di Giorgia Alto , 29.01.2021

La Costiera amalfitana offre una varietà di itinerari diversi, perché è costituita da 16 comuni diversi, ognuno dei quali ha una storia e delle attrazioni culturali di particolare interesse e rilevanza.

Prendiamo ad esempio la città di Amalfi, da cui prende il nome tutta la costiera. Dalla Grotta dello Smeraldo, visitata da turisti di tutto il mondo, al centro storico con le sue viuzze e il Duomo, ai sentieri di trekking, ai laboratori di limoncello, Amalfi (come tutti i paesi della costiera), è un concentrato di risorse artistiche e naturalistiche.

Alcuni dei paesini più conosciuti sono anche Positano o Vietri sul Mare, il primo paese che incontriamo venendo da Salerno.

A Vietri, di particolare interesse è la tradizione della lavorazione delle maioliche. Si può decidere di stanziare in un singolo posto o organizzare un tour on the road scegliendo le tappe a seconda di quanti giorni si hanno a disposizione.

La Costiera Amalfitana: Sito UNESCO dal 1997

Sono 55 i siti italiani inseriti nella lista dei siti definiti dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO), Patrimonio dell’umanità.

Dal 1997, anche la Costiera amalfitana rientra nei siti UNESCO italiani.

Dove si trova e quali località comprende la Costiera Amalfitana

La costiera amalfitana è un’area che comprende una serie di località lungo la strada che collega Napoli a Salerno. Si tratta di circa 50 chilometri di costa con scorci mozzafiato: in tanti si fermano nelle aree di sosta dedicate solo per scattare selfie e foto al panorama.

Le località più note e famose, anche per chi viene dall’estero, sono:

  • Amalfi
  • Positano
  • Vietri sul Mare

Altrettanto belle, ma meno conosciute sono invece:

  • Atrani
  • Cava de' Tirreni
  • Cetara
  • Conca dei Marini
  • Furore
  • Maiori
  • Minori
  • Praiano
  • Raito
  • Ravello
  • Sant'Egidio del Monte Albino
  • Scala
  • Tramonti

Anche se tecnicamente non fa parte della Costiera Amalfitana, vi segnaliamo anche la bellissima Sorrento, uno dei centri più grandi della zona. Poco distante da Amalfi e Positano, è ideale come punto di partenza per esplorare questo bellissimo territorio.

La costiera amalfitana in Estate (il periodo migliore)

Quando il sole bacia con il suo calore le spiagge e il mare dei paesi della costiera amalfitana, questo è sicuramente il periodo migliore per passare le vacanze visitando un gioiello d’Italia lungo la costa campana.

L’estate, infatti, la costiera si riempie di turisti che provengono da tutto il mondo. Ma d’estate la costiera non è solo mare, sono tante le attività che potete fare sul posto: come passeggiate lungo sentieri naturalistici, immersioni subacquee, o la visita a città come Sorrento, Amalfi o Ravello, dove ogni anno si organizza anche il Ravello Festival evento musicale e culturale estivo.

La costiera amalfitana in inverno: cosa fare

Gli stabilimenti balneari e le spiagge sono chiuse è vero, ma il fascino del mare d’inverno può essere un buon motivo per passare anche qualche giorno della stagione fredda visitando la costiera amalfitana.

I paesi della costiera offrono dei paesaggi e degli scorci veramente caratteristici. La particolarità della costiera amalfitana sta infatti nel suo susseguirsi di paesi affacciati a strapiombo sul mare, tutti uniti da un’unica strada fatta di sinuose curve.

D’inverno spariscono il traffico, lo smog, il caldo e la folla di turisti, per conoscere la costiera nella sua dimensione più intima e accogliente.

Le spiagge più belle della costiera Amalfitana

Innanzitutto, mettiamoci d’accordo su cosa si intenda per “più belle”. Molte delle spiagge più belle sono nascoste e raggiungibili solo via mare, immerse in un fascino naturale e selvaggio.

Ad esempio, vi è la spiaggia del Duoglio che si trova ad 1 km da Amalfi. Molto nascosta, è riconosciuta come una delle spiagge con il mare più cristallino della costiera, raggiungibile via mare o dopo una discesa di 400 scalini.

Anche la spiaggia di Santa Croce è molto bella, ma raggiungibile solo via mare con il servizio navetta ed ha la particolarità di avere una grotta con i resti dell’omonima cappella.

Ci sono poi altre spiagge sempre belle, ma anche più conosciute e mondane, e quindi mete turistiche spesso molto affollate. Tra queste, ad esempio, c’è la spiaggia di Positano o quella di Amalfi “Marina Grande”, che oltre al mare e al sole godono anche di un bellissimo paesaggio.

Se non potete fare a meno della sabbia, allora la località giusta per voi è Vietri sul Mare. La maggior parte della costa, infatti, è composta da ciottoli.


← Assicurazione viaggio per UK dopo la Brexit: l'offerta di Columbus

Zanzibar a febbraio: clima perfetto per una vacanza →