di Giorgia Alto , 21.10.2019

A marzo 2020 prendetevi una pausa dopo le fatiche invernali, staccate la spina, come fanno gli studenti universitari durante lo Spring Break e approfittate di questo periodo per assistere ad alcune delle manifestazioni più belle che, proprio per salutare l'inverno e accogliere la primavera, si festeggiano in varie parti del mondo. Fatevi incantare dalle lanterne cinesi durante la festa loro dedicata, portate con voi qualcosa di verde da indossare per il Giorno di San Patrizio in Irlanda, ammirate estasiati le bellissime Las Fallas di Valencia e vestitevi di bianco per il festival del colore indiano. Tornerete ai vostri impegni pieni di energia ed entusiasmo.

Festa delle lanterne: febbraio-marzo

La festa delle lanterne è uno degli eventi più scenografici e affascinanti a cui potete assistere, se decidete di andare in Cina tra febbraio e marzo. La data della festa non è fissa, ma varia perché legata al ciclo lunare e al Capodanno Cinese. I festeggiamenti infatti iniziano circa 15 giorni dopo, durante la prima notte di luna piena.

Le origini di questa ricorrenza risalgono a più di 2000 anni fa. A istituirla fu uno degli imperatori della dinastia Han che, adottando la consuetudine dei monaci buddisti di accendere le lanterne nei templi come simbolo di rispetto per Buddha, ordinò che nella notte del quindicesimo giorno del primo mese lunare, tutti dovessero accendere delle lanterne.
I simboli di questa festa però non sono solo le lanterne. Durante la festa infatti è possibile assistere a bellissimi spettacoli pirotecnici, alla “Danza del leone”, praticata per allontanare il male e attirare la buona sorte, senza dimenticare gli enigmi, che vengono incollati sulle lanterne volanti e che prevedono un piccolo premio per chi li risolve.

Per quanto riguarda invece i piatti tipici legati a questa festa, al primo posto ci sono sicuramente le Yuanxiao, palline di farina di riso vuote o ripiene che vengono cotte nell'acqua bollente, al vapore o fritte: assolutamente da provare.

Questa ricorrenza non si festeggia solo in Cina, ma anche in altri paesi di tradizione buddista come Nepal, Giappone, Vietnam e Bhutan, per cui se la vostra meta per le vacanze di marzo 2020 è l'Oriente non perdetevi lo spettacolo delle lanterne che illuminano il cielo come tante stelle fiammeggianti.

Leggi anche “Festa delle lanterne: dove, quando e come si festeggia”.

Las Fallas,Valencia (Spagna): marzo

Las Fallas, a Valencia prende il nome dalle strutture allegoriche che vengono allestite per l'occasione e che abbelliscono tutta la città. I festeggiamenti iniziano il primo di marzo, fino al 19, giorno in cui ricorre la festa di San Giuseppe.

In questo periodo si susseguono tutta una serie di eventi legati a questa festa. Dal primo di marzo inizia la Mascletà, ovvero spettacoli di fuochi pirotecnici per vedere i quali il pubblico si riunisce nella Plaza del Ayuntamiento.

Nella notte del 15 marzo inizia il rito de la Plantà, ovvero il montaggio delle imponenti e coloratissime strutture allegoriche. La sera del 18 marzo, invece, tutti ad assistere all'incantevole spettacolo dei fuochi d'artificio, mentre il 19 marzo, infine, la Cremà, il giorno in cui dopo aver scelto la statua che andrà ad arricchire il Museo Fallero, si bruceranno tutte le altre. Una sorta di rito di purificazione, per scacciare l'inverno e salutare l'arrivo della primavera.

Per quanto riguarda la tradizione gastronomica legata al festival più grande di Valencia, sappiate che in questi giorni non mancano le bancarelle di Buñuelos, squisite frittelle di zucca o di churros, bastoncini di pasta fritta da affondare nel cioccolato caldo, ideali per una pausa a dir poco energizzante.

St. Patrick’s Day, Dublino (Irlanda): 17 marzo

Il giorno di San Patrizio, patrono dell'Irlanda, si celebra il 17 marzo, sempre che non si debba dare la priorità a festività più importanti legate al periodo di Quaresima.

In questa giornata si celebra il compleanno del Santo e in Irlanda è festa nazionale. In realtà però questo evento è molto sentito anche in tutte quelle parti del mondo occidentale in cui la presenza della comunità irlandese è particolarmente forte, come nella città di Boston di cui San Patrizio è il patrono. In Irlanda i festeggiamenti prevedono fuochi d'artificio, parate, concerti ed eventi culturali che animano tutta la città. Da tradizione tutti devono indossare qualcosa di verde, colore del trifoglio, simbolo dell'Irlanda legato alla figura di San Patrizio, che lo avrebbe usato per spiegare ai celti la Santissima Trinità.

I luoghi in cui la festa è più sentita sono senza dubbio Dublino e “St Patrick Country” nell'Irlanda del Nord, dove si trova la tomba del Santo. La giornata si trascorre in giro per le strade e le piazze, con qualche sosta per bere della buona birra tradizionale e magari mangiare uno dei piatti che, per tradizione, si cucinano per questo giorno speciale. Primo tra tutti la deliziosa torta di mele, ma anche lo stufato di manzo alla Guinness o il colcannon, un piatto a base di patate e verza.

Leggi anche “San Patrizio: cosa sapere sulla festa e sul Santo Patrono d’Irlanda”.

Holi, (Festival del Colore o Festival dell’Amore) India: marzo

Il festival del colore, Holi, è una delle feste più emozionanti, che viene celebrata in India e nei paesi di religione induista. Il giorno è dedicato alla celebrazione dell'Amore e della Rinascita. Da tradizione si festeggia lanciandosi addosso delle polveri colorate, con il risultato di avere, alla fine della giornata, tutto il corpo completamente dipinto.

La festa non ha una data fissa che ricorre ogni anno, anche se di solito si il giorno dell'equinozio o quello della prima luna piena. Non è possibile segnalare con precisione neppure la durata precisa dell'evento, perché in alcune località dura tre giorni, mentre in altre addirittura 15.

Il festival dei colori, complici anche i social network, è diventato così famoso che anche in alcuni paesi europei, Italia compresa, vengono organizzati eventi simili.

Leggi anche “Holi, la festa dei colori dall’India al resto del mondo”.

Spring Break

Le parole dicono tutto, lo spring break infatti è la “Pausa di primavera” degli studenti universitari. Si tratta di un periodo a cavallo tra la sessione invernale e quella estiva, ideale per ricaricarsi e tornare ai propri impegni riposati e rilassati.

Anche se in questa settimana c'è sempre chi torna a casa per stare con la famiglia, sono veramente molti gli studenti che decidono di partire per qualche meta turistica alla moda in cui divertirsi, ballare e fare vita notturna. Il periodo dello Spring Break naturalmente varia in base al tipo di facoltà e al paese, anche se in genere comprende la settimana tra la fine di febbraio e il mese di marzo, salvo eccezioni, visto che alcune facoltà prevedono sessioni di esame fino ad aprile.
Gli studenti americani in genere preferiscono trascorrere questa settimana di riposo in una delle tante e isole dei Caraibi, mentre quelli italiani scelgono mete più economiche come la Croazia, la Grecia o la Spagna.

Le mete che vi abbiamo suggerito nel 2018 e nel 2019

Presentare tutte le destinazioni consigliate per una vacanza a marzo in un unico articolo è praticamente impossibile, per questo ogni anno ne segnaliamo solo alcune.

Negli anni passati abbiamo suggerito le seguenti destinazioni:

Per saperne di più su tutte le mete elencate, potete leggere le relative guide di viaggio, oppure potete leggere gli articoli riportati di seguito.


← La Storia del Carnevale di Rio de Janeiro

4 fantastiche idee per un viaggio avventura nel Sud America →