di Giorgia Alto , 10.06.2020

Grazie all’alta velocità, viaggiare in treno è sempre più comodo, non solo per lavoro, ma anche per andare in vacanza.

L’aereo infatti, per quanto sia un mezzo di trasporto incredibilmente veloce, richiede determinate tempistiche, come il check-in anche 2 ore prima, lunghe attese prima della partenza, controlli all’arrivo, senza contare il tempo che serve per raggiungere il centro città dall’aeroporto.

Ecco quindi che, soprattutto per i viaggi nazionali, il treno diventa una valida alternativa, se non la scelta migliore. Di questi tempi però, quando si parla di viaggi e di mezzi di trasporto, si parla molto anche di igiene.

Prendendo un mezzo di trasporto infatti, non solo il treno, si può entrare in contatto con germi e batteri, nonostante le sanificazioni sempre più frequenti.

Per questo, in rete è sempre più facile trovare consigli su come salvaguardare la propria igiene in viaggio, anche quando si prende un treno.

Come sempre però, vi consigliamo di porre le vostre domande non solo alla rete ma anche a veri esperti, come i medici.

Stazioni: sanificazione, distanziamento sociale e sicurezza

In generale, treni e stazioni non sono mai stati considerati luoghi particolarmente puliti, nonostante fosse già previsto un servizio di pulizia e sanificazione.

La pandemia di Coronavirus, però, ha portato in primo piano l’importanza dell’igiene sui mezzi di trasporto, tanto che oggi, sia stazioni che treni, devo rispettare standard di pulizia certamente più alti.

Come si può leggere online, sia sui siti delle principali compagnie ferroviarie, che sui giornali, le operazioni di sanificazione all’interno delle stazioni sono state intensificate.

Il personale è stato dotato di strumenti di protezione, mascherine e guanti, così da tutelare maggiormente sia se stessi, sia l’igiene dei viaggiatori.

Inoltre, in alcuni casi, è stato distribuito un “Kit di sicurezza” anche ai viaggiatori.

Per favorire il distanziamento sociale, all’interno delle stazioni sono stati creati dei percorsi dedicati per chi entra e per chi esce, pertanto, se non prendete il treno da prima della quarantena, prestate attenzione ai cartelli.

Per ragioni di sicurezza, in molte stazioni si misura la temperatura ai viaggiatori.

Precauzioni da prendere prima di partire

Prima di un viaggio in treno è importante assicurarsi di avere con se un gel igienizzante, così da poter pulire le proprie mani in qualsiasi momento.

A seguito della pandemia da Coronavirus, bisogna portare con se anche mascherina e guanti, bisogna inoltre evitare di viaggiare se si pensa di essere malati.

Può essere molto utile portare con se la propria borraccia termica, fazzoletti e non dimenticate anche un documento d’identità valido: i controllori potrebbero voler verificare i dati con cui avete acquistato il biglietto.

La sanificazione dei treni

I treni locali e regionali non sono mai stati famosi per l’igiene, mentre l’alta velocità ha potuto sempre vantare standard più elevati. Il punto debole di ogni treno, però, è sempre stato il bagno, tanto che è sempre stata considerata una buona abitudine portare con sé un gel igienizzante.

A seguito della pandemia, la pulizia dei vagoni ha dovuto raggiungere standard molto più elevati. Le aziende infatti si sono impegnate nel garantire una maggiore frequenza nelle pulizie che comprendono non solo bagni e pavimenti, ma anche sedili, braccioli, tavolini e filtri dell’aria condizionata.

Durante la sanificazione vengono utilizzati disinfettanti e antibatterici, inoltre, durante le soste più lunghe, sono previste ulteriori pulizie.

Precauzioni da prendere a bordo

L’igiene sui treni è certamente aumentato, ma sono in molti a ritenere che bisogna continuare a prestare attenzione.

Per esempio, anche in estate, sono in molti a preferire di non lasciare che la pelle entri a contatto con le superfici, coprendosi con abiti leggeri, di lino o cotone.

Il consiglio migliore, come è capitato spesso di sentire in questo periodo in radio e in televisione, è quello di lavarsi spesso le mani e di evitare di toccarsi occhi e viso.


← Idee di viaggio per chi trascorre le vacanze in Italia

Aurora Boreale in Norvegia: i luoghi migliori dove ammirarla →