di Marco Gregori , 05.08.2016

Chi va in Puglia questa estate può scegliere tra le 11 migliori spiagge che hanno ricevuto il marchio bandiera blu 2016. La provincia di Lecce festeggia il primo posto in classifica con quattro spiagge premiate; segue la provincia di Brindisi con Fasano, Carovigno e Ostuni. Le province di Bari e di Barletta-Andria-Trani sono state premiate rispettivamente solo con una spiaggia.

Per chi ha preferito la Puglia al mare della Sicilia o alla bellezza della Costiera Amalfitana ha solo l’imbarazzo della scelta su dove andare: Polignano a Mare con i suoi vicoli antichi con vista sull’Adriatico oppure optare per i colori delle spiagge del Salento? Per aiutarvi nel risovere questo dilemma ecco i nostri suggerimenti anche su cosa fare nelle 11 migliori spiagge bandiera blu in Puglia.

Leggi anche Le 13 migliori spiagge bandiera blu in Sicilia e Elenco spiagge bandiera blu 2016.

Polignano a Mare (Bari) Bandiera Blu 2016

Vera e propria gemma della costa della Valle d’Itria, Polignano a Mare sorge su una sporgenza rocciosa a strapiombo sul mare Adriatico e dista circa 33 km a sud di Bari. La piccola cittadina è famosa non solo per la qualità del mare e per la bellezza paesaggistica, ma anche per aver dato i natali al padre dei cantautori italiani Domenico Modugno. Chi sceglie di andare a Polignano questa estate, può cogliere l’occasione di visitare le vicine e caratteristiche cittadine di Locorotondo e di Martina Franca. Immancabile deve essere il tour di Alberobello, situata sempre nella Valle d’Itria e famosa per essere l’unico centro abitato costituito dai trulli, tipiche abitazioni contadine pugliesi risalenti al XVI. Tra il relax in spiaggia, il folklore locale e le iniziative dell’estate polignanese non ci sarà spazio per annoiarsi. Clicca qui per scoprire tutti gli eventi nel comune di Polignano e dintorni.

Margherita di Savoia (Barletta-Andria-Trani) Bandiera Blu 2016

Situata nel golfo di Manfredonia alle pendici del Gargano è famosa per ospitare la salina più grande d’Italia. Per le virtù terapeutiche delle sue acque è un’importante località termale e può essere il luogo ideale per chi desidera una vacanza dedicata al benessere senza rinunciare al mare e alla spiaggia. Da visitare il Museo Storico delle Saline, che si trova in un vecchio magazzino del sale adibito ora a ricevere turisti da tutto il mondo. In estate il museo è aperto tutti i giorni dalle 19.00 alle 23.00. Per maggiori informazioni su orari e visite clicca qui

Salina Margherita di Savoia - Puglia

Egnazia Case Bianche, Savelletri, Torre Canne - Fasano (Brindisi) Bandiera Blu 2016

In provincia di Brindisi, lungo la costa di Fasano, si estendono l’una accanto all’altra le spiagge di Egnazia Case Bianche, Savelletri e Torre Canne. Sulla spiaggia di Egnazia Case Bianche è consentito l’accesso ai cani; Savelletri è un delizioso villaggio di pescatori dove ogni estate si celebra la sagra del pesce spada; Torre Canne è rinomata per le sue terme e per le sue spiagge di sabbia bianca. Chi sceglie questo tratto di costa Adriatica non verrà deluso dalla bellezza dei paesaggi.

Torre Canne - Puglia

Punta Penna Grossa, Torre Guaceto, Carovigno (Brindisi) Bandiera Blu 2016

Le spiagge di Punta Penna Grossa e Torre Guaceto, poco distanti da San Vito dei Normanni, si trovano all’interno di un’area marina protetta dell’alto Salento. Questo tratto di costa è ideale per chi sogna una vacanza nel silenzio della natura.

Creta Rossa, Lido Fontanelle, Pilone, Lido Morelli – Ostuni (Brindisi) Bandiera Blu 2016

Ostuni con le sue spiagge non poteva mancare nella lista pugliese delle bandiere blu. Famosa al mondo come la “città bianca”, Ostuni ha tanto da offrire ai viaggiatori. Imperdibile è la visita alla quattrocentesca Cattedrale romanica-gotica che, arroccata al centro, domina tutto il borgo. La campagna circostante Ostuni vede un susseguirsi di caratteristici trulli e masserie.

Ostuni - Puglia

Roca, San Foca Nord, Centro, Torre Specchia, Torre Sant’Andrea, Torre dell’Orso - Melendugno (Lecce) Bandiera Blu 2016

Piccolo borgo salentino, Melendugno si afferma quest’anno con le spiagge di Roca, San Foca Nord, Centro, Torre Specchia, Torre Sant’Andrea e Torre dell’Orso. La costa è caratterizzata da sabbia bianca e finissima e chi desidera unire una vacanza al mare con un tour culturale ha a portata di mano il piccolo borgo di Melendugno e la città di Lecce a soli 19 chilometri. A Melendugno vale la pena visitare il Palazzo Baronale D’Amely che - nata originariamente come torre difensiva – si contraddistingue per la sua pianta stellare.

Alimini, Baia dei Turchi, Santo Stefano, Castellana, Porto Craulo, Madonna dell’Altomare, Idro, Porto Badisco - Otranto (Lecce) Bandiera Blu 2016

Chi vuole rivivere il mito della Magna Grecia è obbligato a passare per questo tratto di costa orientale. La leggenda vuole che l’eroe virgiliano Enea fosse approdato a Porto Badisco e accolto dal mare verde blu e dalle ginestre che popolano la baia. La Baia dei Turchi, inserita all’interno dell’Oasi protetta dei Laghi Alimini, è un altro luogo leggendario dove apparentemente sbarcarono i guerrieri turchi durante l’assedio alla città di Otranto nel XV secolo. Un tour consigliabile è la visita all’Oasi fino ad arrivare alla spiaggia di Alimini caratterizzata da una catena di dune che raggiungono anche i dodici metri di altezza.

Porto Badisco - Puglia

Pescoluse,Posto Vecchio, Torre Pali – Salve (Lecce) Bandiera Blu 2016

Famosa per essere le Maldive del Salento, Pescoluse si contraddistingue per i suoi fondali variopinti. La sabbia finissima e il mare cristallino le conferiscono un aspetto da spiaggia esotica: estesa per sei chilometri tra Posto Vecchio e Torre Pali è caratterizzata da una lunga fascia di dune tra cui è possibile ammirare gigli selvatici e felci. Chi ha voglia di un viaggio itinerante, può andare alla scoperta dell’entroterra del territorio di Salve e visitare il dolmen Argentina, tipica costruzione neolitica originariamente monumento funerario.

Torre Pali - Pescoluse - Puglia

La sorgente Zinzulusa – Castro (Lecce) Bandiera Blu 2016

La Grotta Zinzulusa è la regina delle grotte della costa pugliese con le sue stalattiti e stalagmiti. Il nome Zinzulusa deriva dal dialetto locale, “zinzuli”, l’equivalente in italiano di stracci per via delle stalattiti la cui forma ricorda i cenci usati dalle massaie. Chi visita Castro deve sapere che è famosa per la tradizionale pesca alla triglia, fra le più gustose della Puglia.

Grotta Zinzulusa - Puglia

Riva dei tessali, Pineta Giovinazzi, Castellaneta Marina, Bosco della Marina - Castellaneta (Taranto) Bandiera Blu 2016

Dune fossili, muretti a secco e macchia mediterranea donano a questo tratto di litorale una bellezza straordinaria. Chi visita queste spiagge avrà anche molte opzioni per divertirsi tra parchi divertimenti, discoteche, hotel e ristoranti.

Marina di Ginosa – Ginosa (Taranto) Bandiera Blu 2016

Sul Mar Ionio si affaccia questo meraviglioso angolo della Puglia fatto di ampie spiagge e acqua cristallina. Il luogo è ideale anche per chi ha voglia di immergersi nella natura passeggiando nelle rigogliose pinete nell’area protetta “Pinete dell’Arco Ionico”.

Come prepararsi al viaggio

La Puglia è una meta perfetta per chi desidera una vacanza itinerante data la sua varietà di paesaggi e la storia della sua costa e del suo entroterra: pianificare con anticipo i luoghi da visitare può essere dunque un buon suggerimento. Cartina geografica, vademecum delle informazioni raccolte sull’itinerario, navigatore satellitare, scorta di bottigliette d’acqua e anche l’assicurazione viaggio per limitare il danno degli imprevisti in vacanza sono un vero e proprio must.


← Cosa fare se a Ferragosto siamo a Milano?

Che cos'è la Death Valley ovvero la Valle della Morte americana →