di Giorgia Alto , 28.02.2022

Se il Natale ha visto tanti italiani tornare a viaggiare, come sarà la Pasqua 2022?

Con contagi e ricoveri in calo, si può solo che sperare per il meglio, grazie anche ai vaccini e al Green Pass.

Già da inizio 2022, gli stati europei hanno iniziato gradualmente a ridurre le restrizioni vigenti, anche in merito località extra-europee.

Bisogna però ricordare che non siamo ancora usciti dalla Pandemia, e che nuove restrizioni sono ancora possibili. Per questo, prima di prenotare una vacanza, bisogna sempre consultare il sito della Farnesina “Viaggiare Sicuri”.

Certo è che tutti voglio tornare a viaggiare come prima della Pandemia, quando la situazione era “Normale”, ma a che punto siamo con il “Ritorno alla normalità”?

Ne parliamo in questo post.

Viaggi nei paesi extra-europei: dal 1° marzo 2022 cambiano le regole

Dal 1° marzo 2022 cambiano le regole per chi decide di andare in vacanza in un paese extra-europeo, questa volta, però, le cose cambiano in meglio.

L'ordinanza del 22 febbraio 2022, infatti, ha semplificato di molto i viaggi fuori dall'Europa, permettendo di rientrare in Italia senza dover sottostare a quarantena, come avviene in Europa.

Sono infatti stati aboliti i famosi "Elenchi di Paesi" A, B, C, D ed E. Per fare un esempio, adesso si può andare in vacanza in Tanzania e rientrare in Italia senza dover poi stare 5 giorni in quarantena.

Cosa prevede l'Ordinanza del 22 febbraio 2022 (in breve)?

L'ingresso sul territorio nazionale (Italia) è consentito alle seguenti condizioni: 

  • Presentazione, all'imbarco, del digital Passenger Locator Form
  • Presentazione, all'imbarco, di una delle certificazioni verdi COVID-19 
  • In mancanza di una delle 2 certificazioni si applica la quarantena presso l'indirizzo indicato nel digital Passenger Locator Form per 5 cinque giorni, trascorsi i quali, è obbligatorio sottoporsi a un test molecolare o antigenico

Le certificazioni verdi covid-19 possono essere presentate in formato digitale o cartaceo.

Per lo Stato del Vaticano e la Repubblica di San Marino non sono previste limitazioni, si viaggia esattamente come in territorio italiano.

Ricordiamo che puoi leggere il testo integrale dell'Ordinanza sul sito della Gazzetta Ufficiale a questo link -> https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2022/02/23/22A01318/sg

Precisazioni importanti:

  • Le nuove disposizione decadono se insorgono sintomi da COVID-19 
  • Nel caso si sia vaccinati con vaccini non riconosciuti dall'Ema, servirà invece anche in aggiunta un test Covid negativo
  • I paesi possono continuare a prevedere restrizioni per l'ingresso, come l'obbligo di quarantena
  • Consultare, prima di prenotare una vacanza, il sito del Ministero degli Affari Esteri "Viaggiare Sicuri".

La Mascherina all’aperto

Da venerdì 11 febbraio 2022, in Italia, non è più obbligatorio indossare la mascherina all’aperto, bisogna però portarla sempre con se e indossarla in caso di assembramento.

Rimane l’obbligo della mascherina all’aperto solo in Campania.

Bisognerà continuare a indossare la mascherina, invece, al chiuso, anche se già si parla di togliere tale obbligo a partire dal 1° aprile 2022.

Il 31 marzo 2022, tra l’altro, dovrebbe terminare lo “Stato di Emergenza” in Italia.

In diversi paesi Europei, invece, l’obbligo della mascherina è stato revocato prima dell’11 febbraio.

In Inghilterra, per esempio, dal 27 gennaio 2022 è stato revocato l’obbligo delle mascherine e del green pass, mentre il 21 febbraio sono state revocate tutte le restrizioni.

Green pass: ci sarà ancora?

Con il calo dei contagi e l’arrivo dell’estate, in Italia, già a febbraio 2022, si parla di eliminare l’obbligo di mostrare il green pass.

Come abbiamo anticipato, in paesi come l’Inghilterra è stato revocato l’obbligo di Green Pass a fine gennaio, mentre in Italia il 31 marzo verrà revocato lo Stato d’Emergenza.

Nel nostro Paese non è stata ancora fissata una revoca per il “Super Green Pass" o “Green Pass Base”, ma se ne inizia a discutere.

Tra le date possibili per dire addio alla misura, c’è il 1° aprile, in quanto il 31 viene meno lo “Stato di Emergenza”, ma come data è tenuta in considerazione anche il 15 giugno, giorno in cui dovrebbe terminare l’obbligo vaccinale per gli over 50.

Se la pandemia proseguirà la sua fase discendente, è plausibile pensare che in Europa, e forse anche in Italia, ci aspetti un’estate senza Green Pass.

Restrizioni per i viaggi: spariscono gli “Elenchi di destinazioni”

Praticamente dall’inizio della pandemia, il Ministero degli Affari Esteri ha creato 5 elenchi dove vengono inseriti i vari stati a seconda delle restrizioni previsti.

  • Elenco A
  • Elenco B
  • Elenco C
  • Elenco D
  • Elenco E

Per intenderci, all’interno dell’elenco “A” erano stati inseriti gli stati per i quali non era prevista alcuna limitazione per gli spostamenti, mentre si potevano raggiungere gli stati presenti dell’elenco “E” solo in presenza di precise motivazioni:

  • lavoro
  • motivi di salute 
  • motivi di studio
  • assoluta urgenza
  • rientro presso il domicilio, l’abitazione o la residenza propri o di persona, anche non convivente, con cui vi sia una relazione affettiva stabile e comprovata

Non era possibile raggiungere gli stati presenti nell’elenco “E” solo per turismo.

Attualmente, a seguito dell’ordinanza dell’ordinanza del 1° marzo 2022, la misura degli “Elenchi di destinazioni”, per indicare le restrizioni presenti nei vari paesi, non è più utilizzata dal Ministero degli Affari Esteri.

Vacanze di Pasqua: è già sold out in alcune regioni

Citando l’articolo del messaggero “Turismo, Palmucci (Enit): «Il 2022 è l'anno del rilancio, per Pasqua prenotazioni record»”, possiamo trovare ulteriori conferme della ripresa del turismo.

In Italia, come riportato dalla testata giornalista, già si possono registrare sold out in regioni come Emilia Romagna e Puglia.

Anche la Sardegna registra moltissime prenotazioni, come riportato da “La Nuova Sardegna” nell’articolo “Alberghi pronti a riaprire per Pasqua è già pienone”.

Come non accadeva da 2 anni, possiamo finalmente dire che a marzo è bene iniziare a prenotare la propria vacanza per Pasqua e Pasquetta.


← Capitali europee da visitare a marzo

Vacanze di Pasqua 2022 in Europa: 5 idee di viaggio →