di Giovanna Lucchi , 30.04.2020

Che la Sardegna sia un luogo paradisiaco è cosa nota. Questa meravigliosa e vasta isola italiana che si trova nel Mar Mediterraneo, è infatti una terra ricca di storia e tradizioni, caratterizzata anche da una profonda cultura, e celebre per i suoi prodotti e per l’artigianato locale.

Tuttavia, nell’immaginario collettivo, il territorio è famoso soprattutto per le sue splendide spiagge e per le calette lambite da acque color smeraldo e disseminate lungo la costa.

Luoghi incantevoli raggiunti ogni anno dai turisti che cercano mete in cui trascorrere vacanze da sogno.

Complici le sue innumerevoli bellezze naturalistiche, la Sardegna è anche prediletta da chi ama vivere all’aria aperta, godendosi il mare e il territorio.

Una delle zone imperdibili è sicuramente l'arcipelago della Maddalena, un gruppo di isole a nord-est della Sardegna, al largo della Costa Smeralda, custodite all’interno di una zona dichiarata Parco nazionale per tutelare le sue acque incontaminate e le sue bellezze naturali.
In una di queste isole, Budelli, considerata una delle più belle del Mediterraneo, si nasconde un luogo dal fascino immortale, conosciuto in tutto il mondo: la celebre Spiaggia Rosa.

Perché la spiaggia è rosa?

Il nome e il colore della Spiaggia Rosa di Budelli sono dovuti alla presenza di frammenti microscopici di coralli, molluschi e microrganismi come la Miriapora truncata e la Miniacina miniacea. Questi frammenti, che vengono sminuzzati dagli agenti atmosferici, vengono poi trascinati via, trasportati dal mare, e finiscono per depositarsi sulla riva sabbiosa conferendo alla spiaggia questa spettacolare e caratteristica tonalità rosata.

Dove si trova

La Spiaggia Rosa si trova a cala di Roto, a sud-est dell’affascinante isola di Budelli. La spiaggia è situata in un’area denominata “Zona A”, proprio all’interno del Parco Nazionale.

Questa costellazione di isole a nord-est della Sardegna è stata dichiarata area protetta allo scopo di salvaguardare e proteggere nel tempo la sua biodiversità, le entità vegetali e animali, e gli habitat di importanza comunitaria disseminati lungo isole, isolotti, scogli e rocce.

Come raggiungerla

Negli anni, i numerosi turisti che hanno visitato la Spiaggia Rosa hanno fortemente alterato il suo ecosistema, commettendo veri e propri “atti vandalici”, come ad esempio portare via i granelli della sua particolare sabbia come souvenir.

Per questo sono state adottate severe restrizioni e inibizioni per quanto riguarda l'accesso.

L'isola di Budelli si può raggiungere unicamente via mare, utilizzando imbarcazioni private o in traghetto, approfittando anche di apposite escursioni organizzate. La Spiaggia Rosa, tuttavia, si potrà ammirare solo da lontano, in quanto non è concesso visitarla né via terra, né via mare. Le imbarcazioni non possono spingersi oltre i limiti indicati dalle la distanza, boe.

Superare tali limiti, anche a nuoto, comporta il serio rischio di incorrere in pesanti multe: un’esperienza sempre molto spiacevole, soprattutto se in vacanza.

Pur non essendo consentita la permanenza, alcune aree dell'isola di Budelli si potranno visitare rigorosamente accompagnati da personale specializzato.

Quanto costa una vacanza in questa zona della Sardegna

Non essendo consentita la permanenza sull'isola di Budelli, i visitatori potranno soggiornare nelle vicine località di La Maddalena, Palau, Santa Teresa di Gallura o in Costa Smeralda. Il prezzo dei soggiorni in queste zone è ovviamente molto diverso e fortemente influenzato dal periodo scelto (alta o bassa stagione).

In generale, in Sardegna la zona della provincia di Olbia-Tempio è la più cara, e raggiunge il picco nei primi 15 giorni di agosto, non solo per gli alloggi, ma anche per aerei e traghetti e così via.

I costi si riducono fortemente in bassa stagione, nei mesi di giugno e settembre.

Altre località da visitare vicino l’Isola di Budelli

Oltre Budelli, tutto l'Arcipelago della Maddalena merita una visita e consente di dedicarsi a numerose attività: non solo relax su spiagge incantevoli, ma anche immersioni subacquee, escursioni e gite in barca.

Il punto di partenza ideale è l'omonima isola de La Maddalena, che oltre a essere la più grande, presenta un delizioso centro storico ed è uno scrigno di spiagge, calette e insenature paradisiache.

L’isola Si può raggiungere facilmente in traghetto e ad appena cinque minuti d’auto, attraversando un ponte, dalla Maddalena si raggiunge la vicina e altrettanto splendida isola di Caprera, nota come la “Tahiti italiana” e circondata da cale meravigliose, sabbia bianca e fondali limpidissimi.

Le altre isole sono più piccole e disabitate, protette da numerose disposizioni, e per questo raggiungibili ed esplorabili per lo più via mare.

Sulla "terraferma", invece, merita una visita il delizioso borgo di Palau, dal cui porto turistico partono i principali i traghetti per raggiungere l'arcipelago.

Per chi cerca una località particolarmente lussuosa ed esclusiva, invece, la risposta è la vicina e rinomata Costa Smeralda.

Tags

sardegna


← 6 Musei Bruxelles assolutamente da vedere

Alla scoperta dei più famosi Musei di Dublino →