di Giovanna Lucchi , 13.04.2022

Tutta l’organizzazione del sistema sanitario di Cuba ruota intorno alle necessità dei pazienti e, quindi, dei cittadini.

La sanità di Cuba è da tempo oggetto di interesse e di studio approfondito in quanto, nonostante questo paese abbia una situazione economica notoriamente problematica e paragonabile a quella dei paesi del terzo mondo, gli standard sanitari sono, al contrario, molto alti e molto più simili a quelli dei paesi occidentali.

Leggi anche "Visto per Cuba, Turistico o di lavoro: come richiederlo”.

Inoltre, è sorprendente il fatto che la sanità a Cuba riesce a raggiungere un livello così alto, se si considera che non dispongono degli stessi mezzi che hanno i paesi considerati economicamente più sviluppati.

A Cuba, infatti, non si trova la stessa varietà di medicine che potremmo trovare in Europa e le attrezzature mediche sono molto più arretrate.

Nonostante questo, però, i medici cubani riescono a raggiungere un grado di efficienza straordinariamente alto. Prima di tutto, per i cittadini cubani la sanità a Cuba è pubblica, totalmente gratuita e coperta da investimenti statali.

I medici e i professori cubani sono tra i più competenti al mondo e gli ospedali coprono un vasto campo di specializzazioni.

La struttura sanitaria è composta da:

  • Medici di famiglia, che corrispondono ai nostri medici di base e possono offrire assistenza sanitaria sia in ambulatorio che a domicilio e solitamente sono accompagnati da un’infermiera
  • Poliambulatori, dove si possono trovare medici specializzati in vari rami della medicina, anche se solitamente offrono assistenza sanitaria in collaborazione con i medici di famiglia
  • Ospedali specialistici dove vengono trattate problematiche più serie. Alcuni degli ospedali cubani hanno raggiunto una certa rilevanza anche a livello mondiale.

La storia della sanità cubana

Dopo la Rivoluzione cubana del 1953, la situazione dell’isola, dal punto di vista sanitario, era assolutamente disperata.

Nel paese, infatti, erano rimasti soltanto 16 professori di medicina, un numero pericolosamente piccolo se messo in proporzione con la popolazione cubana.

Il Ministro della Salute, allora, cominciò un’operazione di nazionalizzazione del sistema sanitario su larga scala che si svolse nel corso di molti anni.

Grazie a questo programma furono create tutte le strutture che ancora oggi compongono il sistema sanitario cubano, come ad esempio policlinici e ospedali anche nelle zone rurali, prima totalmente sprovviste.

Fu inoltre istituito un programma di vaccinazione obbligatoria per i bambini, venne istruito nuovo personale per aumentare il numero di medici operanti e si diede inizio ad un programma di prevenzione delle malattie infettive.

Questo lungo processo durò fino agli anni 80, quando fu finalmente istituita la figura del medico di famiglia attraverso il “Programma Medico di Famiglia”, che prevedeva la messa a disposizione di un medico e di un’infermiera per tutte le famiglie cubane.

Questo programma garantì l’assistenza sanitaria primaria al 95% della popolazione cubana.

Perché si dice che la sanità cubana è la migliore al mondo?

Come già anticipato, il sistema sanitario cubano è considerato uno dei migliori al mondo proprio perché riesce a raggiungere degli standard altissimi nonostante la scarsità di mezzi.

La vera forza della sanità cubana è la prevenzione: investendo e puntando sulla prevenzione, i cubani riescono ad evitare una mortalità precoce che sarebbe altrimenti inevitabile, considerando che non hanno accesso alla maggioranza delle medicine presenti nei paesi occidentali.

Grazie alla prevenzione, l’età media della popolazione cubana è assolutamente in linea con l’età media dei paesi europei, il che è un vero successo.

Inoltre, i medici cubani sono particolarmente preparati e competenti, tanto da trasformarsi spesso in un punto di riferimento anche a livello internazionale.

Farmaci a Cuba: quanto costano e come comprarli

Dato che i medicinali scarseggiano così tanto a Cuba, i prezzi possono essere anche particolarmente elevati. Si parla anche del triplo dei prezzi europei anche per i medicinali considerati più comuni nei paesi occidentali.

Oltre al problema del prezzo, c’è anche il problema della reperibilità. Sicuramente, se si necessita urgentemente di un medicinale, è consigliabile recarsi in uno degli ospedali internazionali o in una delle farmacie internazionali che solitamente sono leggermente più fornite e potrebbero avere dei farmaci in più.

Assicurazione viaggio per Cuba: obbligatoria dal 1° maggio 2012

A partire dal primo maggio 2012, non è più consentito entrare a Cuba senza assicurazione sanitaria. Inoltre, non tutti i tipi di assicurazioni sono accettate dal paese, per cui, prima di partire, è necessario informarsi su quali assicurazioni sono valide per entrare a Cuba.

Leggi anche “Assicurazione Sanitaria di viaggio per Cuba”.

L’assicurazione sanitaria è obbligatoria perché i soldi di tale assicurazione coprono i costi di eventuali visite ed interventi che possono rendersi necessari per imprevisti durante un viaggio.

Tags

visto cuba


← Visto Turistico Maldive: documenti necessari

I Monsoni: cosa sono e dove si trovano →