di Giovanna Lucchi , 19.05.2021

L’idea dei Gardens by the bay nasce dalla volontà di migliorare la qualità della vita degli abitanti di Singapore, aumentando le zone verdi della città. Anche se era l’ormai lontano 2006 quando si è tenuta la competizione internazionale per la progettazione dei giardini, oggi sono presenti aree ancora aree da ampliare.

Nel frattempo, i Gardens by the bay attraggono ogni anno milioni di turisti riscuotendo un grande successo.

I Gardens by the bay coprono un’area di 101 ettari e sono stati costruiti al centro di Singapore, vicino al lago artificiale Marina Reservoir. Il concetto alla base della loro costruzione è il principio di sostenibilità ambientale.

I giardini sono stati infatti tutti progettati rispettando dei cicli sostenibili di energia e acqua. Le serre, ad esempio, sono state costruite in modo da ridurre al minimo il consumo energetico e utilizzare l’energia rinnovabile, ma in realtà tutto il complesso dei giardini rappresenta un vero e proprio macro-sistema che sfrutta le conoscenze tecnologiche per dimostrare la possibilità di un futuro più green ed ecosostenibile.

Un esempio fra tutti: gli alberi giganti del bosco dei Supertree contengono pannelli fotovoltaici e serbatoi di acqua piovana, quest’ultima viene raccolta in un grande bacino sotterraneo e viene immessa successivamente nel sistema d’irrigazione dei Gardens by the bay.

Le 3 sezioni dei Gardens by the bay

I Gardens by the bay sono suddivisi in tre sezioni che si affacciano tutte sull’acqua.

La più grande, con 54 ettari, è la Bay South Garden. L’accesso principale a questa sezione è dato da un ponte che attraversa il lago chiamato Dragonfly. Il Dragonfly Lake è il più grande dei due laghi contenuti nei Gardens by the bay.

La Bay East Garden è la seconda sezione più grande, con 32 ettari di terreno: si può passeggiare per 2 km costeggiando il lago artificiale Marina Reservoir, attraversando dei giardini a forma di foglia, ciascuno progettato secondo uno stile paesaggistico diverso.

Infine, il Bay Central Garden collega le due sezioni del Bay East Garden e South Garden e occupa un’area di 15 ettari. Questa sezione deve essere sviluppata ulteriormente nei prossimi anni.

Flower Dome e Cloud Forest

Flower Dome e Cloud Forest sono le due serre dei giardini sulla baia. La Flower Dome replica un clima mediterraneo e semi-tropicale, è la serra più bassa in altezza ma la più grande al mondo tra quelle open space, ovvero senza strutture interne. Complessivamente, occupa un’area di 1,2 ettari.

Qui ci sono sette diversi tipi di giardini, dal californiano al sud-africano, all’australiano, ed è possibile ammirare moltissime specie di fiori e piante, tra cui i famosi baobab.

La Cloud Forest imita un clima tipico delle foreste pluviali ad un’altezza di 2000 metri sopra il livello del mare, e misura 0,8 ettari. Qui troviamo anche un giardino verticale di 35 metri: diviso in piani, ognuno dei quali è rivestito da specie di piante diverse che seguono un tema ben preciso.

Supertrees Grove

Si tratta di una delle più note attrazioni di questi giardini: sono un bosco di 18 alberi costruiti in cemento e acciaio, alti fino a 50 metri. Sul tronco si coltivano dei giardini verticali, mentre alle estremità degli alberi ci sono migliaia di fiori che ne imitano la chioma. Sulla cima dell’albero più grande si è addirittura costruito un ristorante, mentre tra gli alberi è possibile godere del panorama mozzafiato salendo sulla skyway: una passerella alta 22 metri da cui guardare i giardini dall’alto.

Heritage Gardens

Circondano il Supertree Grove e sono un omaggio alle etnie che hanno dato origine alla città di Singapore: sono infatti quattro giardini a tema indiano, malese, cinese e coloniale. Un modo per studiare la cultura e le diverse influenze che hanno contribuito alla nascita di questa città.

Quello coloniale, ad esempio, testimonia il ruolo che ha avuto Singapore nel commercio di alcune piante come i chiodi di garofano, la noce moscata e il caffè.

World of Plants

Un grande giardino didattico dove scoprire e imparare tante caratteristiche riguardo il mondo delle piante: dall’importanza dei funghi al modo in cui le diverse specie si adattano alle condizioni più avverse. Un insieme di piante tropicali, alcune delle più antiche tra quelle conosciute, come per esempio le Cicadee una specie che ha migliaia di anni.

Singapore: le guida di viaggio

Non è la prima volta che parliamo di Singapore, questa incredibile città del sud est asiatico famosa in tutto il mondo. Prima di lasciarvi alla lettura delle nostre guide di viaggio dedicate, vi ricordiamo che l’Assicurazione di Viaggio Columbus offre coperture anche per chi viaggia a Singapore. Tra le tante coperture proposte, vi consigliamo di leggere la pagina “Speciale Covid-19”.

Leggi anche: 

Tags

Singapore


← Dove è stato girato il film Mamma Mia? Ecco le location

Le assicurazioni viaggio prevedono coperture in caso di pandemia? →