di Valentina Salis , 10.04.2018

Chi non ha mai pensato almeno una volta ad un viaggio in Cina? Sicuramente tutti, ma tra il dire e il fare ci sono di mezzo centinaia di città e luoghi da vedere.

Gli itinerari per visitare la Cina sono molteplici, e noi ve ne stiamo proponendo solamente uno che però vi permetterà di visitare 3 tra le città più importanti, e ovviamente anche la Grande Muraglia Cinese.

Questo tour può durare 15 giorni, o anche di meno se decidete di spostarvi con l’aereo. Se avete più giorni a disposizione, potete aumentare il numero delle escursioni.

Pechino (Beijing)

L’itinerario che vi proponiamo in questa guida di viaggio inizia proprio da Pechino (Beijing), una delle più importanti città della Cina, nonché la sua capitale, sempre al centro anche delle cronache mondiali.

Si tratta di una città veramente immensa, che si estende su quasi 20.000 chilometri quadrati e che conta circa 12 milioni di abitanti, che merita pertanto diversi giorni per essere visitata.

La maggior parte dei turisti, soprattutto italiani, si recano in Cina in estate, in genere ad agosto, quando si hanno più giorni di ferie, ma attenzione al meteo. In estate il clima di Pechino non è sicuramente ottimale, infatti troverete temperature alte, umidità, afa e non poche precipitazioni. Pertanto portate sempre con voi dell’acqua, un ombrello ed abiti traspiranti.

A detta delle principali guide di viaggio, le attrazioni più importanti della città sono 3: Piazza Tienanmen, la Città Proibita e il Palazzo d’Estate.

Piazza Tienanmen

Pur godendo di una fama paragonabile a quella di Piazza di Spagna o Times Square, ha una storia completamente diversa. Piazza Tienanmen è la piazza più grande del mondo, con una superficie di oltre 400 mila metri quadrati che nel corso della sua storia ha visto la parate di Mao Tse-Tung e nel 1989 ha visto morire migliaia di studenti.

Piazza Tienanmen è diventata il simbolo di un’epoca, e pur restando “Semplicemente una piazza” è probabilmente una dei luoghi più importanti di tutta la Cina.

La Città proibita

La Città Proibita è un luogo quasi leggendario, che conserva al suo interno una parte importante della storia della Cina. Descriverla è veramente difficile, solo le immagini possono permettervi di comprendere meglio di cosa stiamo parlando, ma tenete presente che si tratta di un complesso con oltre 700 edifici che risalgono alla dinastia Ming e Qing. L’area copre una superficie di oltre 700 chilometri quadrati, e per la sua enorme rilevanza storica, è stata dichiarata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità.

Il Palazzo d’estate

Conosciuto anche come “Yoheyuan Lu”, il Palazzo d’Estate è per prima cosa il luogo migliore dove trovare un po’ di sollievo dallo spossante clima estivo che troverete a Pechino. L’area infatti è stata costruita per permettere ai nobili e anche all’imperatore, di trovare un po’ di sollievo durante i mesi più caldi dell’anno. Qui troverete giardini, templi, piccoli laghi tante piccole attrazioni che renderanno la vostra visita memorabile.

Le altre attrazioni

Ovviamente Pechino non finisce qui, sono moltissime le attrazioni ancora da visitare, come per esempio il il Santuario Lamaista, il Museo nazionale della Cina, il Tempio di Confucio, l’Accademia Imperiale e ovviamente come non parlare della Grande Muraglia Cinese.

La Grande Muraglia Cinese

Prossima tappa del nostro tour è la Grande Muraglia Cinese, un luogo che quasi non necessità di presentazioni e che si trova poco distante da Pechino. Per raggiungerla la cosa migliore è affidarsi ad un tour organizzato, anche perché su 8000 chilometri di mura, bisogna sapere dove andare.

La visita alla Grande Muraglia Cinese rientra nella categorie di attività da “Fare almeno una volta nella vita”, non per niente stiamo parlando di una delle sette meraviglie del mondo.

Shanghai

Terminata la visita a Pechino e alla Grande Muraglia ci possiamo dirigere verso Shangai, un’altra delle città più importanti della Repubblica Popolare Cinese. Qui ad attendervi troverete per prima cosa una moltitudine di persone, siamo infatti nella città con più abitanti di tutta la Cina. Il vero punto di forza di Shanghai, oltre alle sei attrazioni, sta nell’architettura dei suoi edifici, molti dei quali realizzati in stile “Art Deco”.
Durante la vostra visita, per prima cosa vi consigliamo di recarvi lungo le vie del centro, dove potrete ammirare i grandi edifici tipici di una moderna metropoli. Se amate lo shopping, durante la vostra passeggiata, non dimenticate di recarvi lungo la Nanjing Road, dove troverete una miriade di negozi molto interessanti.
Ovviamente ricordate di dare spazio alla cultura, ritagliando un po’ di tempo per una visita al Museo di Sangai, mentre per una cena indimenticabile, non c’è niente di meglio del “Ristorante mobile” sulla Pearl Tower.

Hong Kong

Questo tour della Cina termina ad Hong Kong, un’altra città ricca di storia, tradizione ma anche figlia di una modernità imperante. Anche qui le attrazioni non mancano, come per esempio la “Symphony of Lights”, il gioco di luci più famoso della Città (se non della Cina). Tradizione e modernità si fondono ad Hong Kong, una città dove passerete dalla visita dei mercatini al tempio Wong Tai Sin e al Man Mo Temple, senza dimenticare l’importante Hong Kong Museum of History.

Per saperne di più sulle attrazioni più importanti della città, vi consigliamo di leggere il nostro articolo “Hong Kong: 10 attrazioni turistiche assolutamente da vedere”

Come spostarsi

Il viaggio da Pechino ad Hong Kong, passando per la Grande Muraglia è molto lungo, pertanto vi sconsigliamo di andare in auto, sia per una questione di tempo che di praticità: non conoscendo le strade e la lingua cinese, potrebbe essere molto difficile orientarsi.

Il modo più rapido per spostarsi è sicuramente l’aereo, consigliato sopratutto a chi ha meno di 15 giorni a disposizione, ma se volete osservare da vicino le campagne e i paesi della Cina, un viaggio in treno potrebbe essere un’esperienza molto interessante.

Se invece avete prenotato un viaggio organizzato di gruppo, potreste dover attraversare al Cina in autobus, che sarebbe comunque anche questa una bella esperienza.


← Festa dell’Indipendenza Americana: 4 luglio (Independence Day)

Dove andare in vacanza a luglio 2018: le mete migliori →