, però, da dicembre a marzo un po’ d’aria fresca può raggiungere Miami, ma solo per breve tempo (non più di due-tre giorni) e soprattutto di notte: anche in queste giornate, infatti, le massime giornaliere rimangono miti, intorno ai 18-20° C, ma si registrano forti escursioni notturne, con minime che possono arrivare intorno ai 5-8° C. Da marzo ad aprile, l’inverno cede il passo ad una “breve primavera”, che però già si presenta così calda con temperature elevate quasi quanto quelle che regnano nei mesi estivi.

La stagione estiva (maggio-ottobre)

La lunga estate calda di Miami va da maggio ad ottobre ed è caratterizzata da afa perenne e frequenti rovesci e temporali, anche molto intensi, ma di durata piuttosto breve, lasciando subito il passo al sole che torna a splendere nel cielo. A volte, durante la stagione estiva le temperature sono mitigate dalle brezze del mare che riescono ad offrire un po’ di sollievo dalla calura. Da giugno a novembre, Miami può essere colpita dagli uragani, che, in ogni caso, sono più frequenti dalla metà di agosto alla fine di settembre.

Quanto costa assicurare questo viaggio? Fai preventivo
torna in cima