di Benedetta Gallo , 21.06.2018

Il Festival Internazionale di Benicàssim è uno dei più grandi e frequentati festival musicali del mondo, e si svolge appunto a Benicàssim, lungo la Costa del Azahar.

Questa suggestiva località turistica ospita ogni anno, per 4 o 5 giorni, musicisti di fama internazionale e turisti provenienti anche dal di fuori dell’Europa.

Il FIB, Festival Internazionale di Benicàssim, è cresciuto costantemente negli anni, fino a diventare una vera e propria manifestazione culturale, che si svolge in un spazio ben organizzato e con tutti i servizi.

Quest’anno dal 19 al 22 luglio vi aspettano 4 giorni di grande musica, ma se volete farne parte vi conviene affrettarvi per comprare i biglietti, prenotare il volo e il vostro alloggio dove dormire.

La storia

Il FIB, Festival Internazionale di Benicàssim, un tempo si chiamava “Festival Indipendente di Benicàssim”. La manifestazione infatti è nata a metà degli anni ’90, dalla volontà di Miguel e José Morán, il cui obiettivo era quello di dar spazio e voce alla musica indipendente (indie pop, indie rock etc…)

Successivamente sono arrivati sponsor importanti, tra cui la nota marca di birra “Heiniken”, migliorando sicuramente la notorietà del festival e coinvolgendo grandi nomi della musica, a discapito sicuramente dell’idea originaria.

La musica

Il festival ospita soprattutto rock band, ma la vena indipendente è ancora presente, soprattutto nelle fusion di stile con l’alternative, l’indie e l’elettronica.

Gli artisti più attesi per l’edizione del 2018 sono sicuramente Liam Gallagher e i “The Killers”, ma sono tanti i nomi che anche quest’anno saliranno sul palco della manifestazione, tra cui anche i Bastille, Trevis Scott e Nothing But Thieves. Altri nomi degni di nota del panorama musicale sono Two Door Cinema Club, The Vaccines, Wolf Alice, Melenas e Rusos Blancos.

Ma mano che ci si avvicina alle date del festival, possono essere aggiunti nuovi artisti.

I biglietti

Una delle particolarità del FIB è che dispone anche di un’area camping, il cui accesso può essere incluso nel prezzo del biglietto. Quest’anno, 4 giorni di concerto con accesso all’area, prevedono un costo a partire da 155 euro.

Aumentando i servizi, il prezzo del biglietto per 4 giorni può superare anche i 300 euro.

Non solo musica

Come abbiamo già accennato, il FIB è una vera e propria manifestazione culturale, pertanto non troverete solo tanta musica, ma anche mostre ed eventi speciali, inoltre vi trovate sulla bellissima Costa del Azahar, perché allora non fare un salto in spiaggia?

La manifestazione inoltre ospita anche un mercatino dove troverete oggetti vintage, abbigliamento, oggettistica varia e tanti souvenir.

Benicàssim: cosa vedere

Benicàssim non è solo conosciuta per il suo festival, ma è invece una destinazione turistica di tutto rispetto. Qui per prima cosa troverete un’estate che dura praticamente tutto l’anno, interrotta solo da un inverno breve e mite. Le spiagge sono lunghissime e molto piacevoli, piene di vita e di turisti. Anche la città ha le sue attrazioni, lasciate soprattutto dalle tracce della dominazione araba. Una di luoghi più suggestivi da visitare è sicuramente il Castello de Montornes, ma anche la Torre de San Vincente e il monastero dei carmelitani scalzi.

In poche parole, andate a Benicàssim per il FIB, ma restate per il il mare e la località in generale, non vene pentirete.

Consigli per il FIB

Per raggiungere Benicàssim il modo più pratico è sicuramente raggiungendo Valencia (leggi anche “Cosa vedere a Valencia? Scopri le 10 attrazioni più importanti”), che è a circa 90 chilometri di distanza. L’aeroporto di Valencia è infatti il più vicino al FIB, e anche se raggiungere Barcellona è più economico, i costi del treno rendono la scelta poco conveniente.

Assicurazione viaggio per la Spagna

Una volta comprati i biglietti prima di partire ed evitare spiacevoli inconvenienti ricorda di stipulare l'assicurazione viaggio per la copertura di eventuali spese mediche e smarrimento bagaglio. Va inoltre ricordato che le polizze assicurative prevedono anche la garanzia per l’annullamento. Grazie ai voli low cost una vacanza in Spagna può essere alla portata di tutti, ma potrebbe sempre risultare conveniente proteggersi dal rischio di perdere i soldi versati in anticipo in caso di annullamento.


← Little Italy a New York: guida di viaggio per visitare il quartiere

10 motivi per visitare Bali →