di Giovanna Lucchi , 27.07.2020

Una “perla nera” nel cuore del Mediterraneo, lontana dal resto della Sicilia, ideale per rilassarsi lontano dal caos cittadino: questa è Ustica. Certamente una delle più nelle isole italiane, in grado di regalare orizzonti dispersivi e mete lontane, sogni d’estate e notti indimenticabili, grazie ad un cielo stellato mai visto.

In questa guida di viaggio, descriveremo solo alcune tra le varie calette e insenature naturali dell’isola, dove potrete trovare bellissime spiagge rimaste nel cuore di ogni turista che le ha visitate.

Ustica è facilmente raggiungibile da Palermo via traghetto o aliscafo ed ha un porto attrezzato per accogliere i diportisti. Le sue spiagge sono diverse ed ideali per ogni tipologia di bagnante, mentre i fondali sono silenziosi ed incontaminati, grazie alla tutela dell’area marina protetta di Ustica.

Prima di lasciarvi alle spiagge più belle di Ustica, vi segnaliamo anche che qui e lì noterete numerosi cartelli dove si invita al silenzio, nel tentativo di rispettare il riposo di tutti.

Punta Spalmatore

Culla naturale ed incontaminata, la spiaggia rocciosa della Punta Spalmatore è una delle zone imperdibili di Ustica. Qui potrete abbandonarvi completamente al relax praticando l’attività di snorkeling e ammirando dei bellissimi tramonti. Vi raccomandiamo di portare con voi tutto il necessario per passare una giornata a contatto con la natura perché non troverete alcun lido attrezzato: una scelta indicata per chi ama armarsi di ombrellone o godersi il sole estivo, ma con le dovute precauzioni. La spiaggia si trova in zona Spalmatore, al confine orientale della Riserva Marina.

A pochi passi dalla spiaggia potrete scorgere inoltre la Torre dello Spalmatore, costruita verso la metà del XVIII secolo su disposizione del re Carlo II di Borbone, una vera e propria fortezza da avvistamento, in grado di raccontarci con la sua sola presenza tutta la maestosità e la cruciale importanza di questa piccola isola immersa nel Mediterraneo.

Spiaggia del Faro

Una delle poche spiagge attrezzate di Ustica è proprio la Spiaggia del Faro. Un paesaggio vulcanico, che si sposa con la veduta del Faro di Punta Cavazzi, sarà il vostro compagno fedele per passare una giornata di completo benessere fisico e mentale, senza rinunciare alle comodità.

Essendo l’Isola di Ustica di origine vulcanica, con le discese a mare prevalentemente rocciose, qui è stata creata una piattaforma in cemento proprio per agevolare l’ingresso in acqua. Potrete anche rinfrescarvi con un drink dissetante presso il bar dello stabilimento balneare ogni qual volta lo desideriate: una valida alternativa alla spiaggia dello Spalmatore, trascorrendo così una giornata “free”, e una più organizzata.

L’isola offre, come già anticipato, la possibilità di praticare lo snorkeling e di fare immersioni. La caratteristica posizione isolata di Ustica offre scorci esclusiva nei suoi fondali, e la tutela dell’Area Marina Protetta, ha inoltre favorito la conservazione di ogni tipo di specie. Inoltre, qui avrete la possibilità di fare il bagno in una vera e propria piscina naturale, racchiusa tra gli scogli e comunicante con il mare!

Cala Sidoti

Una spiaggia dai ciottoli vulcanici, raccolta in una caletta, vi permetterà di passare una giornata entusiasmante anche in compagnia dei vostri bambini. Cala Sidoti si trova sul versante ovest dell’isola ed è raggiungibile comodamente in autobus.

Non dimenticate però di portare con voi tutto il necessario per passare una giornata al mare. Tra le cose da avere con sé, vi consigliamo delle scarpette di gomma e un telo abbastanza spesso poiché i ciottoli possono essere un po’ scomodi per adagiarsi o per scendere a mare. In compenso la baia è molto ampia e l’acqua alla riva non è molto profonda. Qui potrete avventurarvi nell’attività di snorkeling, scoprendo le meraviglie della pullulante vita sottomarina.

Grotta Verde

Una volta ad Ustica, non può mancare una visita alla Grotta Verde, un incantevole luogo paesaggistico. La baia della Punta Galera, in cui è incastonata la grotta, ricorda una antica imbarcazione romana, da cui prende vita l’omonima denominazione. La grotta è raggiungibile via mare.

L’acqua in questo luogo offre una varietà di colori che vanno dal turchese chiaro all’azzurrino, un vero paradiso per gli amanti dello sport subacqueo. Potrete scoprire la grotta con tutte le sue formazioni interne millenarie, davvero un incanto per gli occhi, godendo così di panorami indimenticabili.

Deve prestare particolare attenzione chi soffre di mal di mare.


← Le Cascate dell’Islanda: le più belle da visitare

Meteora, Grecia: dove si trova e cosa visitare →