di Maria Novella Vitucci , 26.05.2015

La fotografia è una delle nuove grandi passioni degli italiani e quella di viaggio ne costituisce il banco di prova privilegiato. Se le nuove tecnologie, soprattutto i cellulari con fotocamere sempre più sofisticate, sono all'origine di fenomeni come Instagram e Flickr, la fotografia di viaggio rimane legata alla tradizionale macchina fotografica, considerata un testimone più affidabile delle peregrinazioni degli italiani.

Da un'indagine condotta da eBay, l'acquisto di macchine fotografiche, fotocamere e accessori per la fotografia nel periodo estivo ha registrato una crescita del 38%, un dato confermato dall'elevata affluenza di internauti italiani su Trekearth, www.trekearth.com, un sito dedicato esclusivamente alla fotografia di viaggio, con pari attenzione alle specifiche tecniche dell'attrezzatura e della fotografia e ai luoghi ritratti.

Che gli italiani amino ritrarre i paesaggi che visitano in viaggi, escursioni, anche semplicemente gite fuori porta, è dimostrato dal successo delle mostre di fotografie di viaggio, sempre più frequenti e di vasto respiro.

A parte quelle, ormai classiche, del National Geographic, una grande stagione di mostre di fotografie di viaggio d'autore è stata aperta dal "Viaggio in Italia", la collezione di foto di paesaggi italiani di Luigi Ghirri, celebrata da un'inattesa affluenza di visitatori che ha incoraggiato a proseguire sulla stessa direttrice.

Importanti istituzioni culturali hanno accolto le opere di grandi fotografi di viaggio di tutte le epoche, da Irving Penn, recentemente ospitato presso la Triennale di Milano (www.triennale.it) a Salgado, protagonista di una grande mostra monografica itinerante.

Appassionati di fotografia ma, soprattutto, fotografi, più o meno dilettanti, gli italiani affollano corsi e concorsi di fotografia, aumentati di un terzo negli ultimi cinque anni. Un bisogno espressivo, quindi, oltre a quello sociale di ricordare e condividere i momenti più intensi e memorabili di un viaggio, sostenuti dalla disponibilità di attrezzature più leggere, versatili ed economiche, ha trasformato gli italiani, popolo di viaggiatori, in un popolo di fotografi di viaggio.

Immagine da https://www.flickr.com/photos/kadorin/


← La storia italiana tra Londra e Parigi

Vacanze studio: le mete preferite dai nostri studenti →