di Maria Vittoria Ghini , 01.06.2016

Oltre ai tempi buddhisti e hindu e al variegato patrimonio culturale, la Thailandia offre bellezze naturali straordinarie con spiagge mozzafiato che la rendono unica al mondo ed il posto ideale per i viaggiatori che vogliono unire la passione per siti archeologici e templi religiosi al desiderio di esplorare incantevoli paesaggi naturali. A chi ha in programma una vacanza in Thailandia (possibilmente non ad agosto perché troppo affollata) o a chi già c’è stato, ma sogna di ritornarci, sveliamo quali sono le isole più belle, accattivanti e assolutamente da non perdere.

Per informazioni utili sul periodo migliore per visitare la Thailandia e le sue isole meravigliose, leggi anche "Thailandia quando andare: clima, temperature e stagioni".

Koh Lipe

Coperta da sabbia bianca e delimitata da acque cristalline, Koh Lipe è un’isola della Thailandia che solo negli ultimi cinque anni ha conosciuto il turismo di massa, contendendo il primato alle vicine isole di Phuket e Phi Phi Don. Geograficamente più vicina alla Malesia, è l’isola ideale per chi ama fare snorkelling considerando la grande varietà di fauna marina.

Koh Lipe

Koh Tarutao

Primitiva e misteriosa, questa isola della Thailandia è inserita all’interno del Tarutao National Marine Park ed è coperta per il 70% dalla giungla. Le spiagge di Ao Phante Malaka e Ao Molae sono il punto di partenza ideale per le escursioni al parco marino. Per chi ha voglia di godersi una vacanza lontana dai luoghi affollati, Koh Tarutao è l’isola giusta e raggiungibile attraverso voli interni alla Thailandia. Air Asia offre voli diretti Bangkok - Hat Yai e poi dal villaggio di Pak Bara l’isola è raggiungibile con con la nave in due ore.

Le incantevoli baie di Aow Yai e di Aow Khao Kwai rendono questa isola il posto migliore per chi desidera trascorrere una vacanza all’insegna della pace e del silenzio.  L’isola è ideale anche per i viaggiatori che amano fare passeggiate nel verde. I costi per una settimana ad agosto in un resort partono da €150.

Koh Tarutao

Phi Phi Do

Celebre per Maya Bay, la baia resa famosa dal film The Beach con Leonardo di Caprio, questa isola era il paradiso per gli amanti dei viaggi backpacker prima di essere raggiunta dal turismo di massa. Phi Phi Don è l’unica isola abitata dell’arcipelago Ko Phi Phi composta da sei isole.  Per i nostalgici delle vacanze con zaino in spalla non è più il posto giusto considerando il significativo numero di hotel e resort presenti sull’isola. Vale però ancora la pena visitarla per le bellezze sottomarine.

Phi phi do

Koh Samui

Destinazione molto popolare tra gli Italiani, questa isola offre – oltre alle sue acque trasparenti – anche una vita notturna abbastanza vivace. A circa un’ora da barca da Koh Samui, è possibile visitare l’Angthong National Park, un arcipelago di 42 isole mangrovie e montagne calcaree accoglieranno i turisti. I costi degli hotel a Koh Samui per una persona nella prima settimana di agosto partono dai €1000 con colazione inclusa. L’isola è fatta su misura per chi vuole combinare una vacanza di mare ad una più movimentata grazie ai numerosi locali notturni.

Koh Samui

Koh Tao

Nella lingua Thai significa Isola delle tartarughe perché in passato le tartarughe andavano a deporre le uova nelle sconfinate spiagge bianche disabitate. Considerato un posto paradisiaco per chi è un appassionato di immersioni subacquee, riceve più di 100.000 visitatori ogni anno. Il periodo migliore per andare va da dicembre a marzo e da luglio ad agosto. Consigliamo l’isola a chi ama la bellezza dei fondali marini.

Koh Tao

Koh Pha Ngan

Famosa per la sua spiaggia Haad Rin dove ogni anno si celebra il Full Moon Party, ovvero la Festa della Luna Piena nata negli anni ’80 da un gruppo di hippie, questa isola offre diverse attrazioni tra cui il più alto albero Yang Na Yai con i suoi oltre 50 metri di altezza e le cascate Phaeng e Paradiso. Per chi ha voglia di tranquillità è consigliabile una visita a Baan Chaloklum, un villaggio di pescatori situato a nord dell’isola. Per chi non vuole perdere l’occasione di scattare un selfie durante il Full Moon Party, Koh Pha Ngan è una tappa obbligatoria tra le isole della Thailandia.

Koh Pha Ngan

Koh Lanta Yai

È l’isola più grande dell’arcipelago di Koh Lanta composto da 52 isole nel mare delle Andamane e al largo della costa occidentale della Thailandia. Per le locali comunità musulmane, malesi e cinesi è ancora un luogo lontano dalla mondana vita notturna che ha già reso popolari altre isole della Thailandia. Le sue acque poco profonde la rendono un posto sicuro per far nuotare i bambini e l’isola può essere un’ottima scelta per chi desidera trascorrere una vacanza in famiglia.

Koh Mook

Il suo fiore all’occhiello è il tunnel di 70 metri tra le scogliere del mare di Trang che termina poi con una splendida laguna naturale circondata da spiagge di sabbia bianca e dalla natura incontaminata.  La laguna dà un tocco di romanticismo all’isola che potrebbe essere il posto ideale per chi decide di andare in Thailandia con il proprio partner.

Prima di partire

La Thailandia è una destinazione molto popolare tra gli italiani e la prima cosa da fare è capire quando è il periodo migliore per scoprire le sue isole, la sua arte, la sua architettura e la sua cultura. È sempre consigliabile fare una ricerca sulle regole dei Paesi stranieri e potrebbe tornare utile documentarsi sulle leggi locali thailandesi per evitare spiacevoli inconvenienti lontano da casa. Oltre alla crema solare e parei colorati, è importante mettere in valigia una cartella documenti  con informazioni su usanze locali, rischi sanitari e copia della tua assicurazione viaggio.


← Voli Low Cost e Last Minute: come risparmiare sul biglietto aereo

Cosa fare a ferragosto 2016: 8 idee originali per la tua vacanza →